Champions League, gruppo D: bene Schalke 04 e Porto, Lokomotiv Mosca eliminato

Burgstaller e Huth firmano il successo casalingo europeo di Tedesco e i suoi. Improbabile a questo punto la rimonta al secondo posto del Galatasaray mentre i portoghesi si assicurano matematicamente il passaggio del turno sotto il diluvio finale all’ Estádio do Dragão.

SCHALKE 04 – GALATASARAY 2-0

Stagione tormentata nella Ruhr, alti e bassi frequenti in Bundesliga vengono alternati a nobili notti europee. In Champions, infatti, lo Schalke indossa l’abito da sera e lo fa anche stavolta, mettendo un piede in mezzo agli ottavi di finale, e assicurandosi uno scontro diretto per il primo posto nel girone contro il Porto.

Partita ben interpretata dai padroni di casa, che per portarsi avanti sfruttano un brutto errore in uscita del portiere ex-Lazio Muslera al minuto 4. Burgstaller prima è abile a rubargli il pallone, poi raffinato nel trovare un angolo arcigno con la conclusione a porta scoperta.

I tedeschi gestiscono un avversario mai davvero pericoloso, e al minuto 57 chiudono la contesa con un delizioso sinistro di Huth, dopo una cavalcata dell’ancora encomiabile Burgstaller.

2-0 il finale a Gelsenkirchen e Galatasaray probabilmente tagliato fuori dalla corsa alla qualificazione.

PORTO – LOKOMOTIV MOSCA 4-1

Partita chiusa al pronostico, e non tradiscono gli uomini di Conceição che strapazzano gli ospiti malgrado lo spavento del momentaneo 2-1 di Farfàn.

Apre le danze l’uomo-mercato per eccellenza, Héctor Herrera, che conclude a porta spalancata su ottima assistenza di Marega. Al minuto 42 il centrocampista messicano restituisce il favore, manda in porta Marega e 2-0 Porto.

Il primo tempo va via in un’elegante gestione da parte dei padroni di casa, ma nella ripresa, al 59′, sugli sviluppi di un corner, il centravanti, conoscenza soprattutto della Bundesliga, Farfàn accorcia le distanze per la Lokomotiv. La flebile speranza di rimonta dura però meno di 10 minuti: al 67′, dopo un errore generale dell’intera retroguardia russa, i portoghesi riallungano con Manuel Corona.

Otàvio chiude la contesa al 93′ con uno splendido destro da fuori, sotto lo scenario apocalittico della burrasca di Oporto.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.