valentino rossi yamaha petronas 2021 12 ore del golfo

Il 2021 sarà un anno cruciale per Valentino Rossi. Per la prima volta si ritroverà in una squadra satellite della Yamaha, dopo che per anni ne è stato la punta di diamante della scuderia factory. Imperativo è migliorare il 15esimo posto nel mondiale, riscattando un vero e proprio annus horribilis. E fare la sua scelta: continuare a correre oppure smettere.

Questi e altri temi sono oggetto di un’intervista che il nove volte campione del mondo ha rilasciato al sito tedesco Speedweek. Ecco cosa ha detto.

Valentino Rossi, cosa serve per un 2021 migliore?

La prossima stagione sarà una sfida difficile, dovremo lavorare bene in inverno ed essere pronti fin dalla prima gara“, ha detto Rossi. “Negli ultimi anni di solito siamo sempre partiti bene, ma poi abbiamo sofferto nella seconda metà della stagione perché i nostri avversari sono cresciuti più di noi“.

L’obiettivo di Rossi e di Yamaha è quello di migliorare la moto, ma anche il pilota. Ha già ripreso gli allenamenti, dopo un periodo di riposo a Madonna di Campiglio, e sembra avere le idee chiare su cosa fare su di sé. “Io devo lavorare molto su me stesso“, ha aggiunto, “dobbiamo progredire in certe aree come le qualifiche, sempre più importanti, e poi dovremo spingere la Yamaha a migliorare sotto certi aspetti“.

Il suo allenamento preferito è girare con la moto di flat track al suo Ranch.

Anche sul capitolo moto, Vale sembra aver capito cosa c’è da correggere. “Fino al 2016 la Yamaha era molto competitiva e poteva vincere gare e titoli, ma dopo abbiamo avuto difficoltà maggiori“, ha spiegato Rossi. “per essere competitivi anche noi dovremmo crescere come hanno fatto gli altri costruttori“.

Rossi entra poi nel dettaglio. “Abbiamo difficoltà con il grip sulla ruota posteriore e se non riusciamo a far funzionare bene la gomma di dietro la moto diventa difficile da guidare: questo è il punto principale, cui va aggiunta la necessità di migliorare nel motore e nella velocità massima“. Quest’ultimo difetto è stato in parte corretto dalla Yamaha con il nuovo motore, salvo poi pasticciare con le valvole e l’affidabilità.

Insomma, per Valentino Rossi il 2021 si presenta pieno di difficoltà, ma anche di avventure stimolanti. Tra queste, anche la possibilità di confrontarsi direttamente con il fratello Luca Marini, fresco di promozione nella classe regina. Nell’attesa di decidere cosa vorrà fare da grande.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20