fbpx
Novembre30 , 2021

Red Bull, Perez: “Quindici anni fa mi cacciarono”

Related

Vicenza vs Benevento: pronostico e possibili formazioni

Martedì 30 novembre alle ore 20.30 allo stadio Romeo...

Pordenone Alessandria (probabili formazioni e Tv)

Gara valida per la quindicesima giornata della Serie B...

SPAL vs Lecce: in tv e formazioni

Una delle partite in programma per la 15esima giornata...

Cremonese vs Frosinone (probabili formazioni e Tv)

Gara valida per la quindicesima giornata della Serie B...

NFL – I risultati del weekend di Week 12 2021

Con la partita tra Browns e Ravens si è...

Share

Curioso episodio quello svelato dal pilota della Red Bull Perez. Il messicano, per “Beyond the Grid” ha svelato il motivo del suo deludente primo ed unico test con la scuderia austriaca in F3.

Aston Martin: Vettel delude in Bahrain, manca il feeling con la vettura

Red Bull-Perez: cosa accadde quindici anni fa?

Il messicano ha parlato così ai microfoni del podcast di Formula Uno: “Nel 2006 o 2007, ora non ricordo esattamente, mi invitarono a fare un test con una Formula 3, ma purtroppo non andò bene. Il problema era che il sedile non era della mia misura e le ginocchia toccavano il volante, di conseguenza non riuscivo a girare bene e i tempi risultavano alti. Pensavo che si potesse risolvere questo guaio, ma quando tornai ai box mi mandarono semplicemente via, visto che ero troppo lento. A loro interessava solamente il tempo sul giro, non mi diedero una seconda occasione“.

Nonostante quell’episodio, il messicano riuscì ad approdare in Formula 3, giocandosi il titolo contro i piloti della Red Bull: “Quell’anno feci comunque la F3 e me la giocai proprio con i piloti Red Bull. Ero in testa al campionato e a Silverstone incontrai Helmut, che salutai. Mi rispose solamente ‘ti batteremo, ti batteremo’, per cui gli augurai buona giornata e tutto finì lì. Quando ero al mio primo anno in GP2, Christian Horner era alla Arden; ebbi una conversazione con lui dopo un’altra buona gara a Silverstone e mi disse ‘Stai andando bene, ma hai il tuo programma e non hai bisogno di me’. Quella fu l’ultima volta che parlammo io e qualcuno della Red Bull“.

Quindici anni dopo, il pilota ha potuto coronare il suo sogno. Un lungo cammino quello dell’ex Racing Point che per la prima volta in carriera, potrà puntare al titolo: “ Far parte di un programma giovani è chiaro che aiuta. Comunque sono molto grato a Dietrich Mateschitz, Helmut, Christian, Adrian e tutta la famiglia Red Bull per avermela concessa ora. Come detto prima, loro guardano i risultati e nessuno prima d’ora mi aveva fornito l’occasione di correre con una vettura di vertice. Ora devo solo dimostrare che sono capace di sfruttarla a dovere“.

Sito ufficiale F1.com

Fonte Foto: Ufficio Stampa Red Bull Racing

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20