Spain's Ona Carbonell competes in the solo free artistic swimming event during the 2019 World Championships at Yeomju Gymnasium in Gwangju on July 15, 2019. (Photo by Ed JONES / AFP) (Photo credit should read ED JONES/AFP via Getty Images)

Oggi 5 Giugno compie 30 anni Ona Carbonell, l’ex Sincronetta Spagnola.

Ha vinto una medaglia d’argento nel duo e una di bronzo nella gara a squadre ai Giochi Olimpici di Londra 2012.

Ona è la sorella del famoso poeta e ricercatore catalano Max Carbonell.

Il motto di Ona Carbonell è il seguente: “La cosa principale nello sport d’élite è sapere quali limiti puoi superare con sforzo e dedizione.

È una lezione che puoi anche applicare alla tua vita quotidiana.

Ma lo sport ti insegna anche altre lezioni preziose come disciplina, responsabilità e lavoro di squadra.”

Leggi anche: Nuoto: rinviati al 2022 i Mondiali di Fukuoka.

La Carriera di Ona Carbonell

Ona Carbonell ha iniziato a praticare il nuoto sincronizzato all’età di 10 anni, dopo essersi dedicata in precedenza alla ginnastica ritmica.

Pensava che il nuoto sincronizzato fosse un buon modo per combinare la componente artistica della ginnastica con il nuoto.

Le sue prime medaglie conquistate sono state l’argento e il bronzo vinti nella gara a squadre (rispettivamente nel programma libero e in quello tecnico) durante i Mondiali di Melbourne 2007.

Confermatasi nel frattempo un’atleta internazionale di alto livello, ha partecipato ai Giochi Olimpici di Londra 2012.

Vincendo la medaglia d’argento nel duo, in coppia con Andrea Fuentes, e la medaglia di bronzo nella gara a squadre.

Dopo il ritiro di Andrea Fuentes avvenuto nel 2013, Ona Carbonell ha iniziato a rappresentare la Spagna anche nel singolo.

Alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016 si presenta nel duo insieme alla veterana Gemma Mengual piazzandosi al quinto posto.

Nel 2013 e 2017 inoltre è stata nominata Atleta femminile catalana dell’anno in Spagna.

Il primo libro autobiografico di Ona

Ona Carbonell presenta il suo libro come se fosse una sirena

Nel 2016 ha pubblicato un libro intitolato “Tre minuti, quaranta secondi”, in cui parla della sua vita di atleta nei suoi primi 16 anni nello sport. 

Il titolo fa riferimento alla lunghezza della sua routine di duetti ai Giochi olimpici del 2012 a Londra, dove ha vinto una medaglia d’argento.

Nel 2019 ha pubblicato un altro libro intitolato “Elena Sirena” [Elena la sirena], che è una serie di racconti per bambini legati alle sue esperienze di vita. 

“Ho tenuto un campo estivo artistico di nuoto e molte ragazze dai 6 ai 17 anni vengono da tutto il mondo.

Adorano ascoltare le mie storie e questo libro è un modo educativo e carino per dire:” Sei non solo, lo sport non è facile, ma è grandioso.

Sto già lavorando a un secondo libro “. 

Le altre imprese di Ona

Nel 2017 ha lanciato una linea di costumi da bagno e bikini con una società di abbigliamento sportivo.

Ha anche disegnato i suoi costumi da gara per i campionati mondiali, i campionati europei e i giochi olimpici. 

Inoltre ha lavorato come modella per il designer spagnolo Antonio Miro.

Ona Carbonell è entusiasta del suo allenatore

One Carbonell afferma che la squadra di nuoto artistica spagnola ai Mondiali del 2019 a Gwangju, in Corea, è stata la migliore con cui abbia mai gareggiato e che gran parte del merito va all’allenatore, Mayuko Fujiki. 

“Per molto tempo Mayu è stata come una madre per me.

È l’allenatore con cui sono stata più lungamente nella mia carriera.

Si è evoluta molto e ha assorbito tutte le cose buone di diverse scuole in Giappone, negli Stati Uniti di America, Spagna e Cina.

È molto esigente, ma con lei sei sempre calma perché sai che il percorso che stai per intraprendere è quello giusto.

Come atleta che è bravo, soffri, ma sai che è per qualcosa, tutto viene calcolato.

Aiuta molto con le coreografie.

Con Mayu parliamo la stessa lingua.

Mi sento molto supportato dal team, per me è la squadra migliore con cui sono stata perché è una squadra in tutti i sensi parola.”

Il Ritiro di Ona Carbonell

Nel 2019 Ona Carbonell si è ritirata dall’attività sportiva, infatti nel settembre 2019 ha annunciato che si sarebbe presa un po ‘di tempo lontano dalle competizioni e che non avrebbe gareggiato ai Giochi olimpici del 2020 a Tokyo. 

Voleva passare più tempo con due membri della sua famiglia, che avevano problemi di salute.

Ona Carbonell parlava così: “La mia prima partecipazione alle Olimpiadi è radicata nella mia memoria.

È stata a Londra nel 2012, ed è stato uno dei momenti più speciali della mia vita.

Era il sogno di una bambina che si è avverato e sono stata anche abbastanza fortunata da ripetere l’esperienza quattro anni dopo a Rio de Janeiro.

Tuttavia, quest’anno, all’inizio di una nuova sfida olimpica, mi trovo di fronte a una situazione personale diversa.

Dopo molta meditazione con la mia famiglia, ho parlato e valutato attentamente la situazione con il mio allenatore e più tardi con il resto della mia squadra, ho deciso che è tempo di fare un passo da parte “.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20