Oggi 15 Maggio compie 35 anni Tania Cagnotto, la tuffatrice Italiana, che è diventata anche telecronista sportiva.

Dopo essersi ritirata nel maggio 2017, è tornata alle competizioni a partire dal maggio 2019.

In vista di una possibile partecipazione alle Olimpiadi di Tokyo 2020 nel sincro da tre metri, insieme alla Dallapè.

È considerata la più grande tuffatrice italiana di tutti i tempi, un orgoglio per tutta la Nazione e per la Federazione Nuoto Italiana.

È figlia d’arte, in quanto il padre (e suo allenatore) Giorgio Cagnotto ha vinto numerose medaglie in campo mondiale ed europeo nel corso degli anni settanta.

Mentre la madre, Carmen Casteiner, dominava la scena italiana dei tuffi in campo femminile nello stesso periodo.

Il 24 settembre 2016 ha sposato all’isola d’Elba Stefano Parolin, da cui ha avuto una figlia, Maya, nata il 23 gennaio 2018.

Leggi anche: Nuoto, Magnini a Radio 24: “Tornare alle gare?Non chiudo le porte”.

La Carriera di Tania Cagnotto

Dopo essersi imposta a livello giovanile nel 1999, 2000 e 2001, si è affermata successivamente a livello assoluto nel panorama europeo.

Agli Europei di Berlino 2002 ha vinto il bronzo dal trampolino sincronizzato dai 3 metri con Maria Marconi e l’argento dalla piattaforma.

Agli Europei di Madrid 2004 ha vinto il bronzo dal trampolino da 1 metro e l’oro dalla piattaforma.

A livello mondiale ha vinto la medaglia di bronzo dal trampolino da 3 metri ai Mondiali di Montréal nel 2005.

Si tratta della prima medaglia mondiale vinta da una tuffatrice italiana.

Le Stagioni 2006-2008 di Tania Cagnotto

Durante il biennio 2005-2006, Tania si trasferisce nelle strutture dell’Università di Houston per potersi allenare con la direttrice tecnica che ha formato agonisticamente la tuffatrice russa Julia Pakhalina.

Da sempre ritenuta dalla bolzanina il modello di tuffatrice ideale, aggiudicandosi diverse volte il titolo di Women’s Swimmer and Diver of the Week (nuotatrice e tuffatrice della settimana).

L’arrivo dell’uragano Rita interrompe bruscamente la permanenza in Texas.

Il 24 marzo 2007, riconquista il terzo posto ai Mondiali di Melbourne, consolidando tutta la sua fama e classe.

L’anno successivo, ai Campionati europei di nuoto 2008 di Eindhoven conquista la medaglia d’oro nell’individuale e il bronzo nel sincro dalla piattaforma, in coppia con Noemi Batki.

Il 17 agosto 2008, nella finale trampolino 3 metri, alle Olimpiadi di Pechino si classifica in quinta posizione con 349,20 punti, suo record personale in una manifestazione internazionale.

Per la prima volta ottiene più di ottanta punti in un tuffo.

Le Stagioni 2009-2012 di Tania Cagnotto

Il 3 aprile 2009 ai Campionati europei di Torino vince, con 290,90 punti, l’oro nella finale del trampolino da un metro precedendo di circa dieci punti la connazionale Maria Marconi, portando così ad una storica doppietta per l’Italia.

Il giorno dopo arriva la medaglia d’oro anche nella gara del trampolino 3 metri con un punteggio di 345,85, bissando il successo colto il giorno prima nel trampolino da un metro.

Il 5 aprile 2009 si aggiudica il terzo oro consecutivo, questa volta nella gara sincro nel trampolino da 3 metri, in coppia con l’altra italiana Francesca Dallapé.

Contribuendo in modo determinante allo storico record di sette medaglie conquistate dall’Italia nella manifestazione europea.

E diventando così la prima tuffatrice, la seconda in assoluto dopo Dmitrij Sautin, ad aggiudicarsi tre ori in una sola edizione dei Campionati europei.

Leggi anche: Nuoto: rinviati al 2022 i Mondiali di Fukuoka.

La partecipazione di Tania Cagnotto ai Mondiali di Roma 2009

Il 21 luglio 2009, ai Campionati mondiali di nuoto a Roma conquista la medaglia di bronzo con 341,25 punti nel trampolino da 3 metri, il terzo bronzo iridato consecutivo nella specialità dopo quelli di Melbourne 2007 e di Montréal 2005.

Tre giorni dopo, insieme con Francesca Dallapé, conquista la prima medaglia d’argento nella storia dei tuffi femminili italiani nel sincro al trampolino da 3 metri con il punteggio di 329,70.

Giunge in finale anche nel trampolino da 1 metro, finendo la gara al quarto posto.

Tania Cagnotto agli Europei di Budapest 2010

Il 10 agosto 2010, ai campionati europei di nuoto di Budapest, conquista la medaglia d’oro nei tuffi dal trampolino da un metro con 299,70 punti davanti alla svedese Anna Lindberg.

Dopo qualche giorno, nella finale del trampolino da 3 metri, dove parte favorita per la lotta all’oro, arriva a fatica sesta tra la delusione di tutto il team Italia.

Nella stessa competizione, il 15 agosto 2010, in coppia con Francesca Dallapé, la Cagnotto sale sul gradino più alto del podio della gara di tuffi del sincro dal trampolino di 3 metri, con il punteggio di 327,90.

2011: Torino ospita gli Europei di Tuffi

L’11 marzo 2011 conquista la medaglia d’oro ai Campionati europei di tuffi di Torino 2011 dal trampolino da 1 metro femminile, ottenendo anche il nuovo record di punti a livello europeo (312,05 punti).

