fbpx

F1 Academy: La Formula 1 al femminile

Date:

La Formula 1 ha lanciato una serie tutta al femminile con l’obiettivo di aiutare le donne pilota a progredire nei ranghi del motorsport. Denominata F1 Academy, sarà composta da cinque squadre di tre auto che parteciperanno a sette eventi con tre gare. Il presidente della F1 Stefano Domenicali ha dichiarato che la serie offre alle donne pilota “la migliore opportunità di realizzare le loro ambizioni”.

Formula 1 al femminile: nasce la F1 Academy

La F1 sovvenzionerà ogni vettura con un budget di 150.000 euro (131.000 sterline). I piloti dovranno aggiungere la stessa cifra per poter gareggiare. Il calendario non è stato annunciato, ma è probabile che una delle gare si svolga in un gran premio, ha dichiarato la F1 in un comunicato. La serie utilizzerà le stesse auto che attualmente gareggiano in Formula 4, una serie entry-level per i piloti che muovono i primi passi nelle corse automobilistiche. Domenicali ha aggiunto: “Tutti dovrebbero avere l’opportunità di seguire i propri sogni e realizzare il proprio potenziale e la Formula 1 vuole garantire che stiamo facendo tutto il possibile per creare una maggiore diversità e percorsi in questo incredibile sport”. Ha aggiunto che il campionato rappresenta “un programma completo che sostiene la loro carriera agonistica e dà loro tutto ciò di cui hanno bisogno per passare alla F3 e, auspicabilmente, alla F2 e poi all’apice della Formula 1”. “Più opportunità ci sono, meglio è e questo è stato progettato per fornire ai piloti un’altra strada per il successo”.

Il comunicato stampa

Il comunicato della F1 afferma che la serie è stata progettata come “un’ulteriore strada per la prossima generazione di giovani piloti di sesso femminile”. Il comunicato ha aggiunto: “Durante la valutazione delle barriere che le giovani donne pilota devono affrontare per entrare nella piramide della F1, è emerso chiaramente che non hanno la stessa quantità di esperienza delle loro controparti maschili alla stessa età. “L’obiettivo è colmare questa lacuna e offrire loro l’accesso a più tempo in pista, alle gare e ai test. “Inoltre, le ragazze cresceranno lavorando con squadre di professionisti, rinomate nel mondo del motorsport per la loro capacità di allevare i giovani piloti, e che le aiuteranno a sviluppare la preparazione tecnica, fisica e mentale fondamentale.” Quando la notizia del campionato è emersa per la prima volta durante il fine settimana del Gran Premio degli Stati Uniti, la F1 ha comunicato che era previsto come complemento della W Series, un campionato per sole donne che è stato lanciato nel 2019 ma che si è concluso questa stagione con due gare di anticipo a causa di problemi finanziari.

Le reazioni

La W Series sta cercando i finanziamenti per continuare fino al 2023 e una delle sue concorrenti, Jessica Hawkins, pilota ambasciatore del team Aston Martin F1, ha dichiarato di ritenere che le due serie possano coesistere. La Hawkins ha detto di vedere la nuova serie come “un fatto positivo”, aggiungendo: “Più donne ci sono all’interno del motorsport e più si risolve il problema della mancanza di donne, quindi ogni campionato che aiuta le donne dovrebbe essere ben accetto. “Mi piacerebbe anche pensare che possa lavorare insieme alla W Series. Non vorrei che si mettessero in competizione tra loro, perché non è per questo che stiamo lottando. “Non si tratta di stabilire chi ha il campionato migliore, ma di capire come lavorare insieme perché stiamo tutti cercando di raggiungere lo stesso obiettivo”. Ha detto che ci devono essere “più [opportunità] a livello di base”. Ma ha aggiunto che è importante non ignorare alcune delle donne pilota che hanno già raggiunto la scala del motorsport, e ha fatto un parallelo con l’ingaggio della Aston Martin per il 2023, il due volte campione di F1 Fernando Alonso. “Alla Aston Martin abbiamo appena ingaggiato un 41enne che è ancora al massimo delle sue prestazioni”, ha detto Hawkins. “Perché cerchiamo qualcuno di così giovane? Perché non usiamo quello che abbiamo già, per aiutarci a far progredire la macchina? Al momento l’obiettivo per me è quello di far correre il maggior numero possibile di donne e poi potremo affrontare la questione di un pilota donna in F1, perché a quel punto verrà tutto naturale”. Ci saranno più persone tra cui scegliere, ci saranno meno cadute e continueranno ad andare avanti”. “Non credo che la F1 o un campionato di F4 risolveranno tutti i problemi. Sicuramente sarà un aiuto massiccio, che accolgo con favore, ma non trascuriamo quelli che hanno già fatto bene. Non è troppo tardi per quelli forse un po’ più vecchi”.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share post:

Subscribe

spot_imgspot_img

Popular

More like this
Related

Famalicao vs Belenenses – probabili formazioni e ultime notizie

Il Famalicao affronta il Belenenses nei quarti di...

Al Ahly-Real Madrid: probabili formazioni e dove vederla

Mercoledì 8 febbraio 2023, alle ore 20, presso lo...

Flamengo-Al Hilal: probabili formazioni e dove vederla

Il Mondiale per club 2022 e' alla battute finali...

Lazio Vs Atalanta: probabili formazioni e dove vederla

Gara valida per la ventiduesima giornata del campionato italiano...