buon compleanno Andrea Iannone
by https://www.flickr.com/photos/tomohiko_tanabe/6245834229/in/photolist-avVwV4-6jXF9d-8R8L33-6jTtZ2-8R5Dm6-6jXFb5-8R8Lf1-8R5DhZ-8R8LtN-8R5DeR-8R8LaL-p3TFu4-5wLjmz-uKbAtB-Kchyp3-Jj42SG-xJPwF4-8dPtS1-nSjfss-8dPtML-8dLdUg-GpyLXE-eqPMBB-euy62s-nbmYS2-et4Cj8-et7X3h-GiG1rw-297WWqB-8dLdsH-5ArQpB-et4GeH-GiGrk9-5ArPSx-5ArRt8-nXsjYr-nXevqk-nXxMC8-nzW27W-nF4RZQ-5Aw7R5-awzjcD-nZhDrp-awhkV9-nF46qb-nQkyjm-nzWE3B-6Fu2eH-6Fy4xU-A4oMTK

Buon compleanno ad Andrea Iannone! il giovane pilota di MotoGp compie 31 anni! In questo articolo vi raccontiamo la vita e alcune curiosità sul pilota più chiacchierato del paddock.

Tanti auguri Andrea!

Buona compleanno ad Andrea Iannone, che oggi compie 31 anni! Iannone, si sa, è uno dei motociclisti più discussi e controversi del motomondiale, per le sue prestazione tra le curve della prista (…e non solo).

Passato dall’essere protagonista delle notizie di gossip e i flirt con note bellezze della tv italiana, alla sospensione dalle corse per un presunto caso di doping, il pilota sta affrontando uno dei periodi più difficili della sua carriera agonistica.

Oggi infatti, Andrea avrebbe dovuto festeggiare il suo 31esimo compleanno sul circuito di Brno, dove si è svolta la terza tappa del campionato del mondo di MotoGp. Tuttavia, Iannone è ancora in attesa di un verdetto definitivo sul caso che ha decretato la sua sospensione dal mondo delle corse.

Lo scorso aprile, infatti, era stata riconosciuta la sua innocenza sulla presunta assunzione di sostanze dopanti attraverso l’alimentazione avvenuta inconsapevolmente, secondo quanto dichiarato da fonti vicine all’atleta abruzzese. Questo gli è costato una lunga sospensione che si è aggiunta alla fine della sua relazione con l’influencer Giulia De Lellis, avvenuta lo scorso gennaio nei mesi precedenti al lockdown.


Andrea Iannone, sentenza rimandata


Chi è Andrea Iannone?

Classe ’89, Andrea Iannone nasce a Vasto, una cittadina di circa 40000 abitanti situano nella provincia di Chieti, in Abruzzo.

La passione per la moto lo accompagna sin da piccolo, una caratteristica che contraddistingue tutti i grandi campioni del motomondiale. Già alle elementari infatti possedeva una minimoto che si divertiva a smontare e rimontare una volta tornato da scuola, con il sogno di arrivare a correre con i mostri sacri della Motogp.

Ben presto il sogno diventa realtà! All’età di 15 anni il giovane Andrea fa’ il suo esordio nel mondo delle corse quando prende parte al campionato italiano e spagnolo di Velocità in sella ad una Aprilia al team Abruzzo Junior.

Dal 2006 al 2009 corre nella classe 125 del motomondiale alternando diversi team, dove ottiene risultati altalenanti dovuti sia alla moto sia a qualche infortunio di troppo dovuto alla sua attitudine di cercare sempre il limite in pista. Da questa attitudine nascerà quello che ora è il suo soprannome: “The Maniac”.

Il passaggio in Moto2

Passato in Moto2 nel 2010 con la Speed Up del team di Luca Boscoscuro, arrivano i primi risultati. Ottiene tre vittorie in Italia, Paesi Bassi e Aragona, due secondi posti in Germania e Valencia, tre terzi posti tra Repubblica Ceca, Malesia e Australia e ben cinque pole position. Conclude la sua stagione di rookie al 3º posto con be 199 punti.

Anche i due anni successivi portano i loro frutti: nel 2011 e nel 2012 corre in sella alla Suter MMX e si conferma in entrambe le annate come terzo nel mondiale. Gli anni della Moto2 sono anche gli anni delle celebri battaglie con un giovanissimo Marc Marquez. L’anno seguente passa in MotoGP.

Marquez ed io abbiamo vissuto delle grandi sfide, avuto delle grandi battaglie che hanno dato vita a delle belle gare, mi manca questa lotta

Iannone ai tempi delle battaglie tra i cordoli con Marquez

Il passaggio in MotoGp

Il 2013 è l’anno dell’esordio nella Classe Regina, dove corre in sella alla Ducati Desmosedici del team Pramac Racing. Con il team toscano ottiene come miglior risultato un ottavo posto in Australia. La stagione è tuttavia condizionata da un grave infortunio alla spalla che lo costringerà a saltare ben due Gp. Nel 2014, con lo stesso team, ottiene tre quinti posti classificandosi il decima posizione nella classifica generale con 102 punti.

Al termine della stagione 2014 firmerà un contratto biennale con il team ufficiale Ducati, nel quale affiancherà il connazionale Andrea Dovizioso.

Le due stagioni nella scuderia ufficiale della casa bolognese sono caratterizzate da una sequenza di alti e bassi che segnano indelebilmente la carriera del pilota all’interno del team.

Dice addio alla Ducati al termine del 2016, per firmare un contratto di due anni con la Suzuki. Con la moto giapponese, Iannone ottiene come miglior risultato un quarto posto in Giappone e termina la stagione al tredicesimo posto con 70 punti. Nel 2018 trova il terzo posto in diverse occasioni: nel Gp delle Americhe, a Jerez e nel Gp di Aragona. Ad ottobre dello stesso anno arriva secondo in Australia

Gli anni recenti e le ultime vicende

Nel 2019 Andre sceglie nuovamente una moto italiana: passa all’Aprilia Racing Team Gresini per mettersi in sella alla moto Aprilia RS-GP. La stagione, tuttavia, non è delle migliori. Il connubio tra il pilota di Vasto e la moto di Noale non è dei migliori. La stagione prende una brutta piega, quando un infortunio alla spalla costringe il pilota italiano a saltare il Gran Premio di Spagna. Chiude la stagione piazzandosi al sedicesimo posto nella classifica finale con 43 punti.

Il 2020 lo avrebbe dovuto vedere protagonista sempre per il team della Casa di Noale. La vicenda del doping ha bloccato tutto, con la squalifica che resta in attesa di conferma o annullamento.


Iannone: 18 mesi di stop per contaminazione


Buon compleanno Andrea Iannone! I migliori auguri dalla nostra redazione!

Nell’attesa di un suo rientro in pista (il più presto possibile, si intende), la nostra redazione augura un buon compleanno ad Andrea Iannone, fiduciosi di rivederlo in sella alla sua Aprilia o più forte di prima!

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20