tecnica red bull
BAHRAIN, BAHRAIN - MARCH 28: Second placed Max Verstappen of the Netherlands driving the (33) Red Bull Racing RB16B Honda arrives in parc ferme during the F1 Grand Prix of Bahrain at Bahrain International Circuit on March 28, 2021 in Bahrain, Bahrain. (Photo by Lars Baron/Getty Images) // Getty Images / Red Bull Content Pool // SI202103280288 // Usage for editorial use only //

La regina tecnica della stagione 2021 della Formula 1 è la Red Bull. La squadra anglo austriaca è accreditata di avere la monoposto migliore, per certi versi persino superiore a quella Mercedes dominatrice dell’ultimo decennio. In Bahrain, solo un’ingenuità di Max Verstappen (o un colpo da maestro di Lewis Hamilton) hanno impedito al team di Milton Keynes di conquistare una vittoria meritata. La scuderia guidata da Chris Horner medita la rivincita nel prossimo GP ad Imola, dove introdurranno un nuovo pacchetto aerodinamico. Ma le ultime indiscrezioni parlano di un’ulteriore sorpresa: le quattro ruote sterzanti! Vi spieghiamo il tutto in questo articolo.


Red Bull-RB16B: per il Gp di Imola arrivano miglioramenti


Tecnica F1: Red Bull vuole introdurre le quattro ruote sterzanti?

Non esattamente. Regolamento alla mano, un impianto meccanico, o idraulico, per cambiare l’angolatura delle ruote posteriori è vietato, ma si può simularne l’effetto attraverso una strategia pianificata. Adottando una serie di regolazioni tra molle, ammortizzatori, brake by wire e quant’altro, un team può riprodurre quell’effetto di direzionalità maggiorato che si avrebbe adottando un sistema di ruote sterzanti “vero”. I vantaggi sarebbero molteplici: oltre ad avere una vettura più precisa in curva (specialmente in quelle veloci), il sistema aiuterebbe a ridurre l’usura delle gomme. Voci di corridoio indicherebbero che le Pirelli di quest’anno, con una carcassa più rigida, favorirebbe questo “gioco” di simulazione.

Questo espediente è tanto efficace quanto complicato. E’ una cosa che non si può ottenere dall’oggi al domani, perché non basta fare i dovuti setting, ma bisogna farli combaciare perfettamente (in ogni sistema, il tutto è più della somma delle parti). La Red Bull avrebbe chiesto aiuto ad una società tedesca, la quale si sarebbe offerta di studiare una soluzione. Sarebbe stata proprio tale società, di cui non conosciamo il nome, a suggerire la proposta alla direzione tecnica, guidata dal “genio” Adrian Newey. Staremo a vedere cosa uscirà fuori dalle menti brillanti della squadra dei bibitari, la quale dovrà sfoggiare qualunque arma per abbattere il “Panzer” di Brackley.

Immagine in evidenza di Red Bull Content Pool, per gentile concessione

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20