― Advertisement ―

spot_img

Liverpool vs Luton Town – probabili formazioni

Per allungare la sua imbattibilità casalinga in Premier League a 25 partite, il Liverpool accoglie il Luton Town nella sua sede di Anfield per...
HomeCalcio InternazionalePremier LeagueBrentford-Everton - probabili formazioni

Brentford-Everton – probabili formazioni

Entrambe reduci dalle sconfitte per 1-0 dello scorso weekend, Brentford ed Everton cercano di rimettersi in carreggiata nell’incontro di sabato 23 settembre in Premier League al Gtech Community Stadium.

I Bees sono stati sconfitti dal Newcastle United nell’ultimo turno, mentre la squadra di Sean Dyche è stata meritatamente battuta dall’Arsenal sul proprio campo. Il calcio di inizio di Brentford-Everton è previsto alle 18:30

Anteprima della partita Brentford-Everton a che punto sono le due squadre

Brentford

L’imbattibilità di sette partite in Premier League è stata interrotta al St James’ Park lo scorso fine settimana: il Brentford ha perso per la prima volta nella massima serie da maggio grazie a un rigore di Callum Wilson, che ha messo fine anche alla misera striscia di sconfitte del Newcastle.

L’arbitro Craig Pawson ha comminato ben otto cartellini gialli nel corso di una partita combattuta e controversa, ma il Newcastle ha mostrato la lucidità difensiva che spesso gli è mancata negli ultimi mesi per condannare il Brentford alla prima sconfitta stagionale.

Nonostante l’imbattibilità nelle prime quattro partite del nuovo mandato, i pareggi in casa con Bournemouth e Crystal Palace non sono stati niente di eccezionale per la squadra di Thomas Frank, che ha già giocato tre partite in stallo in questo periodo – il maggior numero di partite in campionato insieme ai Cherries.

In questa fase embrionale, i Bees si trovano in una posizione di metà classifica, all’11° posto, e la squadra di Frank ha ancora un solo clean sheet in questa stagione, dopo il 3-0 al Fulham, e non è riuscita a chiudere la porta in ognuna delle ultime quattro partite.

Prima della fine del mese il Brentford dovrà affrontare anche l’Arsenal in EFL Cup, ma i Gunners sono una delle due sole squadre ad aver battuto gli uomini di Frank in casa in Premier League dall’inizio della scorsa stagione e i padroni di casa hanno segnato in 16 partite consecutive in massima serie al Gtech dopo il pareggio senza reti con il Chelsea di 11 mesi fa.

Everton

Queste statistiche non saranno una lettura piacevole per i fedeli dell’Everton, che hanno accolto l’Arsenal a Goodison Park lo scorso fine settimana con l’ottimismo di prolungare il loro periodo di crisi contro i Gunners, che non vincono sul terreno dei Toffees dalla stagione 2017-18.

I tentativi dell’Everton di frustrare l’Arsenal hanno inizialmente funzionato a dovere – grazie anche al gol annullato a Gabriel Martinelli – ma il portiere debuttante David Raya è stato tenuto incredibilmente a bada dall’altra parte del campo, e alla fine i Gunners hanno trovato una via d’uscita grazie a un sublime gol di Leandro Trossard.

Alla squadra di Dyche è bastata una vittoria per 1-0 in casa del Bournemouth la scorsa stagione per evitare la retrocessione, ma da allora ha subito tre sconfitte consecutive al Goodison contro Fulham, Wolverhampton Wanderers e Arsenal con lo stesso punteggio, quest’ultima arrivata dopo aver resistito per il primo punto del nuovo mandato allo Sheffield United.

Di conseguenza, i Toffees languono in un territorio familiare, al 18° posto, e hanno appena due gol all’attivo in questa stagione – un minimo insieme al Luton Town – e i loro sforzi contro l’Arsenal hanno fatto poco pensare che le loro fortune in attacco cambieranno da un giorno all’altro.

Tuttavia, l’Everton è riuscito a conquistare quattro punti su sei negli incontri con il Brentford della scorsa stagione, uscendo dalla capitale con un pareggio per 1-1 in agosto prima di prevalere a Goodison Park – senza sorprese, con il punteggio di 1-0 – grazie al gol di Dwight McNeil al 35° secondo.

Notizie dalle squadre

Un infortunio devastante si è aggiunto all’insulto per il Brentford al St James’ Park lo scorso fine settimana: Rico Henry è uscito nel primo tempo con quello che si sospetta essere un problema al legamento crociato, il che significa che il terzino sinistro potrebbe aver giocato la sua ultima partita con la maglia biancorossa in questa stagione.

Henry è stato uno dei due infortunati di quella sconfitta, insieme a Ben Mee – che avrà bisogno di un controllo dopo aver subito una botta, così come i recenti assenti Kristoffer Ajer e Mikkel Damsgaard – mentre Shandon Baptiste (spalla) e Josh Dasilva (coscia) sono fuori a lungo termine.

Oltre al sospeso Ivan Toney, anche Neal Maupay del Brentford non è eleggibile per affrontare il suo club d’origine, quindi Kevin Schade dovrebbe essere riportato nell’ultimo terzo di campo mentre Frank torna a un sistema più offensivo.

Al contrario, l’Everton è uscito dalla sconfitta con l’Arsenal senza nuovi problemi di forma fisica da affrontare e Dominic Calvert-Lewin, che ha subito un infortunio, dovrebbe rientrare nei pensieri di Dyche dopo un cameo in ritardo contro i Gunners.

Tuttavia, Dele Alli (inguine) e Seamus Coleman (ginocchio) non rientreranno prima di qualche settimana, e la trasferta di Londra potrebbe arrivare troppo presto anche per Jack Harrison (inguine) e Andre Gomes (polpaccio).

Sebbene si possa pensare a uno o due cambi in avanti, Dyche dovrebbe mantenere la maggior parte della sua retroguardia, compreso Jarrad Branthwaite, che ha dato prova di caparbietà tenendo a bada l’Arsenal per i primi 70 minuti della gara dello scorso weekend.

Probabili formazioni Brentford-Everton

Possibile formazione iniziale del Brentford:
Flekken; Hickey, Collins, Pinnock, Roerslev; Jensen, Norgaard, Janelt; Mbeumo, Wissa, Schade

Possibile formazione iniziale dell’Everton:
Pickford; Patterson, Branthwaite, Tarkowski, Mykolenko; Danjuma, Gueye, Doucoure, Onana, McNeil; Beto