gp francia petronas

Il Team Petronas mette in archivio anche il GP di Francia. Sotto il bagnasciuga di Le Mans, prima gara con il flag to flag dal 2017, Valentino Rossi e Franco Morbidelli mostrano competitività a sprazzi, anche se raccolgono forse meno di quanto avrebbero sperato. Il “Dottore” chiude in 11esima posizione quella che finora è la sua miglior gara da inizio stagione. Il “Morbido”, dal canto suo, aspirava a qualcosa di più di un 16esimo posto, e per di più staccato di 4 giri. Ma le sue ambizioni finiscono nella ghiaia già al primo giro, compromettendo l’intero pomeriggio.


Back to Back di Miller: è vittoria anche a Le Mans


GP Francia: come va la gara per il Team Petronas?

Partiamo proprio da Morbidelli. Il romano è autore di un contatto al primo giro con Pol Espargaro, nel quale è coinvolto anche Rossi. Il numero 21 tocca la ruota del 44, finendo nella ghiaia della S Bleu. La caduta gli procura una botta al ginocchio, già infortunato in un allenamento al Ranch. Franco non si arrende: si rialza, e approfitta della pioggia per cambiare moto. Ma il distacco accumulato è troppo grande per poter essere colmato. Il risultato finale è la sedicesima piazza, a quattro giri di distacco dal vincitore Jack Miller. In campionato, Morbidelli è ottavo con 33 punti, ed un solo podio all’attivo.


Espargaro e Morbidelli: tra contatto e polemiche


Rossi, come Morbidelli, è coinvolto nell’episodio con Espargaro. Valentino è spinto involontariamente fuori dal catalano, passando da settimo a tredicesimo. Ciononostante, il suo ritmo è piuttosto buono, il migliore mostrato finora in questa prima parte di stagione. Al quinto giro, il nove volte iridato si ferma ai box per il cambio moto, per passare alle gomme rain. Nelle fasi conclusive la pista si asciuga, e perde quel pizzico di velocità che gli serve per agguantare la top ten. Passa sotto la bandiera a scacchi in undicesima posizione, miglior risultato del 2021. In campionato passa al 19esimo posto, con nove punti iridati. Prossimo appuntamento al Mugello, dal 28 al 30 maggio.

Immagine in evidenza di Yamaha Racing, per gentile concessione

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20