― Advertisement ―

spot_img

Gara 2 di semifinale playoff Basket Serie A 2024: Milano fa bis contro Brescia ed è 2-0

Milano si ripete nuovamente e si prende anche gara 2 di semifinale playoff Basket Serie A 2024 superando per 77-66 Brescia che, nonostante una...
HomeCalcioCalcio InternazionaleBenfica: Pirlo erede di Jorge Jesus?

Benfica: Pirlo erede di Jorge Jesus?

Dopo l’amara esperienza con la Juventus alla sua prima stagione in panchina, culminata con l’esonero, nonostante la qualificazione in Champions e due trofei conquistati (Coppa Italia e Supercoppa Italiana), Andrea Pirlo sarebbe sul punto di tornare al timone di una big europea. Dopo le voci che lo accostavano al Barcellona per il dopo Koeman, adesso è il Benfica che sta pensando seriamente a lui per sostituire l’attuale tecnico, Jorge Jesus, vicinissimo all’addio.

Il Benfica punta Pirlo?

I lusitani hanno praticamente messo la parola fine al rapporto con il proprio tecnico portoghese, per le cui dimissioni ttende soltanto l’ufficialità. La bruciante eliminazione dalla coppa nazionale ne ha di fatto sancito il suo destino, tanto che giovedì prossimo sarà Nelson Verissimo a guidare la squadra nel match contro il Porto. A fronte di tutto questo, il numero uno della società, Manuel Rui Costa sta sondando diversi nomi, tra cui anche e soprattutto il suo ex compagno di squadra al Milan dal 2001 al 2006. Proprio il rapporto di vecchia data che lega i due potrebbe favorire l’approdo di Pirlo. Tuttavia, c’è ancora una corrente interna al club che spinge per una corrente portoghese. In tale direzione vanno le Candid di Paulo Fonseca, ex tecnico della Roma, Nuno Espirito Santo, appena esonerato dal Tottenham, e Faria. Una decisione non è ancora stata presa ma le prossime ore saranno decisive.

Jorge Jesus lascia il Benfica

Poco fa il club lusitano ha comunicato di aver rescisso consensualmente il contratto dell’allenatore con effetto immediato. Quest’ultimo tornerà probabilmente in Brasile, da capire se al Flamengo o all’Atletico Miniero.

Jorge Jesus: atteso l’addio al Benfica