fbpx

Nelson Piquet: le sue parole offensive nei confronti di Hamilton

Date:

Un bel trambusto è stato creato dalle parole di Nelson Piquet su Lewis Hamilton. La polemica è nata perché il tre volte Campione del Mondo di Formula 1 (1981, 1983 e 1987) ha usato il termine neginho (piccolo nero). Quella parola ha una componente dispregiativa e razzista che ha innescato la reazione sia della F1 stessa che della Mercedes come era prevedibile.


Gp Bretagna 2022: dove vederlo in Tv?


Nelson Piquet: la lotta di Lewis a Silverstone contro Verstappen

Piquet manca il completamente contesto. E quella parola è stata usata quando si parlava di quello che è successo a Silverstone l’anno scorso tra Hamilton e Max Verstappen. I due si sono toccati al primo giro e il pilota della Red Bull è finito con la sua vettura distrutta dopo essersi schiantato contro il muro. Lewis è stato sanzionato con dieci secondi, ma ciò non gli ha impedito di tornare, senza Max in pista e di vincere la gara di “casa”. Dopo questo fatto hanno intervistato Piquet e gli hanno chiesto di questo incidente. Quella manovra è stata paragonata a quella di Ayrton Senna contro Alain Prost nella lotta finale per il titolo 1990 a Suzuka (Giappone). 

Nelson Piquet: l’epiteto razzista contro Lewis

Nelson che nel corso della sua carriera ha accumulato 23 vittorie, 24 pole position e 60 podi ha osservato: “Cosa è successo a Silverstone? Il piccolo negro (Hamilton) ha messo la macchina lì e se ne è andato. Senna non l’ha fatto. Senna è andato dritto. Pensi davvero che non avrebbe svoltato? Diceva: “Lo farò comunque qui”. Il ragazzo di colore è salito in macchina e se n’è andato perché non c’erano due macchine davanti e poteva passare quella curva. Ha giocato sporco. È stato fortunato che solo l’altro pilota (Verstappen) si sia fregato”.

Nelson Piquet: la risposta della F1

Per aggiungere pepe alla questione bisogna ricordare che il tre volte iridato di F1 è il padre della modella Kelly Piquet, che attualmente è la compagna di Verstappen. La F1 ha rilasciato una dichiarazione per condannare questo commento razzista che è diventato virale su Internet: “Il linguaggio discriminatorio o razzista è inaccettabile in qualsiasi forma e non ha posto nella società. Lewis è un incredibile ambasciatore del nostro sport e merita rispetto. Gli sforzi incessanti aumentare la diversità e l’inclusione è una lezione per tutti e qualcosa in cui ci impegniamo in F1”.

La risposta della Mercedes

E della questione ovviamente ne ha parlato anche Mercedes:” Condanniamo fermamente qualsiasi uso di linguaggio razzista o discriminatorio. Lewis ha guidato gli sforzi del nostro sport per combattere il razzismo ed è un vero campione della diversità dentro e fuori pista. Insieme condividiamo una visione del diverso e gare inclusive e questo incidente sottolinea l’importanza fondamentale di continuare a lottare per un futuro luminoso”. Anche la Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA) si è chiaramente schierata con il sette volte campione del Mondo con una reazione clamorosa e immediata nel suo sostegno dai social network.

La Fia esprime solidarietà a Hamilton

“La FIA condanna fermamente qualsiasi comportamento o linguaggio razzista o discriminatorio, che non ha posto nello sport o nella società”, afferma l’ente, che ribadisce esplicitamente il proprio sostegno al sette volte campione: “Esprimiamo la nostra solidarietà a Lewis Hamilton e sostenere pienamente il suo impegno per l’uguaglianza, la diversità e l’inclusione negli sport motoristici”, ha affermato la Federazione.