L’azzurra ha preceduto la russa Nadežda Bažina e la svedese Anna Lindberg.

Conquista successivamente, nella stessa manifestazione, anche la medaglia di bronzo nel trampolino da 3 metri e l’oro dai 3 metri nel sincronizzato, con la sua compagna Francesca Dallapé.

Dopo l’incidente del 19 maggio 2011, aveva sospeso la preparazione e messo in dubbio la sua presenza a Shanghai 2011.

Recuperata, anche se non del tutto, per le gare cinesi, ha partecipato in non perfette condizioni alla gara del trampolino sincro da 3 metri con la Dallapé arrivando sesta.

Il 19 luglio 2011, dopo essersi qualificata per la finale con il dodicesimo e ultimo posto disponibile, ha ottenuto un mirabile terzo posto dal trampolino da 1 metro femminile, precedendo per il podio Maria Marconi.

Leggi anche: Nuoto: Europei di Budapest rinviati al 2021.

2012: Le Olimpiadi di Londra non soddisfacenti per Tania Cagnotto

Il 29 luglio 2012, alle Olimpiadi di Londra, nei 3 metri sincro insieme a Francesca Dallapé, arriva ai margini del podio classificandosi al quarto posto.

Il 5 agosto 2012, sempre a Londra, per 20 centesimi non riesce a raggiungere il podio, chiudendo anche in questo caso in quarta posizione, con grande delusione.

Le Stagioni 2013-2016 di Tania Cagnotto

Il 21 giugno 2013, durante i campionati europei svoltisi a Rostock, vince la medaglia d’oro nel trampolino da 1 metro.

Nelle giornate successive vince la medaglia d’argento nel trampolino dai tre metri ed anche il quinto oro consecutivo nel sincro con la fedele compagna Dallapé.

Tania Cagnotto conquista così la 19 medaglia continentale, superando lo storico record dello zar Dmitrij Sautin.

Il 20 luglio 2013, nella prima giornata di gare dei campionati mondiali di Barcellona 2013, vince nel sincro 3 m la medaglia d’argento in coppia con Francesca Dallapé.

Trampolino 1 Metro 2013: Tania cagnotto perde la medaglia d’oro per 10 centesimi

Quanto alla gara da un metro, il 23 luglio 2013, al termine di una gara condotta in testa fin dal secondo giro di tuffi, perde la medaglia d’oro per soli 10 centesimi a favore della cinese He Zi.

Conquistando così un argento che è comunque storico in quanto è il primo conquistato in una gara individuale.

Infine il 27 luglio 2013, nella gara individuale dai 3 metri, si classifica al 4 posto.

2014: Europei di Nuoto di Berlino

Il 20 agosto 2014, durante i Campionati europei di nuoto a Berlino, vince la medaglia d’oro nella gara del trampolino da un metro con un punteggio di 289,30.

Il 23 agosto 2014, assieme alla compagna Francesca Dallapé conquista il sesto oro consecutivo in una competizione europea nella gara di sincro dal trampolino dei tre metri con il punteggio di 328,50.

Il giorno seguente porta a casa la medaglia d’argento nella gara dal trampolino 3 m con il punteggio di 318,25.

Il 12 giugno 2015 ai Campionati europei di tuffi a Rostock vince la sua quindicesima medaglia d’oro in un campionato europeo nella finale del trampolino da un metro.

Davanti alla russa Nadežda Bažina, seconda classificata e alla ucraina Olena Fedorova, terza.

Il giorno seguente è ancora oro nel trampolino tre metri sincro in coppia con Francesca Dallapé, staccando di circa dieci punti la coppia tedesca, bronzo per la Russia.

Dopo tale successo il duo italiano passa alla storia per essere diventata la coppia più longeva e vincente nel mondo dei tuffi.

Leggi anche: Dejan Savić: l’allenatore di pallanuoto più vincente.

2015: Tania Cagnotto vince la Medaglia d’oro

Il 14 giugno 2015, Tania conquista la medaglia d’oro nel trampolino tre metri ottenendo il pass olimpico per Rio 2016 e il record personale di tre ori nelle tre gare disputate che mancava dai Campionati europei di tuffi 2009.

Il 28 luglio 2015, ai campionati mondiali di nuoto svoltisi a Kazan, in Russia, conquista il suo primo titolo iridato (prima italiana nella storia).

Trionfando nella gara del trampolino da 1 metro sconfiggendo le due avversarie della nazionale cinese Shi Tingmao e He Zi.

Il 1 agosto 2015 arriva terza nei tuffi dal trampolino da 3 metri.

Il 2 agosto arriva terza nel trampolino da 3 metri sincronizzato misto con Maicol Verzotto.

Nella gara del sincro femminile, in coppia con Francesca Dallapé giunge al quinto posto.

Alle olimpiadi di Rio 2016 conquista l’argento nel trampolino da 3 metri sincronizzato con Francesca Dallapé e il bronzo sempre nel trampolino da 3 metri, preceduta proprio dalle cinesi Shi Tingmao e He Zi.

Le Stagioni 2017-2019 di Tania Cagnotto

Nonostante nelle interviste dopo le olimpiadi avesse annunciato il ritiro dalle competizioni, la Cagnotto prende parte ai campionati assoluti del 2017, in programma in maggio a Torino, in cui conquista il suo tredicesimo titolo italiano nel trampolino da 1 metro.

A partire dai campionati mondiali di nuoto 2017 di Budapest fa il suo esordio come commentatrice tecnica per la RAI.

Nel maggio 2019 torna alle competizioni, partecipando ai campionati nazionali nel sincro da tre metri insieme alla Dallapè, in vista di una possibile partecipazione alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Le due si piazzano seconde dietro alla coppia formata da Elena Bertocchi e Chiara Pellacani.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20