fbpx
Dicembre4 , 2021

Formula 1: la regola dei pit stop spiegata bene

Related

GP Qatar: Pirelli svela il mistero delle gomme

Vi ricordate del caos delle gomme Pirelli al GP...

Il clamoroso addio di Krummenacher a CM Racing

Un fulmine a ciel sereno colpisce il mondiale Supersport,...

13esima giornata Eurolega 2021/22: Milano non si rialza, quarto ko consecutivo

Non si arresta l'emorragia di sconfitte per l'Olimpia Milano....

Marsiglia vs Brest: pronostico e possibili formazioni

Un paio di squadre di Ligue 1 in forma...

Siviglia vs Villareal: pronostico e possibili formazioni

Dopo le rispettive sconfitte contro i giganti tradizionali della...

Share

Come vi avevamo già anticipato, la Formula 1 ha introdotto a Spa Francorchamps una nuova regola per i pit stop. Ma siccome non è intuitiva da capire (come tante regole che la Federazione incastra di tanto in tanto) occorre sederci un attimo e dare una piccola spiegazione. Questo articolo si propone di fare questo: vi illustreremo il principio della nuova norma ed il suo significato tecnico e sportivo. La regola doveva essere introdotta al GP d’Ungheria, ma è stata rinviata al Belgio.


La FIA vuole rallentare i pit stop


Formula 1: come funziona la regola dei pit stop?

La sosta ai box è uno dei momenti più delicati e complessi di un Gran Premio. Ventiquattro persone avvolgono la macchina per cambiarle le gomme il più velocemente possibile. Grazie all’allenamento dei meccanici le soste sono sempre più veloci, ma alla FIA qualcosa ha cominciato a non quadrare. In Ungheria la Red Bull ha stabilito il nuovo record per il cambio di pneumatici: 1.88 secondi! Gli stop inferiori ai due secondi stavano diventando comuni. La FIA ha iniziato a sospettare che alcune procedure fossero automatizzate, con l’impiego di attrezzature speciali. Per bandirle, la Federazione ha escogitato uno stratagemma, ossia imporre un tempo minimo per certe operazioni. Ad esempio, dalla posa dell’avvitatore all’azione sulle gomme, il tempo minimo è di 0.2 secondi. Per altre operazioni, come ad esempio il sollevamento della macchina, o il suo abbassamento, il tempo minimo è di 0.15 secondi. Si trattano dei tempi medi di reazione dell’essere umano, ossia dell’intervallo che incorre tra lo stimolo e la conseguente azione. In poche parole, la FIA ha imposto un bando implicito a tutti quei sistemi che abbattono i tempi di reazione, automatizzando alcune impostazioni. Ma perché allora la FIA non ha vietato esplicitamente le diavolerie automatiche? Semplice: perché non sanno ancora chi le usa, cosa usa e come. Ufficialmente, il legislatore ha introdotto la disposizione per ragioni di sicurezza, perché ritiene che i pit stop siano diventati troppo veloci e pericolosi.

La regola funziona?

Questa domanda non trova una facile risposta. In Belgio non si è disputata nessuna gara, e quindi non abbiamo avuto modo di vederla in azione. Lo abbiamo visto in Olanda, dove effettivamente le soste sono state più lente. Abbiamo assistito a più problemi del solito, come uno stop di Lewis Hamilton di 3.6 secondi, o una di Lando Norris di ben 4 secondi. In media, abbiamo assistito a stop da 2.5 o 2.6 secondi, una differenza non grandissima rispetto al passato. Ma non crediamo sia ancora possibile trarre una conclusione. La sensazione è che le squadre debbano ancora adattarsi alla nuova norma, la cui applicazione non è così semplice o immediata come sembra. Ma è solo questione di tempo, prima che tutti si assestino su un certo livello di performance. Certamente, non vedremo più i pit da record del passato, ma non pensiate che farà così tanta differenza.


F1, GP Olanda: Super Max stende la Mercedes


Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20