Nelson Piquet: anche Bernie Ecclestone aggiunge pepe

Ma non è finita qui perchè Bernie Ecclestone ha scatenato una serie di frecciatine verbali su Lewis Hamilton. L’ex capo della F1 si è sentito molto a suo agio in un’intervista al “Daily Mail” ed ha dichiarato: “Lewis (Hamilton) potrebbe offrire a Toto (Wolff) un rilascio dalla squadra. E a sua volta Toto avrebbe la possibilità di fare uno dei suoi affari magici, offrire a qualcuno meno soldi e risparmiare 20 milioni di dollari. Nessuno ha bisogno di dirlo ma credo che Toto ci abbia già pensato. Lewis probabilmente chiamerebbe la sua fine in quelle circostanze. Toto è un po’ stufo di Lewis. Mettiamola in un altro modo, Lewis non sembra preoccupato di non vincere.

Ecclestone: il suo gradimento pende su Russell

Inoltre il magnate Britannico approfitta della situazione anche per criticare Hamilton anche per i suoi outfit stravaganti. “Non so cosa stia facendo capire Lewis quando indossa abiti così strani. Ha un contratto o sta solo cercando di farsi notare? Forse è così “, scherza. “Penso che Hamilton non possa aiutare George in questo modo, non fa niente, e non credo che gli importi troppo, non si impegna nelle gare come una volta. D’altra parte, Sono sorpreso, non mi aspettavo che George fosse così bravo, ma ha fatto un ottimo lavoro. Forse è anche che Lewis sta facendo un pessimo lavoro. È un misto di entrambi “, aggiunge il 91enne vecchio uomo d’affari con sarcasmo.

Juri Vips: la live della discordia

Ma il vortice non si conclude qui, perchè ci sono state altre parole al vetriolo per Hamilton da parte di Juri Vips, pilota Red Bull Junior. Il team di energy drink ha indagato su cosa è successo in quella registrazione (in cui Vips usa la parola nigga-nero, in modo denigratorio e si lascia andare ad espressioni come “il nero è un colore gay” durante un videogioco online in una live su Twitch). Il team poi ha ascoltato il pilota che si è scusato pubblicamente quando lo scandalo è balzato al Mondo intero, ma la sua decisione è ferma e ha espulso l’estone dalla sua struttura definitivamente.

La Red Bull espelle subito Juri Vips

“Dopo aver indagato sull’incidente su Internet che ha coinvolto Juri Vips, la Red Bull ha deciso di rescindere il contratto di Juri come collaudatore e pilota di riserva .Il team non condona alcuna forma di razzismo “. Con questo breve e diretto testo si conclude la carriera della promessa estone nella squadra di Milton Keynes. Attraverso i social network, Stevenage si è pronunciato su questa spinosa questione. “E se Lewis Hamilton avesse twittato Chi diavolo è Nelson Piquet? e poi chiudere Twitter?”, ha indicato al pilota e lui ha risposto con una parola eloquente: “Immagina”.

Nelson Piquet: la risposta pronta di Hamilton

Non potevano quindi mancare le parole del diretto interessato che è stato fin troppo esaustivo. Hamilton ha poi parlato di agire per sradicare questi tipi di atteggiamenti dannosi: “Ci concentreremo sul cambiamento delle mentalità. È più del linguaggio. Queste mentalità devono cambiare e non hanno posto nel nostro sport. Sono stato circondato da questi atteggiamenti ed essere loro obiettivo per tutta la vita. C’è stato molto tempo per imparare. È tempo di agire”, ha condiviso il pilota Mercedes. Ma i parole sono state più vere di quelle di Lewis.

Pagina Twitter F1: https://twitter.com/F1

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share post:

Subscribe

spot_imgspot_img

Popular

More like this
Related

Napoli vs Monza: pronostico e possibili formazioni

Domenica 21 agosto alle ore 18.30 al Diego Armando...

Honda e Repsol: rinnovo assicurato nel 2023, grazie a Mir

Honda e Repsol saranno ancora insieme nel 2023. Dopo...

Bari Palermo (probabili formazioni e Tv)

Gara valida per la seconda giornata della Serie B...

Torino vs Lazio (probabili formazioni e Tv)

Gara valida per la seconda giornata della Serie A...