Comincia col piede giusto l’avventura dell’Italia ai Mondiali di biatholn in corso di svolgimento ad Antarselva. Lisa Vittozzi, Dorothea Wierer, Lukas Hofer e Dominik Windisch hanno conquistato il secondo gradino del podio a 15″ 6′ dalla Norvegia, medaglia d’oro con Eckoff, Olsbu e i fratelli Boe. Terza classificata la Repubblica Ceca con un ritardo di 31 secondi. Quarto posto per la Germania, quinto per l’Ucraina e sesta la Russia. Delude la Francia, solo settima. Malissimo la favorita Svezia, undicesima. Venerdì è in programma alle 14.45 la 7,5 km femminile.

Le dichiarazioni degli azzurri:

Lisa Vittozzi:Siamo stati veramente forti, non abbiamo sbagliato quasi nulla. Per raggiungere un risultato così prestigioso serviva una prestazione perfetta contro Nazioni tutte di altissimo livello. Sono orgoglioso di far parte di questa squadra”.

Dorotea Wierer: Non ho pensato alla medaglia, sono rimasta esclusivamente concentrata sulla mia gara. Sono super contenta di come è andata. Avevo soltanto due ricariche a disposizione, la situazione era tutt’altro che facile. Nonostante questo sono riuscita a dare il cambio in seconda posizione contro una Tirill Eckoff davvero forte sugli sci”.

Lukas Hoffer:Siamo davanti a un secondo posto fenomenale. Tutto è più bello per la presenza del nostro pubblico in casa nostra. È tutto molto bello: conquistare una medaglia alla prima uscita è fantastico”.

Dominik Windisch: Il mio sorriso dice tutto. Nella mia frazione sono stati testa a testa con Boe, ma non ho pensato al risultato. Ero focalizzato esclusivamente su me stesso per cercare di fare il meglio possibile. Questo secondo posto è fenomenale, il risultato è di altissimo livello. Sembra di essere in un sogno se consideriamo che siamo sulla pista di casa. Da giorni speravo di arrivare negli ultimi 100 metri davanti al nostro pubblico”.

Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.