ll logo del Tor des Géants per la decima edizione della corsa
Oliviero Bosatelli taglia per primo il traguardo di Courmayeur.
Oliviero Bosatelli taglia per primo il traguardo di Courmayeur

La decima edizione del Tor des Géants, il Tor X, ha regalato come ogni anno tantissime emozioni: sorpresa, felicità, fatica, delusione, rabbia e soddisfazione. Gli atleti in gara come ogni anno portano il loro corpo allo stremo delle forze, in quella che è una delle gara più dure e competitive al mondo.

Tra i magnifici paesaggi e sentieri alpini della Valle d’Aosta anche quest’anno non per tutti il Tor des Géants è andato come ci si aspettava alla partenza; le condizioni meteo spesso proibitive e il tracciato durissimo come sempre ogni anno causano il ritiro di molti atleti, che non riescono a portare al termine il percorso.

Il Tor des Géants 2019 partito l’8 settembre, regala subito emozioni durante la prima notte di gara; infatti il due volte vincitore della gara, l’atleta gressonaro Franco Collé a causa di un problema agli occhi, per il tanto freddo patito durante la nottata (si parla di temperature arrivate vicino ai -10° C) si è dovuto ritirare nei pressi di Champorcher, non potendo così inseguire il sogno del terzo successo al Tor.

Franco Collé, due volte vincitore del Tor des Géants, quest'anno si è dovuto ritirare durante la gara.
Franco Collé, due volte vincitore del Tor des Géants, quest’anno si è dovuto ritirare durante la gara

Un altro ritiro eccellente è stato poi quello dell’altoatesino Peter Keinzl, che si è dovuto forzatamente ritirare a Eaux Rousses, dopo aver occupato le prime posizioni della classifica a lungo.

Il ritiro di atleti così preparati e abituati a questa competizione fa capire ancor di più la difficoltà del percorso e le insidie che esso propone, che però sono anche il bello della corsa, che attira atleti da tutte le parti del mondo proprio per la sua tipicità e il suo tracciato mozzafiato tra le montagne valdostane.

Uno dei fantastici panorami che gli atleti posso vedere durante la gara, tra le montagne della Valle d'Aosta.
Uno dei fantastici panorami che gli atleti posso vedere durante la gara, tra le montagne della Valle d’Aosta

LA CLASSIFICA:

Tra ritiri e insidie a vincere la decima edizione del Tor des Géants è stato Oliviero Bosatelli.

L’atleta bergamasco dopo una lunga ed estenuante cavalcata solitaria tra le vette della Valle d’Aosta è arrivato per primo al traguardo di Courmayeur, bissando il successo che aveva ottenuto nel 2016 e raggiungendo così proprio Franco Collé nell’albo d’oro del Tor.

Bosatelli vince il Tor des Géants per la seconda volta, bissando il successo ottenuto nel 2016.

Oliviero Bosatelli intervistato dichiara tutta la sua felicità per la grande prova che a 50 anni lo ha portato a vincere il Tor des Géants 2019 (https://youtu.be/JJJ5BqjTe68).

Bosatelli ha tagliato il traguardo di Courmayeur ieri, mercoledì 11 settembre alle 12.37.13, dopo soli 3 giorni, 37 minuti e 13 secondi, precedendo tutti in questa gara così complicata e difficile, come lui stesso ha rivelato nell’intervista dopo la premiazione.

Il bergamasco ha vinto nettamente e ha preceduto di ben 5 ore il secondo classificato, il Canadese Galen Reynolds che ha completato la gara in 3 giorni, 5 ore, 6 minuti e 12 secondi. Sul terzo gradino del podio invece è arrivato Lanternino Danilo che ha percorso il tracciato in 3 giorni 7 ore, 9 minuti e 46 secondi.

A vincere tra le donne il Tor des Géants 2019 è stata invece la spagnola Trigueros Garrote Silvia Ainhoa che ha conclusa la gara, dominando tra le donne, in 3 giorni 13 ore, 23 minuti e 15 secondi. Anche per lei questa è la seconda affermazione nella competizione, dopo il successo dello scorso anno.

 Trigueros Garrote Silvia Ainhoa taglia il traguardo dell'edizione 2018 del Tor des Géants.
Trigueros Garrote Silvia Ainhoa taglia il traguardo dell’edizione 2018 del Tor des Géants

La seconda atleta ad arrivare a Courmayeur è stata invece la francese Pauly Jocelyne che ha concluso in 3 giorni, 22 ore, 22 minuti e 2 secondi.

La terza donna attualmente è Boggio Chiara che è ancora in gara, essendo uscita dalla base di Bosses oggi alle 5 e 30 del mattino, ed è in avvicinamento al Rifugio Frassati, nei pressi di Saint-Rhemy-en-Bosses.

La competizione dunque è ancora in corso, con la maggiorparte degli atleti che devono ancora tagliare il traguardo, e con soli 23 atleti che finora sono giunti al termine del percorso.

ORDINE DI ARRIVO:

  1. Bosatelli Oliviero
  2. Reynolds Galen
  3. Lanternino Danilo
  4. Erwee Tiaan
  5. Lukas Jens
  6. Trigueros Garrote Silvia Ainhoa (1° Donna)
  7. Manole Ionel Cristian
  8. Arbizu Andueza Patxi
  9. Pignacchino Paolo
  10. Raichon Sebastien
Tor X, la decima edizione del Tor des Géants.
Tor X, la decima edizione del Tor des Géants

Articoli correlati: https://sport.periodicodaily.com/tor-des-geants/.

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.