Raddoppiano le ruote, ma non diminuisce la classe. Valentino Rossi ne ha dato prova sotto i riflettori dello Yas Marina Circuit di Abu Dhabi, portando la sua Ferrari numero 46 al terzo posto assoluto. Ciliegina su una torta già dolcissima è stata la vittoria nella categoria Pro Am, ed un ritmo di gara impressionante.

Fin dal via, infatti, la 488 GT3 gialla e nera si è dimostrata competitiva. Il Dottore è stato autore di stint di alto livello, i migliori del suo equipaggio speciale. Accanto a lui, infatti, hanno gareggiato il fratello Luca Marini e l’amico di sempre Alessio Salucci. Il pilota VR46 Moto2 è stato in difficoltà nelle prove, complice la sua inesperienza, ma è costantemente migliorato. Bene anche Uccio, che già in passato aveva corso con le GT.

Nelle ultime ore di gara, l’equipaggio numero 46 ha dovuto difendere il podio dall’Audi dell’Uwe Alzen Automotive. Il team diretto dal veterano della 24 ore del Nurburgring ha approfittato di una penalità di 5″ inflitta all’equipaggio “a due ruote” per rimettersi in gara, ma alla fine hanno dovuto cedere.

View this post on Instagram

Che 12 ore 🤯🔥🏆 @kessel_ch #gulf12hours

A post shared by VR46RidersAcademy (@vr46ridersacademyofficial) on

La prestazione di Abu Dhabi ha un grandissimo valore per Rossi, in quanto ha dimostrato la sua abilità anche dietro un volante. Proprio alla vigilia della 12 ore, il campionissimo di Tavullia aveva annunciato la sua prossima avventura nell’endurance, una volta chiuso con la MotoGP. E se le premesse sono queste, si prospetta un futuro niente male…

La gara è stata dominata dalle Audi dell’Attempto Racing. La R8 GT3 di Mies, Vanthoor e del russo Salikhov ha battuto la vettura gemella di Sultanov, Foster e del nostro Mattia Drudi. Tra le due non c’è stata una vera e propria battaglia, se non verso l’inizio della seconda parte quando la vettura di testa ha subito una penalità per un pit stop irregolare. Ma è bastato un sorpasso in pista per rimettere a posto le cose. Solo quinta la migliore delle Mercedes (Pierburg-Hook-Lauck), davanti alla migliore delle Porsche. L’equipaggio GPX composto da Hall, Goethe e Grogor ha conteso il podio per un breve momento, prima di arretrare.

Oltre a Valentino Rossi, alla 12 ore di Abu Dhabi ha preso parte anche Loris Capirossi. L’ex iridato della 250 ha corso con un’altra Ferrari del team Kessel, giungendo settimo assoluto. Una prestazione niente male per l’imolese, grazie anche al supporto di un pilota espertissimo del calibro di Niki Cadei.

Rivivi l’intera gara qui:

Risultati di gara qui.

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.