Stasera 26 Giugno alle ore 21:00 nello Stadio Pierluigi Penzo di Venezia si è disputata la partita Venezia-Ascoli.

Finale di gara ad alta tensione allo stadio “Penzo” di Venezia dopo la sconfitta per 2-1 dell’Ascoli contro gli arancioneroverdi di Alessio Dionisi nella 30esima giornata del campionato di Serie B.

Al triplice fischio dell’arbitro Francesco Fourneau si è acceso un parapiglia tra alcuni giocatori che è proseguito anche nel tunnel che conduce agli spogliatoi.

A perdere le staffe è stato Andreaw Gravillon che è stato espulso dal direttore di gara per un colpo ai danni di Mattia Aramu.

Il difensore centrale della Guadalupa (ammonito al minuto 89) salterà così sicuramente il prossimo match interno contro il Crotone.

Al pari del centrocampista Michele Cavion (quinto cartellino giallo stagionale).

Formazioni Venezia-Ascoli

Venezia: (4-3-1-2) Lezzerini, Fiordaliso, Casale, Ceccaroni, Molinaro, Vacca, Fiordilino, Maleh, Aramu, Longo, Capello.

Ascoli: (3-4-1-2) Leali, Ranieri, Brosco, Gravillon, Sernicola, Brlek, Cavion, Andreoni, Morosini, Ninkovic, Scamacca

Primo tempo

Dopo un minuto torre di Maleh per Aramu, sinistro in area che viene deviato in corner con il corpo da Brosco.

Nel sesto minuto primo giallo del match per Brlek, reo di un intervento duro in tackle a centrocampo su Aramu.

Lo stesso Aramu al minuto 8 porta in vantaggio i veneti con un pallonetto ravvicinato di testa.

Dopo una respinta di Leali e Ranieri su tiro-cross dalla sinistra di Capello ben servito da Maleh (ottavo gol in campionato per il 25enne fantasista arancioneroverde).

Al decimo primo timido squillo dell’Ascoli con un rasoterra col destro dalla lunetta di Scamacca, nessun problema per Lezzerini.

Nel 18′ Cavion ruba palla sulla trequarti a Molinaro e scaglia un mancino che si alza sulla traversa.

Subito dopo destro a giro di Ninkovic che non finisce troppo distante dall’incrocio dei pali.

Al 23′ Longo brucia Brosco sulla destra, assist basso per Capello che con il mancino cicca clamorosamente il pallone in area piccola.

Si cambia fronte ed il Picchio pareggia.

Cross al bacio di Ninkovic dalla sinistra, Scamacca si inserisce tra Casale e Ceccaroni e con un piatto destro al volo fredda Lezzerini (ottavo centro in campionato per lui).

Si fa male Aramu, al suo posto Dionisi schiera Firenze.

Al 28′ incredibile errore a porta vuota di Ninkovic che calcia sopra la traversa dopo un perfetto cross rasoterra di Scamacca dalla destra.

Nel 37′ Capello sfonda sulla sinistra, cross smanacciato da Leali, destro potente di Longo, si immola Ranieri e sventa la minaccia.

Al 40′ Morosini scarica un destro rasoterra da fuori, blocca in due tempi Lezzerini.

In finale di prima frazione destro a giro insidioso di Capello che non inquadra lo specchio della porta.

Nel primo minuto di recupero cross teso di Sernicola per l’incornata prepotente di Scamacca, pallone che sfiora il legno centrale. 

Secondo Tempo

Ad inizio ripresa Ascoli pericoloso con un tiro da fuori di Cavion respinto male da Lezzerini.

Si avventa Brosco che trova la deviazione decisiva del portiere arancioneroverde poi Maleh spazza via.

Nel 51 veloce ripartenza bianconera con Scamacca che apre bene d’esterno per Ninkovic, destro a giro del serbo neutralizzato in due tempi da Lezzerini.

Al 52 cartellino giallo pesante per Cavion per un fallo in scivolata su Maleh (era diffidato l’ex Cremonese).

Si riaffaccia in avanti anche il Venezia, assist basso di Firenze per Maleh che in corsa calcia alto.

Al 58 corner teso di Ninkovic, spizza bene Brosco ma la palla si stampa sul palo, poi Maleh evita il tap-in di Ranieri.

Il Venezia inserisce Caligara e Zigoni per Vacca e Capelli, Dionigi risponde rinforzando il centrocampo con Troiano per Ninkovic.

Al 64 si accende una mischia dopo un tocco con il braccio di Brosco al limite dell’area.

Ammonizione per proteste in Venezia-Ascoli

Con Fourneau che concede giustamente il calcio di punizione e non il rigore come richiesto a gran voce dai padroni di casa (ammoniti per proteste Molinaro e Troiano).

Alla battuta del calcio piazzato va Firenze che con un dolcissimo destro a giro supera Leali.

E sigla il suo secondo gol in campionato (il primo in maglia arancioneroverde dopo quello realizzato nel girone d’andata nelle file della Salernitana).

Per la squadra dell’Ascoli entrano nella mischia Padoin ed Eramo per Sernicola e Brlek.

Dionisi invece si copre con Lollo e Modolo per Longo ed un ottimo Maleh.

Nell’Ascoli c’è spazio anche per il portoghese Costa Pinto e Trotta al posto di Morosini e Cavion.

Al minuto 85 ripartenza di Firenze che spedisce il pallone in area per Zigoni pronto a colpire, decisivo ripiegamento difensivo in scivolata di Troiano.

Sul corner seguente Casale incorna tutto solo a lato, sul ribaltamento di fronte Gravillon penetra in area e poi serve Trotta che impatta male la sfera di testa.

Ascoli sfortunato al 92, un tiro-cross velenoso di Andreoni supera Lezzerini ma si stampa sul palo, poi allontana la minaccia Zigoni.

Tiene botta il fortino arancioneroverde nei quattro minuti di recupero, con il Picchio che dopo una buona gara deve archiviare il 16 ko stagionale.

Il 12 in trasferta, il quarto di fila.

Restano 32 i punti in classifica dei bianconeri in vista del prossimo match contro il Crotone. 

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20