La Juve stende anche il Milan a S. Siro e mantiene sei punti di vantaggio sul Napoli confermandosi leader indiscussa del campionato con undici vittorie su 12 partite. Bianconeri subito in vantaggio con  Mandzukic dopo appena otto minuti. Solo Juve per oltre mezz’ora, dopodiché il Milan avrebbe l’occasione di pareggiare ma Higuai fallisce un calcio di rigore. Nella ripresa, i rossoneri cercano come possono di tener testa ai campioni d’Italia, ma la superiorità tecnica è fin troppo evidente e certificata dal raddoppio firmato da Cristiano Ronaldo. Nel finale, espulso Higuain per proteste eccessive in direzione dell’arbitro.

La partita:

4-3-1-2 per Allegri che rispolvera Benatia al centro della difesa con Chiellini,  mentre Cancelo ed Alex Sandro sono i terzini. A centrocampo, Pjanic, Bentancur e Matuidi. In attacco, Dybala dietro le punte Ronaldo e Mandzukic.

4-4-2 per il Milan di Gattuso: Donnarumma in porta, difesa con Zapata e Romagnoli al centro, Abate e Rodriguez sugli esterni. A centrocampo, Kessie’ e Bakayoko assistiti ai lati da Laxalt e Calhanoglu. In avanti, Higuain e Castillejo.

Primo tempo:

Al 5′, tiraccio di Ronaldo che finisce in curva. Al 7′, Alex Sandro è libero di crossare per la testa di Mandzukic che sovrasta Rodriguez e infila Donnarumma. Azione fotocopia tre minuti più tardi, ma stavolta l’attaccante croato colpisce debolmente. Al 12′,  Pjanic vede Ronaldo in area, tiro del portoghese rimpallato da un difensore rossonero, si avventa ancora Mandzukic che cicca la conclusione. Al 26′, cross di Cancelo, colpo di testa di Matuidi, facile presa di Donnarumma. Dominio bianconero con il Milan che resta a guardare. I rossoneri si affacciano per la prima volta dalle parti di Szczesny al 33′, con un tiro di Suso bloccato dal portiere polacco. Un minuto dopo, fallo di Benatia su Bakayoko e cartellino giallo per il difensore marocchino. Al 40′, quest’ultimo colpisce la palla con un braccia in area. L’arbitro dapprima lascia proseguire, poi dopo aver consultato il VAR, assegna il calcio di rigore ai rossoneri. Dal dischetto, Higuain si fa ipnotizzare da Szczesny. Finisce in pratica qui il primo tempo.

Secondo tempo:

Al 48′, Calhanoglu prova a spaventare Szczesny dalla distanza ma non trova la porta. Al 54′, Benatia pesca Alex Sandro che appoggia per Ronaldo, destro del portoghese che Donnarumma blocca in tuffo.  Al 56′, punizione di Dybala che colpisce il palo. Al 60′, ammonito Bakayoko per un fallo su Dybala. Al 61′, primo cambio nel Milan: esce Calhanoglu, dentro Cutrone. Al 68′, Ronaldo parte in contropiede calciando però tra le braccia di Donnarumma. Al 76′, Higuain libera Cutrone al tiro, che calcia troppo alto. Al 78′, esce Dybala ed entra Douglas Costa. All’81’, la Juve raddoppia: Laxalt respinge sui piedi di Cancelo, che avanza e conclude verso Donnarumma, il quale respinge sui piedi di Ronaldo che da due passi non può sbagliare. Tre minuti dopo,  il Milan rimane in dieci per l’espulsione di Higuain  per proteste all’indirizzo dell’arbitro. Entra Borin al posto di Abate, ma ormai il match non ha più storia. Troppa Juve per questo Milan

Il tabellino:

MILAN (4-3-3): Donnarumma, Abate (84’st Borini), Zapata, Romagnoli, Rodriguez , Suso, Kessie’,  Bakayoko, Laxalt, Calhanoglu, Castillejo  (61’st Cutrone), Higuain. A disp: A. Donnarumma, Reina, Abate, Simici, Bertolacci, Brescianini, Mauri, Montolivo, Mauri, Borini, Cutrone, Halilovic. All. Gennaro Gattuso 

JUVENTUS (4-3-1-2): Szczesny, Cancelo, Chiellini, Benatia, Alex Sandro, Bentancur, Pjanic, Matuidi, Dybala  (77’st Douglas Costa), Ronaldo, Mandzukic. A disp: Perin, Pinsoglio, De Sciglio, Barzagli, Bonucci, Douglas Costa, Kean , Rugani, Bentancur, Bernardeschi . All. Massimiliano Allegri 

Marcatori: 8’pt, Mandzukic  (J), 81’st,  Ronaldo (J)

Arbitro: MazzoleniPaolo ( Bergamo)

Angoli: 2-5

Recuperi: 2’pt,  3’st 

Ammoniti: Benatia  (J), Bakayoko  (M)

Espulsi: Higuain (M)

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.