Non riesce alle squadre italiane l’impresa di ribaltare i risultati delle partite di andata e passare agli ottavi di Champions. Ci è andata più vicina la Juventus Women che partiva dal passivo di due gol subito in casa. A Barcellona il risultato è di 2-1 ma la prestazione offerta lascia soddisfazione tra i tifosi e all’interno della squadra che esce a testa alta dallo stadio “Johan Crujiff” . La Fiorentina capitola anche a Londra, questa volta il passivo è di soli 2 gol.

Barcellona- Juventus Women 2-1

Ha necessità di segnare la Juventus, si porta quindi subito in avanti con il Barcellona che, al contrario, non ha alcuna fretta e controlla le incursioni bianconere. Al 16′ una buona occasione da calcio d’angolo porta la tiro Sara Gama che trova l’opposizione del portiere avversario. Sale però la squadra spagnola e costringe l’avversario nella propria metà campo fino al gol del vantaggio che arriva al 31′. Marta dalla destra crossa al centro dove Alexia incorna e batte Laura Giuliani. Il totale del passivo si fa ora più pesante, servirebbero tre gol senza subirne per passare il turno. Al 38′ arriva invece il secondo gol del Barcellona ad affievolire quasi del tutto le speranze juventine. Complice una deviazione sfortunata di Cristiana Girelli.

Champions League, tornano in campo Juventus W e Fiorentina W

Domina ora la squadra di Lluis Cortes, che sente la qualificazione in tasca. Nulla può più invece la squadra di Rita Guarino che riesce però a piazzare il colpo ed accorciare le distanze con la Staskova entrata appena un minuto prima. Siamo al 79′ e il primo pallone che tocca è una zuccata che raccoglie un cross e finisce in rete. Troppo tardi per pensare ad una ribaltamento del risultato nonostante la Juventus generosamente cerchi di portarsi avanti ed impensierire le blaugrana. Passa il turno il Barcellona che dovrà attendere i sorteggi del 30 settembre per conoscere la prossima avversaria. La Juventus esce comunque con delle certezze da questa doppia sfida giocata contro una squadra di altissimo livello che lo scorso anno ha raggiunto la Finale della competizione, poi persa. Una doppia sfida che ha testato le attuali possibilità delle bianconere e tracciato un percorso futuro in cui raccoglierà sicuramente importanti frutti.

Tabellino

BARCELLONA (4-2-3-1):Panos, Van der Gragt, Marta, Mariona, Hamraoui, Alexia, Aitana, Leila, Graham, A.Pereira, Oshoala

JUVENTUS (4-3-3): Giuliani, Hyyrynen, Gama, Sembrandt, Boattin, Galli, Pedersen, Rosucci, Aluko, Girelli, Cernoia

Marcatori: 31′ Alexia, 38′ Girelli (Aut.), 79′ Staskova

Arsenal-Fiorentina Women 2-0

Non c’è stato nulla da fare. Impresa impossibile alla vigili, quella di ribaltare il risultato di 4 gol subiti in casa nella partita di andata. La squadra di Cincotti scende comunque in campo motiva e decisa a vendere cara la pelle ma l’Arsenal si dimostra troppo più forte per le attuali possibilità della squadra italiana. A sbloccare il risultato un rigore assegnato per una deviazione con il braccio di Alia Guagni. La seconda rete a chiudere definitivamente ogni illusione arriva nel secondo tempo su azione.

Si chiude qui l’avventura italiana nella Champions League femminile, unico rimpianto aver pescato decisamente male nell’urna dei sorteggi che hanno contrapposto alle nostre, due delle migliori squadre europee. Appuntamento per la prossima edizione.

Tabellino

Arsenal: Peyraud-Magnin (P), Beattie, Williamson, van de Donk, Little (C), Miedema, Roord, McCabe, Evans, Schnaderbeck, Mead

Fiorentina: Durante (P), Cordia, Guagni (C), Arnth, Breitner, Adami, Vigilucci, De Vanna, Thøgersen, Fusini, Agard

Marcatori: 43′ Little (R), 74′ Miedema

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.