ROME, ITALY - NOVEMBER 19: AIA President Marcello Nicchi attends the Italian Football Federation ( FIGC) and Italian Association Referees (AIA) press conference at 'Hotel dei Principi' on November 19, 2019 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Non solo Governo e Ficg guardano con preoccupazione all’evolversi dell’emergenza Coronavirus. Anche l’ Aia, attraverso il presidente, Marcello Nicchi, non nasconde i propri timori:” Siamo pronti a riaccendere il motore ma non possiamo mandare allo sbaraglio i nostri arbitri. Servono garanzie per tutti, anche per noi”.

Nicchi ha sottolineato come le giacchette nere “siano persone di regole e rispetteremo le disposizioni governative e della Federazione. Continuiamo a lavorare sulla ripartenza ma non dipende da noi”.

Per quanto riguarda l’eventuale tagli dei compensi anche agli arbitri, ha aggiunto:”Parleremo al momento opportuno: se il campionato ripartirà ci saranno.cose da fare, se non ripartirà serviranno altre misure. Siamo professionisti, non lesiniamo una sulla settimana o sul mese”.

Infine ha speso una parola anche sulle iniziative benefiche arbitrali: “Ci stiamo muovendo anche sotto quel profilo, ma lo facciamo in silenzio”.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20