Wamangituka

Wamangituka non esiste o meglio, non esiste più. Nella giornata di ieri, il giocatore insieme allo Stoccarda ha reso nota la sua storia oltre alla sua vera identità.

Milan: Brahim Diaz vuole restare, dirigenza al lavoro

Wamangituka: perché utilizzare una falsa identità?

Approdato allo Stoccarda nella stagione 2019/2020, l’attaccante si è messo in mostra in Bundesliga per le sue ottime qualità offensive, diventando un perno della squadra tedesca. Nella giornata di ieri, lo stesso giocatore insieme alla società ha deciso di rivelare al mondo la verità: Silas Wamangituka non esiste, il suo vero nome è Katompa Mvumpa nato il 6 ottobre 1998 a Kinshasa in Congo. Per volontà del suo ex agente, Katompa cambiò nome e ricevette nuovi documenti con nome e data di nascita differente (6 ottobre 199). Il giocatore ha confessato di essere stato minacciato dal suo agente per non far diventare la questione pubblica.

Con l’aiuto dello Stoccarda però il giocatore è riuscito a rivelare al mondo la sua vera identità. Il direttore sportivo del club Sven Mislintat ha difeso prontamente l’attaccante: “Prima di tutto Silas è stato vittima di questo cambio di nome. Ho il massimo rispetto per il fatto che, in giovane età, ha fatto il passo coraggioso di chiarire la sua situazione. Continueremo a dargli tutto l’aiuto di cui ha bisogno sotto ogni aspetto“. Con il supporto del club e di un nuovo agente, Katompa ha lavorato intensamente per chiarire la situazione e finalmente ha ricevuto la corrispondente documentazione ufficiale dalla Repubblica Democratica del Congo.

Sito ufficiale Bundesliga.com

Leggi anche: Donnarumma-PSG: accordo raggiunto, visite mediche a breve

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20