UEFA, Ceferin pensa a nuovo FFP

La UEFA sembrerebbe puntando ad un totale cambiamento del Fair Play Finanziario, meccanismo che da dieci anni regola la finanza calcistica. Come riporta la Gazzetta dello Sport, Aleksander Čeferin è intenzionato a rimodulare il sistema di controllo messo in piedi dal duo Michel Platini-Gianni Infantino circa dieci anni fa. Il prossimo 25 marzo al Parlamento Europeo sarà discussa la questione per intavolare il nuovo sistema.


Pasticcio Ajax in lista Uefa: dimenticato Haller, l’acquisto più caro della storia del club

UEFA, come sarà il nuovo Fair Play Finanziario?

Sarà senza alcun dubbio una manovra fondamentale, che guiderà i club europei per i prossimi anni. L’obiettivo è semplificare le questioni per fronteggiare la crisi economica in atto, che avrà particolare rilievo nei confronti del mondo del calcio, già colpito in maniera profonda. Un’idea che potrebbe materializzarsi sarebbe quella di introdurre un salary cup che dovrebbe regolamentare gli acquisti. Niente si sa invece di una modifica degli stipendi dei calciatori.

Sarà dunque un cambiamento radicale, c’è da cambiare un sistema a favore di un altro per affrontare problematiche economiche. Nella videoconferenza non interverrà solo il presidente della UEFA ma anche rappresentanti delle federazioni nazionali e dei club. C’è bisogno di una scelta condivisa che sappia accontentare tutti.

La UEFA valuta cambiamento radicale

Secondo quanto riferito, la UEFA starebbe anche valutando la possibilità di ridurre le violazioni dei regolamenti con sanzioni sportive e con un aumento proporzionale delle punizioni economiche. Attualmente i club che infrangono i regolamenti FFP possono tecnicamente essere espulsi dalle competizioni europee, come nel caso del Manchester City, finito nell’occhio del ciclone e poi scagionato dalla sentenza della Corte di Arbitrato dello Sport (Tas) di Losanna lo scorso anno.


L’ Uefa apre un’inchiesta su Stella Rossa-Milan

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20