La UFC è riuscita in questo mese di Maggio, a sfidare la pandemia, offrendo agli appassionati delle MMA, ben quattro eventi in un solo mese. Tutti eventi spumeggianti, vivi, nonostante l’assenza di un pubblico che tutti gli addetti ai lavori, sperano torni presto.

I rankings sono stati stravolti, alcuni campioni sono caduti ed altri sono risorti. Tanta carne al fuoco, in un mese di Maggio che i fans delle MMA, ricorderanno a lungo.

UFC - Glover Teixeira è l'uomo del mese
Una delle fasi di striking di un incontro davvero memorabile tra Glover Teixeira e Anthony Smith

Fighter del mese – Glover Teixeira

E’ stato difficile decidere il fighter del mese. I candidati erano molti, ma la nostra redazione si è pronunciata a favore di Glover Teixeira. Molti di voi non saranno d’accordo, forse vi sareste aspettati Justin Gaethje, Henry Cejudo o Alistair Overeem, ma Glover in retrospettiva ha davvero sovvertito ogni pronostico. Mostrando una classe, una tecnica ed un cardio fuori dal comune, per un fighter di quaranta anni.

Teixeira fa parte di una old school delle MMA fatta di poche parole, quindi poco marketing, e tanti fatti. Durante la UFC FN 171 ha sconfitto Anthony Smith con una prova di sublime sostanza. Dopo l’incontro, Glover ha affermato di allenarsi meno, ma più intelligentemente, non nascondendo la sua voglia di tornare a lottare per il titolo. Insomma quattro vittorie consecutive, schiacciando l’ormai ex numero quattro del ranking dei pesi massimi leggeri, con una prestazione quasi irriverente.

Dal 4:09 tutta l’azione in slow motion della sfida tra Gaethje e Ferguson

Combattimento del mese – Tony Ferguson Vs Justin Gaethje – UFC 249

Una fight di livello pazzesco quella tra Tony Ferguson e Justin Gaethje. Due artisti marziali con i controfiocchi, che hanno dato vita allo spettacolare main event dell’UFC 249. Infatti, non a caso questo incontro è stato premiato come Fight of the Night. Un match palpitante, sorprendente per certi versi. Sì perché tutti si aspettavano un Gaethje a caccia del KO, poco attendista, poco riflessivo. Invece, Justin ha dimostrato una maturità e una disciplina monolitica nel seguire il piano e le indicazioni del suo coach Trevor Wittman.

Ferguson è sembrato lento e meno creativo del solito. Sempre pericoloso però, come quando è riuscito con un montante a mettere knockdown Gaethje. Non è bastato, la determinazione e la compostezza di Justin sono stati una sorpresa inattesa, per un combattente come Tony che ama creare, inventare ed emergere dalle situazioni più caotiche. Gaethje non si è lasciato mai ingolosire da nessuna situazione, sapeva come e quando colpire, e quando ha centrato il bersaglio neanche la stoica resilienza di Ferguson ha saputo evitare il TKO.

Justin alla fine di questo trionfo, che gli ha regalato la cintura dei pesi leggeri ad interim, ha chiesto solo un nome, Khabib Nurmagomedov. Chissà se il Dagestano sarà davvero il suo prossimo incontro, o Conor McGregor si inserirà nella mischia come possibile contender.

UFC - L'high kick di Overeem che chiude i giochi
Uno degli high kick che hanno dato la svolta al match di Alistair Overeem Credit: Jasen Vinlove-USA TODAY

KO/TKO del mese – Alistair Overeem – UFC Fight Night 172

Anche per il KO/TKO del mese c’erano molti candidati. A partire dalla surreale gomitata di Calvin Kattar passando dall’impressionante KO di Francis Nagannou entrambe avvenute nell’UFC 249. Ma abbiamo deciso di dare al TKO di Alistair Overeem contro Walt Harris durante la UFC FN 172 gli onori di questo mese.

La vittoria di Alistair ha un sapore particolare, è la rinascita di un campione, di una leggenda delle MMA di livello internazionale. Prima e durante l’evento intorno al main event aleggiava una narrativa che voleva Walt Harris vincitore, visto il suo ritorno a combattere dopo la tragica morte della figlia. Tuttavia Overeem non si è lasciato condizionare psicologicamente, e dopo un primo round in cui è riuscito a sopravvivere, nel secondo ha dimostrato tutta la sua sapienza marziale mettendo TKO il suo rivale.

L’atipica quanto efficace ghigliottina di Casey Kenney

La sottomissione del mese – Casey Kenney – UFC Fight Night 173

Proprio nell’evento di ieri, UFC FN 173, abbiamo assistito ad una sottomissione atipica ed estremamente efficace. Casey Kenney dopo aver scambiato apertamente con l’esperto e temibile Louis Smolka, lo stordisce. Invece di attendere, Casey lo attacca, e con un solo braccio prepara una ghigliottina favolosa, che fa arrendere in pochi secondi Smolka.

Kenney in UFC può vantare tre vittorie e una sola sconfitta, e più in generale nelle MMA a livello professionistico il suo record è di quattordici vittorie e solo due sconfitte. Con questa vittoria, potrebbe essere ad un passo dall’entrare nel ranking dei pesi gallo.


La UFC sta preparando per il mese di Giugno, secondo quanto annunciato da Dana White, almeno altri due eventi, oltre al già confermato UFC 250 Nunes Vs Spencer. Per questa ragione, ci aspetta un altro mese di fuoco nell’ottagono più prestigioso nel mondo delle arti marziali.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20