Diego Maradona stecca il debutto

Dopo lo sbarco di Daniele De Rossi alla corte del Boca Juniors, la massima divisione Argentina ha accolto a braccia aperte un’altro campione, e che campione. L’ex fantasista Diego Armando Maradona ha infatti accettato la non semplicissima missione di risollevare il Gimnasia y Esgrima La Plata, ultima squadra nella classifica della Primera Divisiòn Argentina che ha un disperato bisogno di punti per sperare in una salvezza.

Maradona mentre incita i propri calciatori
Maradona mentre incita la sua squadra

Un debutto amaro

Nonostante la festa pre-partita, condita da un corteo per le strade di La Plata, il primo match con in panchina l’ex campione del Mondo non è andato affatto bene: la formazione di Maradona ha infatti ha perso per 2 a 1 in casa contro il Racing Avellaneda, campione in carica; la partita ha mostrato tutti i limiti di una squadra che ha bisogno di migliorare in tutti i reparti. C’è stato qualche buon segnale, ma l’ex Napoli necessita ancora di tempo al fine di sistemare un gruppo che presenta ancora troppi problemi.

La partita

Malgrado un inizio buono, fomentato dal calore del pubblico platense giunto in massa per sostenere il Diez, la partita è deflagrata in una sofferenza costante: al 36′ infatti, dopo vari tentativi pericolosi, è arrivato il goal del vantaggio del Racing firmato da Gonzalez. Il pareggio dei padroni di casa è arrivato al 7′ del secondo tempo con la rete di Garcia, ed ha permesso a Diego Armando Maradona di gioire assieme ai suoi 25.000 tifosi. Ma l’equilibrio è durato solo due minuti: al 9′ del secondo tempo, il centrocampista Matias Zaracho, profilo che ha destato l’interesse del Milan nell’ultima sessione di mercato, ha riportato di nuovo il Racing in avanti, ammutolendo l‘Estadio Juan Carmelo Zarillo. Inutili sono stati i tentativi del team di Maradona di agguantare il disperato pareggio.

Abbiamo perso ma non finisce qui, ho visto una squadra viva – ha detto Maradona dopo la partita. Dobbiamo lavorare in modo da riportare il sorriso sul volto dei nostri tifosi“.

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.