giro-delle fiandre

Oggi 18 Ottobre si è corsa una nuova tappa del Giro-delle Fiandre, ci sono state alcune cadute, una in particolare ha fatto parlare i telecronisti di una vera e propria situazione comica. Succede di tutto nella corsa delle fiandre, e la caduta di Gregor Muhlberger è stata ingenua e rovinosa, da principiante non da corridore esperto. Il vincitore di tappa è stato il corridore Olandese Van der Poel.

Leggi anche: Giro-D’Italia 2020: Filippo Ganna vince la 14 tappa

Giro-delle Fiandre: la tragi-comica caduta di Gregor Muhlberger

Il Giro-delle Fiandre oggi è stata più divertente del solito, con la caduta più strana e ironica di sempre. Verso mezzogiorno e venti il corridore austriaco Gregor Muhlberger stava correndo normalmente in strada quando gli è stato dato il sacchetto di rifornimento, quando aveva finito ha letteralmente lanciato il sacchetto che si è infilato nel manubrio incastrandosi e lo ha fatto cadere giù sbattendo sul fianco per terra.

Giro-delle Fiandre: Alaphilippe cade dopo l’impatto con una moto

Dopo la caduta ironica di Gregor Muhlberger un’altra caduta ha fatto preoccupare non poco quella di Julian Alaphilippe, che si trovava in testa alla corsa, ma poi dopo che una moto lo ha toccato lui è caduto rimanendo a lungo per terra.

Il campione del mondo si trovava in testa alla corsa a 35 km dal traguardo insieme a Mathieu Van der Poel e a Wout van Aert, ma è finito a terra dopo il contatto con una moto troppo vicina al terzetto di testa della gara. Julian Alaphilippe, in forza alla Elegant-QuickStep, è stato prontamente medicato dai sanitari ma purtroppo la sua corsa è compromessa.

Era stato proprio Alaphilippe a promuovere l’azione decisiva quando mancavano 38 km dall’arrivo, grazie ad un’accelerazione nata poco prima a del Taaienberg, la salita in pavè cara a Tom Boonen.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20