fbpx
Settembre18 , 2021

GP Stiria: le scelte della Michelin

Related

Valencia vs Real Madrid: pronostico e possibile formazioni

Il Real Madrid cercherà di continuare il suo incoraggiante...

Real Betis vs Espanyol: pronostico e possibili formazioni

Il Real Betis cercherà di registrare la sua terza...

Angers vs Nantes: pronostico e possibili formazioni

L'Angers ospiterà il Nantes in Ligue 1 domenica 19...

Yamaha si prepara per lo sbarco in Moto2

Sottotraccia, i costruttori stanno tornando nella classe media del...

Superbike Barcellona: Sykes distrugge tutti in Superpole

Tra i due litiganti, il terzo gode. Con uno...

Share

Il GP di Stiria è speciale per la Michelin. Non soltanto per le sfide tecniche che offre il Red Bull Ring, ma anche perché sarà la gara che sponsorizzerà. Avrebbe dovuto essere la Finlandia ma, come sapete, il Gran Premio sullo sventurato Kymiring è stato cancellato…di nuovo. Tornando all’aspetto tecnico, il responsabile Piero Taramasso ha approfondito l’argomento in un’intervista a Motorsport.com, spiegando le specifiche che il gommista fornirà ai piloti MotoGP.

GP Stiria: quali gomme porta la Michelin?

Cominciamo con il dire cosa è rimasto uguale dal 2020. Le mescole Soft e Medium sono le stesse dello scorso anno, le quali si sono comportate piuttosto bene. La novità è la Hard, che per l’edizione di quest’anno si presenta con la soluzione asimmetrica. La spalla destra è più dura delle altre, per conferire maggiore appoggio in curva. Secondo Taramasso, la spalla destra più dura può dare una mano anche in staccata, in quanto si verifica il fenomeno del bloccaggio della ruota anteriore. Una spalla più dura aiuta a dare più grip in frenata. In caso di asciutto, l’ingegnere di Michelin ritiene che le mescole più gettonati dai piloti saranno Medium e Hard all’anteriore (per avere più appoggio nelle staccate “animali” del Red Bull Ring) e Medium e Soft al posteriore. Sempre che si corra sull’asciutto, beninteso.

Il fattore meteo

Le previsioni meteorologiche offrono un certo grado d’incertezza. Potrebbe fare caldo oppure freddo, ma potrebbe anche piovere. La pioggia sarebbe un grosso problema perché, come ammette lo stesso Taramasso, la pista non offre un gran grip in tali condizioni. Una buona parte delle curve sono sopraelevate, e quindi quando smette di gocciolare dal cielo tendono ad asciugarsi più in fretta. Il rovescio della medaglia è rappresentato dalle righe d’acqua che rendono quei tratti un incubo. Comunque, Taramasso non appare troppo preoccupato: le rain della Michelin hanno lavorato bene in condizioni simili, senza creare problemi sul lato sicurezza.


GP Stiria: gli orari e la programmazione TV


Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20