― Advertisement ―

spot_img

Argentina vs Canada – probabili formazioni

L'Argentina inizierà a difendere il suo titolo di Copa America affrontando il Canada nell'esordio di venerdi 21 giugno al Mercedes-Benz Stadium di Atlanta. Con sei...
HomeMotoriFormula UnoQuali sono le possibili strategie di gara per il Gran Premio del...

Quali sono le possibili strategie di gara per il Gran Premio del Canada?

Sabato è stata una giornata di sorprese in Canada. Dopo un venerdì molto umido, una FP3 asciutta era inaspettata e una sessione di qualifiche asciutta è stata francamente sorprendente, quasi quanto vedere una Mercedes risorgente conquistare la prima pole position dell’anno, con George Russell che ha conquistato la P1 in virtù del completamento del suo giro da 1m12.000s sette minuti prima che Max Verstappen facesse registrare un tempo identico.

Ha le prestazioni necessarie per tenere a bada Verstappen e le McLaren della seconda fila sulla distanza della gara? Ci sono le condizioni atmosferiche, naturalmente, e il Circuit Gilles Villeneuve è un ripetitore di Safety Car e bandiere rosse – ma anche senza questo livello di dramma, il Gran Premio del Canada offre scelte strategiche affascinanti, che i fornitori ufficiali di pneumatici F1 Pirelli possono guidarci attraverso…

Cosa è successo l’anno scorso?

Il Gran Premio del Canada 2023 si è svolto su un filo di lama strategico, con poco da scegliere tra una gara a una o due soste, con pneumatici C3 hard e C4 medium. Pertanto, tutti hanno portato in gara due gomme dure, due medie o due di entrambe.

Non c’è stata la stessa libertà strategica, perché la Safety Car al 12° giro ha omogeneizzato gran parte dello schieramento. I primi tre classificati, Verstappen, Fernando Alonso e Lewis Hamilton, hanno tutti approfittato per effettuare un pitstop anticipato, fissando una gara a due soste.

Sono partiti tutti con le medie e sono passati alle dure alla Safety Car. Dietro di loro, Charles Leclerc (P4) e Carlos Sainz (P5), anch’essi partiti con le medie, sono rimasti fuori e hanno effettuato una sola sosta, così come Sergio Perez (P6), il più alto tra i partenti con le dure.

La serie di pit-stop nella seconda metà della gara è stata una cascata perfetta. Perez si è fermato al 37° giro per le medie, seguito da Sainz al 38° giro e da Leclerc al 39° giro per le dure. Dei due stopper, Hamilton ha optato per medie>duro>medio con una seconda sosta al 40° giro, Alonso per medie>duro>duro al 41° e Verstappen, dopo aver superato tutti gli altri, ha effettuato il pit stop al 42° giro, vincendo con una strategia media>duro>medio.

Con un notevole distacco alle spalle. Perez ha potuto effettuare un’altra sosta al 68° giro della gara di 70 giri per montare una gomma morbida e conquistare il punto extra per il giro più veloce.

Alex Albon, partito con le medie, si è piazzato settimo dopo uno stint eccezionale con le dure, effettuando una sosta al 12° giro e completando 58 giri con una C3. Esteban Ocon (P8) ha utilizzato medie>duro>duro, con soste al 12° e 36° giro, mentre Lance Stroll ha concluso la sua gara di casa in P9 con una variante offset della stessa, effettuando il pit stop all’11° e 27° giro. Valtteri Bottas ha conquistato l’ultimo punto con le dure>medie, effettuando il suo unico pit-stop al 36° giro.

Allora, qual è la strategia più veloce questa volta?

Parleremo subito del grande elefante umido nella stanza, ma ipotizzando una gara asciutta, la pista appena riasfaltata sembra aver spinto il Circuit Gilles Villeneuve più saldamente nel territorio delle due soste, e l’ininterrotta corsa sull’asciutto nelle FP3 suggerisce che il pneumatico medio difficilmente si troverà a suo agio in uno stint prolungato.

“Per fortuna abbiamo avuto una sessione asciutta”, dice Mario Isola, Direttore Motorsport Pirelli. “Ci aspettavamo un mix tra strategie a una e due soste, ma l’usura e il degrado che abbiamo misurato sulla mescola media sono superiori alle aspettative. Credo che questo spingerà i team verso una strategia a due soste”.

Ma quale doppia sosta? Dato che lo pneumatico duro sembra più robusto e non soffre del graining visto sulle altre mescole, è probabile che prevalga la strategia media>dura>dura.

La versione ottimale prevede una prima sosta tra i giri 15-21 e una seconda tra i giri 41-50.

Che ne dite di un’opzione diversa per la top 10?

Anche la formula medium>hard>medium è attiva, anche se la differenza tra due stint hard e due stint medium è un obbligo piuttosto che una scelta, in base all’assegnazione. Mercedes, McLaren, Verstappen e Albon hanno due hard e una medium; Aston Martin e le RB hanno una hard e due medium.

Sebbene la C4 non sembri un ottimo pneumatico da gara al momento, è possibile che le cose cambino con l’aumento della gomma.

“La pista era molto verde ieri, le medie si stavano sgranando e le posteriori erano limitate dall’usura, ma se la pista migliorerà nel corso della gara, la seconda media potrebbe essere migliore della prima”, propone Isola. “La differenza tra media>dura>dura e media>dura>media dipenderà dall’evoluzione della pista”.

Secondo gli strateghi Pirelli, la gara ottimale prevede una prima sosta tra i giri 17-23 e una seconda sosta tra i giri 43-52.

Quali sono le opzioni per la parte bassa dello schieramento?

L’opzione di una sola sosta sembra marginale, ma all’ombra del Casinò di Montréal, qualcuno vorrà scommettere. La migliore ipotesi di Pirelli per una sola sosta è simile a quella utilizzata dalla Ferrari l’anno scorso: partenza con le medie, per passare alle dure tra i giri 26-35.

Sebbene le medie abbiano un vantaggio di soli 3 metri di aderenza fino a 150 km/h nella prima zona di frenata, offrono una maggiore flessibilità in caso di Safety Car anticipata, consentendo un long stint alla Albon. Chi ci proverà? Il celebre esperto di pneumatici Sergio Perez, in P16, potrebbe avere voglia di fare un tentativo.

Aspettate… cosa sta facendo il tempo?

Sì, questo. Al momento in cui scriviamo, mentre le auto sono state riposte per la serata, le previsioni indicano una probabilità di pioggia del 60% all’inizio, che salirà all’80% nella seconda metà.

Dalle prove sappiamo che questa nuova superficie è insolita. Diventa troppo difficile per le slick non appena inizia a piovere, ma anche quando smette di piovere, la linea di asciugatura si forma in modo sorprendentemente rapido. In queste condizioni di asciugatura, tuttavia, non sembra un inter-killer.

“Quando si corre con le intermedie in condizioni di asciugatura, si accelera sempre l’usura”, dice Isola. “Qui, invece, non si mette molta energia negli pneumatici, non c’è molto movimento laterale e l’asfalto è molto liscio. Il pneumatico non si consuma, quindi ci aspettiamo un elevato chilometraggio sulle intermedie, anche in queste condizioni di rapida asciugatura”.

Infine, vale la pena notare che la minaccia di pioggia è di solito un fattore strategico tanto quanto la pioggia stessa. Se la gara dovesse iniziare sull’asciutto, ma il radar dovesse indicare la presenza di nubi temporalesche in direzione dell’Ile Notre-Dame, allora tutti si allungheranno fino all’arrivo della pioggia.