Credit: UFC via Twitter

UFC on ESPN 12 è stata capace di regalare un main event di cui si parlerà ancora per anni. Dustin Poirier con una prova monumentale da vero artista marziale, è riuscito ad avere la meglio di un indomito guerriero come Dan Hooker. Un incontro che rappresenta molto di quello che questo sport fatto di determinazione, sudore e coraggio può dare a coloro che non si fermano di fronte ai pregiudizi che circondano le MMA.

Nel co main event Mike Perry torna ad essere una furia della natura nell’ottagono dominando Mickey Gall con una prova superba.

Nel resto dell’evento davvero tanta azione, molte interessanti sottomissioni ed un paio di KO d’autore firmati da Tanner Boser e Takeshi Sato.

UFC on Espn 12 - Dustin Poirier Vs Dan Hooker
Dustin Poirier colpisce Dan Hooker con il suo jab Credit: UFC via Twitter

Un diamante è per sempre…

Dustin “The Diamond” Poirier insieme al suo partner in crime Dan Hooker hanno dato vita ad un incontro candidato ad essere Fight of the Year, come molti analisti avevano annunciato e noi anticipato nella nostra anteprima. Un combattimento che rimarrà nell’immaginario dei fan delle MMA di tutto il mondo per lungo tempo. Cinque round, tecnici, selvaggi, di altissimo livello.

Alcuni momenti di una incredibile fight

I numeri non mentono. I primi due round descrivono un Dan Hooker capace di creare combinazioni e danni, con un gran numero di calci che hanno messo fuori tempo Poirier. Gli ultimi tre round narrano della superiorità tecnica, fisica e mentale di Dustin. Mai sembrato in difficoltà e sempre capace di reagire, anche nei primi due round, alla veemenza di Dan Hooker. Insomma una fight incredibile in particolare nel secondo e nel terzo round, dove in alcuni momenti sembrava davvero inevitabile il KO.

La precisione pugilistica di Dustin Poirier è stata semplicemente impressionante, come del resto la capacità di incassare di Dan Hooker. Ma si è vista una differenza notevole di esperienza, di carattere, di mentalità tra questi due campioni.In questo modo, Poirier ha spazzato via ogni critica subita dopo la sua sconfitta contro Khabib Nurmagomedov e ogni dubbio sul suo futuro dopo l’operazione all’anca. Dustin Poirier ha brillato forse come non mai nell’ottagono, regalando al mondo delle MMA una prestazione da extraterrestre.

Tutta la forza e la consistenza di Mike Perry

UFC on ESPN 12 – Il resto della main card…

Nel co main event abbiamo assistito ad una prestazione inarginabile da parte di “Platinum” Mike Perry. Una performance completa composta dal suo solito stile potente ed esplosivo. A parte una straordinaria tecnica a terra, proprio dove Mickey Gall avrebbe dovuto sopraffarlo, è stata sorprendente la sua compostezza. Colpi potenti e precisi, studiati, selezionati. Una vittoria ai punti davvero importante per Perry che è un personaggio in grado di far sempre parlare di sé.

Brendan Allen si conferma mattatore della categoria dei pesi medi su l’esordiente Kyle Daukaus. Un match spettacolare, fatto di ground and pound, scrambles e tantissima azione. Entrambi i fighter hanno davvero dimostrato il loro meglio danneggiandosi pesantemente a vicenda. Il punteggio discutibile, ma unanime dei giudici alla fine dei tre round premia Brendan Allen, che infila così la sua terza vittoria consecutiva in UFC.

La ginocchiata di Brendan Allen stordisce Kyle Daukaus

Takashi Sato fa tornare il Giappone alla vittoria in UFC dopo molto tempo. Una trionfo rapidissimo il suo. Al primo attacco di Jason Witt riesce subito a trovare un colpo efficace in risposta. Witt capitola a terra e dopo pochi attimi sotto la pioggia di colpi di Sato, l’arbitro ferma l’incontro.

I preliminari

Nei preliminari si è visto di tutto. Nel match più atteso di questa parte della card Khama Worthy fa sua con stile la battaglia contro Luis Pena. Un match equilibrato fra due fenomenali atleti che fino al terzo round non sembrava avere un chiaro vincitore. Quando nel pieno di alcuni scambi senza freni Pena prova una proiezione a terra che Khama legge benissimo. Luis si trova imprigionato in una perfetta ghigliottina che non gli lascerà scampo. Khama “The Death Star” Worthy è alla settima vittoria consecutiva nella sua carriera nelle MMA.

Tanner “The Bulldozer” Boser mantien fede al suo soprannome con una vittoria fulminea per KO, travolgendo e schiacciando il suo avversario. La sua vittoria è forse una delle più impressionanti della serata per la sua potenza, ma anche per l’esecuzione perfetta del combinazione che stende a terra Philipe Lins.

UFC on ESPN 12 – La card completa

UFC on ESPN 12 – Main Card

  • Dustin Poirier sconfigge Dan Hooker via decisione unanime (48-47, 48-47, 48-46)
  • Mike Perry sconfigge Mickey Gall via decisione unanime (29-28,29-28,29-28)
  • Maurice Green sconfigge Gian Villante via sottomissione (arm triangle – terzo round)
  • Brendan Allen sconfigge Kyle Daukaus via decisione unanime (29-28, 29-27, 30-27)
  • Takashi Sato sconfigge Jason Witt via KO (primo round)
  • Julian Erosa sconfigge Sean Woodson via sottomissione (D’Arce choke – terzo round)

UFC on ESPN 12 – Preliminari

  • Khama Worthy sconfigge Luis Pena via sottomissione (ghigliottina – terzo round)
  • Tanner Boser sconfigge Philipe Lins via KO (primo round)
  • Kay Hansen sconfigge Jinh Yu Frey via sottomissione (armbar – terzo round)
  • Youssef Zalal sconfigge Jordan Griffin via decisione unainime (29-28, 29-28, 29-28)

Bonus

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20