― Advertisement ―

spot_img

Gara 5 playoff Basket 2024: Venezia piega Reggio Emilia e vola in semifinale

I lagunari la spuntano in gara 5 playoff Basket 2024 guadagnandosi la semifinale contro Reggio Emilia per 83-67. Gran parte del merito va...
HomeCalcioVia Cioffi, l'Udinese sceglie Cannavaro

Via Cioffi, l’Udinese sceglie Cannavaro

Terzo ribaltone in casa dei friulani che hanno deciso di mandare via Cioffi, subentrato a Sottil, per affidarsi a Fabio Cannavaro nel tentativo di evitare nelle ultime cinque giornate una retrocessione che sta per concretizzarsi.

VIA CIOFFI, CANNAVARO NUOVO ALLENATORE DELL’ UDINESE

La pesante sconfitta subita a Verona ha allarmato la dirigenza bianconera che ha optato per l’ennesimo cambio di guida tecnica, il terzo stagionale, nel tentativo di risollevare le sorti di una squadra, piombata al terz’ultimo posto e reduce da tre ko nelle ultime quattro partite.

La scelta di andare su Fabio Cannavaro è arrivata dopo il mancato accordo con Edy Reja, che ha però declinato l’offerta. L’x pallone d’oro e campione del mondo con l’Italia nel 2006, è atteso nelle prossime ore per la firma e la conduzione del suo primo allenamento. Nello staff anche il fratello Paolo, Giampiero Pinzi, ex giocatore dell’Udinese, ed Emanuele Troise. Il debutto in panchina è previsto giovedì 25 aprile nel recupero di campionato contro la Roma sospeso per il malore occorso al difensore giallorosso N’Dicka.

LA CARRIERA DI CANNAVARO DA ALLENATORE

Inizia la sua carriera in panchina come vice di Olaroiu all’ Al Ahli(Arabia Saudita) nel 2013. L’anno seguente viene ingaggiato come primo allenatore del Guanghozou Evergrande(Cina), ma viene esonerato nel 2015. Poco dopo, passa all’ Al Nassar(Arabia Saudita), ma viene esonerato a febbraio. A giugna l’esperienza con il Tajanin Quanijan(Cina) dove ottiene la promozione in prima divisione, per poi rassegnare le dimissioni nel 2017. Quindi il ritorno al Guanghozpu Evergrande dove vince la Supercoppa cinese nel 2018 e il campionato nel 2019. Nel 2021 rescinde il contratto per probabili economici della società, e l’anno seguente la sua prima esperienza in Italia, in Serie B, sulla panchina del Benevento, dove viene esonerato dopo 16 punti in 18 partite.

L’addio al veleno di Luis Alberto alla Lazio