― Advertisement ―

spot_img

Al-Hilal vs Al Ittihad – probabili formazioni

L'Al-Hilal cercherà di continuare a dominare la Saudi Pro League quando affronterà i rivali dell'Al Ittihad, di proprietà del PIF, alla Kingdom Arena venerdì...
HomeMotoriAston Martin Valkyrie correrà a Le Mans nel 2025

Aston Martin Valkyrie correrà a Le Mans nel 2025

L’Aston Martin Racing (AMR) tornerà a Le Mans per tentare la vittoria assoluta con questa, la straordinaria Valkyrie LMH. Sarà iscritta alle categorie Hypercar e GTP definitive del FIA World Endurance Championship (WEC) e dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championships (IMSA), rispettivamente, a partire dal 2025, ed è basata sulla vettura ibrida da strada. La quale, lo ricordiamo, monta un V12 da 6,5 litri sviluppato da Cosworth e in grado di raggiungere gli 11.000 giri al minuto e di erogare oltre 1.000 CV. Aston Martin afferma che la versione da corsa avrà una versione “modificata” della stessa trasmissione, anche se non avrà una propulsione parzialmente elettrica.

Credevo che Aston avesse corso a Le Mans per anni…

Ebbene, è così, ma in categorie che non ci si aspetterebbe di vincere a Le Mans. Aston ha gareggiato a Le Mans dal 1928, a fasi alterne, e in tutto questo tempo ha ottenuto 19 vittorie di classe sul circuito francese. Inoltre, la sua moderna divisione corse, AMR (costituita nel 2004), ha ottenuto un grande successo nelle classi GT1 e GTE, conquistando cinque vittorie (2007, 2008, 2014, 2017 e 2020) con la DBR9 e con entrambe le generazioni della Vantage GTE. Ma il vincitore più recente, la Vantage GTE n. 97 del 2020, si è piazzato al 20° posto assoluto nello schema generale della gara. Questo è il senso delle gare di durata, vedete? Diverse categorie di auto da corsa, tutte in gara nello stesso momento.

La Valkyrie LMH ha quindi una reale possibilità di vincere?

Aston lo spera, perché, come costruttore, ha una sola vittoria assoluta a Le Mans. È successo nel 1959, quando una coppia di DBR1/300 si è aggiudicata una doppietta, completando rispettivamente 323 e 322 giri. La vettura di testa, tra l’altro, era guidata dall’inglese Roy Salvadori e da un americano, Carroll Shelby, o qualcosa del genere…

Sì, proprio lui. Colui che ha realizzato alcune fantastiche AC Cobra e Ford Mustang, oltre a essere stato fondamentale per il dominio della Ford GT40 a Le Mans, dal 1966 al ’69. Questa storia è stata raccontata nel film Le Mans ’66, interpretato da Christian Bale e Matt Damon (nel ruolo di Shelby), noto anche come Ford contro Ferrari in alcuni paesi.

Ma perché questa attenzione a Le Mans?

Ah, non è proprio così. Le Mans è, ovviamente, la gara più famosa che la Valkyrie LMH disputerà, ma parteciperà alle campagne complete del WEC e dell’IMSA, il che significa che si schiererà anche sulle griglie di eventi prestigiosi come la Rolex 24 di Daytona e la 12 Ore di Sebring, tra gli altri. Infatti, come ha annunciato Aston Martin rivelando l’ingresso della Valkyrie a partire dal 2025, l’azienda è ancora impegnata in altre classi di gara, come GT3 e GT4, dove costruirà nuove auto da competizione basate sulla piattaforma Vantage. Quindi, quando la Valkyrie prenderà il via nel 2025, Aston sarà l’unico costruttore ad avere una rappresentanza in tutte le principali classi di gare di durata, dalla Hypercar alla GT4, oltre che in Formula 1, dove ha una squadra che comprende il doppio campione del mondo Fernando Alonso e Lance Stroll.

Esatto, Lance è il figlio di Lawrence Stroll, il presidente esecutivo di Aston Martin Lagonda, che ha detto del programma Valkyrie LMH: “Le prestazioni sono la linfa vitale di tutto ciò che facciamo in Aston Martin, e gli sport motoristici sono la massima espressione di questa ricerca dell’eccellenza.

“Siamo stati presenti a Le Mans fin dai primi giorni e grazie a questi gloriosi sforzi siamo riusciti a vincere Le Mans nel 1959 e la nostra classe 19 volte negli ultimi 95 anni. Ora torniamo sulla scena di quei primi trionfi con l’obiettivo di scrivere una nuova storia con un prototipo da corsa ispirato all’auto di serie più veloce che Aston Martin abbia mai costruito.

“Oltre alla nostra presenza nel Campionato del Mondo FIA di Formula 1, il ritorno di Aston Martin all’apice delle gare di durata ci consentirà di costruire un legame più profondo con i nostri clienti e la nostra comunità, molti dei quali hanno scoperto la passione per il marchio grazie ai nostri successi passati a Le Mans.”

C’è altro da aggiungere?

Solo che l’onore di gestire le Valkyrie LMH, sia nel WEC che nell’IMSA, spetterà a un team chiamato The Heart of Racing (HoR). Questo team, creato nel 2020 e che da allora ha corso solo con vetture Aston GT, è nato da un’associazione benefica fondata nel 2014 dal filantropo e uomo d’affari americano Gabe Newell, che raccoglie fondi per il Seattle Children’s Cardiology Research Fund, tra le altre buone cause. Il tentativo di Aston di vincere a Le Mans, 66 anni dopo l’ultima volta che ha assaporato la vittoria nella grande gara di durata, ha un retroterra davvero nobile.