tour de france 2020

Ieri 30 Agosto alle 14:00 si è disputata la seconda tappa del Tour de France 2020, che ha visto vincere il corridore Francese Alaphilippe.

La gara è stata intensa e emozionante, ma alla fine l’esperienza ha battuto l’indecisione sullo sprint finale.

Alaphilippe inoltre ha vinto anche la maglia gialla, oltre che la gara.

Leggi anche: Tour de France: Kristoff vince in volata

Tour de France 2020: la seconda tappa

Julian Alaphilippe ha dissipato l’oscurità persistente che incombeva sulla Tour de France 2020 accelerando verso la vittoria e la maglia gialla del leader della corsa nella seconda tappa di 186 chilometri alla Promenade des Anglais, a Nizza.

Il famosissimo corridore francese, che ha guidato il Tour per 14 giorni nel 2019, è crollato a terra in lacrime e ha dedicato la vittoria a suo padre, morto a giugno, dopo aver superato di poco la stampa Marc Hirschi della Svizzera e del risorto britannico Adam Yates.

Tour de France: le dichiarazioni di Alaphilippe

“È sempre speciale vincere al Tour, ma questo è un anno speciale”, ha detto Alaphilippe. “È stato un anno davvero difficile per me. Voglio solo dedicare questa vittoria a mio padre “.

“Avevo chiesto alla squadra di rendere le cose difficili nel finale ed è quello che abbiamo fatto”, ha detto il corridore francese. “Non erano rimasti molti corridori sull’ultima salita.”

“Gli altri hanno provato a giocare un po ‘con i miei nervi”, ha detto Alaphilippe, “ma alla fine Yates ha lavorato bene. 

C’era un forte vento contrario, ma non potevamo perdere l’occasione. Vincere mi ha fatto sentire bene, mi è mancato. “

“Ho dato tutto”, ha detto Alaphilippe della sua tipica vittoria di tappa. “Non avevo niente da perdere. È qualcosa di speciale essere in giallo al Tour, quindi lo difenderemo “.

Tour de France 2020: Sintesi seconda tappa

Una tappa montuosa attraverso le Alpi Marittime ha preso vita nella breve salita finale, il Col des Quatre Chemins.

Ma è nulla rispetto alle salite giganti del Colmiane e del Turini affrontate in precedenza, ma con pendenze idealmente adatte al marchio di Alaphilippe con le sue accelerazioni.

Quando il francese ha attaccato sui tratti più ripidi, solo il poco conosciuto Hirschi e uno Yates sorprendentemente rapido potevano seguirlo.

Yates ha condotto sopra la vetta e il trio ha poi lavorato insieme per allontanare il gruppo di inseguitori mentre tornavano indietro lungo le strade corniche verso il lungomare di Nizza.

Ma né Hirschi né Yates hanno avuto una risposta adeguata alla raffica finale di Alaphilippe.

E, con il gruppo alle calcagna e in chiusura veloce, il 28enne ha aperto la sua volata e ha attraversato il traguardo fino alla maglia gialla del leader del Tour.

Tour de France 2020: la lotta dei corridori contro gli infortuni

Il gruppo ha lasciato la linea di partenza a Nizza con la maggior parte dei corridori avvolta in bende.

C’erano tre non partenti: Philippe Gilbert, del Belgio, il suo compagno di squadra e vincitore di tappa nel 2018, John Degenkolb, e Rafael Valls, del team Bahrain McLaren di Mikel Landa, tutti vittime di incidenti durante la caotica prima tappa di sabato.

Altri, nel frattempo, tra cui Thibaut Pinot della Francia, Pavel Sivakov, degli Ineos Grenadiers, e Nairo Quintana, della Colombia, sono stati i feriti in pedalata.

Poiché hanno fatto del loro meglio per scrollarsi di dosso il dolore causato dai loro incidenti il ​​giorno precedente. “Fa male dappertutto”, ha detto Pinot prima della partenza.

La fuga di sette uomini della giornata, che includeva il vincitore della maglia verde, Peter Sagan, si è fermata ben prima della prima salita principale del Col de la Colmiane.

Ma con il gruppo che gli permetteva solo un guinzaglio corto era inevitabile che sarebbe stato sorpassato facilmente.

Tour de France 2020: la parte finale della gara

Proprio come nelle condizioni caotiche di sabato, la squadra Jumbo-Visma di Primoz Roglic ha assunto il controllo e ha guidato il gruppo principale nella successiva salita dei Col de Turini.

Con gli Ineos Grenadiers del campione in carica del Tour, Egan Bernal, apparentemente felice di passare in secondo piano. 

Il ritmo era abbastanza alto, il leader della corsa e il vincitore della prima tappa, Alexander Kristoff, aveva ancora 90 km ancora da correre, ma sembrava non farcela più.

Un inseguimento di massa, sulla discesa verso il lungomare di Nizza, avviato dalla squadra di Bernal e seguito dalla maggior parte dei favoriti in testa, non ha potuto impedire al corridore francese di conquistare la vittoria di tappa e l’ambita maglia gialla. 

Qualsiasi convinzione che dopo la prestazione spericolata dello scorso anno, Alaphilippe si accontenterebbe semplicemente di vittorie di tappa, piuttosto che mirare alla vittoria complessiva, è già evaporata.

Tour de France 2020: le parole di Yates

Yates, che ha sofferto di una malattia prima dell’inizio del Tour, e aveva dichiarato, come Alaphilippe, di cercare solo vittorie di tappa.

Ma tale era la sua velocità di scalata all’inseguimento di Alaphilippe che le aspettative della sua squadra potrebbero ora essere aumentate.

Dopo una prestazione del genere, entrambi i corridori rivaluteranno sicuramente i loro obiettivi.

“Mi sono imbattuto in Alaphilippe e Hirschi e poi abbiamo iniziato a lavorare sulla discesa”, ha detto Yates, ora secondo assoluto.

 “Alla fine non avrei mai vinto lo sprint, anche quelli erano entrambi più veloci di me, ma sono arrivato terzo nella seconda tappa, e sono abbastanza contento di questo.

Forse se ci fosse stata un’altra salita, ma in uno sprint su questo tipo di arrivo sarei sempre arrivato secondo o terzo. Tutto sommato è stata una bella giornata.”

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20