Giornata 7 della Liga.

Dopo le sconfitte nel turno infrasettimanale, pareggiano le capoliste. Il Barcellona viene fermato sull’1-1 al Camp Nou contro l’Athletic Bilbao, mentre il derby di Madrid termina a reti inviolate.

A Barcellona, Messi parte dalla panchina. Al 6′ ci prova Suarez a impensierire il portiere su un calcio di punizione, di poco a lato. All’11’ si affacciano gli ospiti in area blaugrana, con Williams che prova a beffare Ter Stegen con un pallonetto. Palla sopra la traversa. Al 25′, Vidal trova Suarez in area con un preciso rasoterra. Da due passi dalla porta, il Pistolero calcia di prima, ma la palla sbatte contro Simòn. Al 41′, De Marcos vola e impatta di piede sul cross pennellato, da sinistra, di Susaeta; 0-1 Athleti.

Nel secondo tempo, ci entra anche Messi e il Barça spinge sull’acceleratore per trovare il pari, ma il Bilbao si chiude dietro, respingendo le varie occasioni blaugrana. Al 76′, Messi batte Simòn, con un destro al volo, ma la palla sbatte sul palo. All’83’, la pulce tiene in campo un pallone troppo lungo di Rakitic, lavora bene e calcia quasi dal vertice destro dell’area. Respinta corta di Simon, su cui si avventa Messi che offre l’assit a Munir per l’1-1 finale.

A Madrid, è il primo derby della nuova era post-Ronaldo e il primo da grande ex per Thibaut Courtois. Lopetegui si affida, lì davanti all’ormai callaudata BBA (Benzema, Bale, Asensio), mentre Simeone prova impensierire la retroguardia del Real con Griezmann e Diego Costa. 

Primo tempo. Bravo Courtois, al minuto 2, a respingere un violento tiro di Saul. Al 17′ è ancora pericoloso l’Atletico. La difesa del Real si fa trovare completamente sbilanciata. Si infila Griezmann, che, a tu per tu con Courtois, prova il tocco sotto, ma la palla sbatte contro il volto del portiere belga. Al 20′, arriva il primo pericolo Blanco, quando Bale, sulla punizione di Kroos, impatta di piede, mandando di poco a lato. Si fa di nuovo pericoloso in ripartenza l’Atletico, al 36′; questa volta è Diego Costa a farsi ipnotizzare da Courtois. Al 41′ rischia Oblak con un tocco per Juanfran. La palla sbatte su Asensio, ma carambola di nuovo tra le mani dello sloveno. 

Nella ripresa, ci provano i Blancos con qualche tiro da fuori di Casemiro e Modric, molto lontani dallo specchio. Al 65′, su una bella imbucata, Asensio prova il colpo sotto a tu per tu con Oblak, bravo a uscire coi tempi giusti e a mettere in angolo. Lo sloveno salva ancora la porta, al 76′, su un destro potente, ma centrale di Carvajal. All’81’ ci prova Filipe Luis con un tiro da fuori area. Palla a lato, alla sinistra di Courtois. Non mancano le giocate e lo spettacolo, mancano i goal. Il Real Madrid non sfrutta di nuovo l’occasione per allungare sul Barça. L’Atletico scivola al 4o posto.

La vittoria del Siviglia, contro l’Eibar, permette, alla squadra di Machin, di scavalcare l’Atletico Madrid, portandosi al 3o posto, a -1 da Barcellona e Real Madrid. Decisivi sono, il solito André Silva, che, al 47‘, conferma il suo fiuto da bomber, avventandosi sulla palla precisa di Navas, e il ragazzo di casa Banega, che trasforma un calcio di rigore al 59′ e fa il bis al ‘. Per i padroni di casa in goal Jordan.

Nell’ultima partita della giornata, il Valencia passa per 0-1 sul campo della Real Sociedad. In goal l’ex colchonero Gameiro al 36′

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.