Tour de France 2019: Presentazione terza tappa Binche-Epernay

Dopo la cronosquadre che ha incoronato la Jumbo Visma e Mike Teunissen, il Tour riparte con una terza tappa in cui la corsa entrerà finalmente in Francia

3° Tappa Binche-Epernay (215 km)

TAPPA 3: BINCHE-EPERNAY

Il Tour de France 2019 riparte da Binche, con una terza tappa dal profilo interessante, e con l’arrivo della Grand Boucle in territorio francese, dopo due tappe in Belgio

Dopo la seconda frazione, che ha incoronato il Team Jumbo Visma e Mike Teunissen (che resta maglia gialla e consolida il suo vantaggio), la carovana gialla ripartirà da Binche, dirigendosi verso Epernay, sede d’arrivo di questa terza frazione, con l’entrata in territorio francese previsa intorno al km 100

Dopo una prima parte di corsa pianeggiante, attraversando le zone confinanti tra Belgio e Francia, i corridori affronteranno il traguardo volante di Dizy les Gros, prima appunto di entrare nel cosiddetto “esagono” francese

Superato il confine, la corsa cambierà volto. Passano altri 20 km di relativa tranquillità, ma dopo il passaggio da Reims inizia la fase decisiva della tappa. 4 GPM, 3 di 3° categoria, 1 di 4° categoria. Si comincia con il più semplice di tutti, la Cote de Nanteuil la Foret (1 km al 7%)

Non c’è tempo per rifiatare, perché dopo un brevissimo tratto in discesa, la strada a salire, con i ciclisti che percorreranno la Cote d’Hautvillers (900 m al 10%). Ancora discesa, e poi si sale di nuovo. La penultima asperità di giornata è la Cote de Champillon (2 km al 7%), seguita a stretto giro dalla Cote de Mutigny (900 m al 12%)

Nel finale la Cote du Mont Bernon (1 km al 5) pur non essendo catalogata come GPM, farà selezione in gruppo, prima dell’arrivo in volata a ranghi ridotti di Epernay (con le ultime centinaia di metri da affrontare in salita)

I favoriti

PETER SAGAN

PETER SAGAN: Dopo la beffa subita nella prima tappa, venendo battuto in volata da Mike Teunissen, il campione slovacco non vorrà di certo lasciarsi scappare l’occasione di restituire il maltolto all’olandese e alla Jumbo Visma. Il finale mosso e nervoso non dovrebbe creare troppi problemi all’alfiere della Bora Hansgrohe

MICHAEL MATTHEWS

MICHAEL MATTHEWS: Veloce, ma resistente. Bravo in volata ma in grado di reggere sulle salite più esplosive. L’australiano del Team SunWeb è uno dei corridori più completi in circolazione, ed è il grande favorito per vincere la volata di Epernay

JULIAN ALAPHILIPPE

JULIAN ALAPHILIPPE: Il francese della Deceuninck non è un velocista puro. Anzi, non è nemmeno un velocista. Ma spesso in carriera (come alle Strade Bianche o alla Freccia Vallone) ha dimostrato di non avere rivali su salite brevi ed esplosive, come quelle del finale della tappa odierna. Se riuscirà a guadagnare una decina di secondi sull’ultima salita di giornata, la vittoria di Epernay sarà sua

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.