fbpx
Settembre18 , 2021

Cinema e sport – “Invictus”, l’invincibile Sudafrica

Related

Nizza-Monaco: pronostico e possibili formazioni

L'Allianz Riviera ospita domenica 19 settembre un attesissimo Derby...

Belenenses-Gil Vicente: pronostico e possibili formazioni

Cercando di risalire dal fondo della classifica, il Belenenses...

Real Sociedad-Siviglia: pronostico e probabili formazioni

La Real Sociedad e il Siviglia si affronteranno domenica...

Maiorca vs Villarreal: pronostico e possibili formazioni

Ancora alla ricerca della prima vittoria della stagione della...

GP Misano Moto3: Migno primo tra i brividi in FP3

Il sabato della Moto3 qui a Misano si apre...

Share

Per i fan del rugby, che, prima dell’emergenza COVID-19, si stavano gustando il Sei Nazioni, la programmazione di Iris offre un’alternativa. Questa sera, in onda sul canale 22, verrà trasmesso Invictus, film che racconta la vittoria della nazionale sudafricana nella Coppa del Mondo del 1995, giocatasi in Sudafrica.

Mondiale 1995; il via ad alcuni cambiamenti

La Coppa del Mondo del 1995 è la terza edizione della Coppa del Mondo di rugby e segna alcuni cambiamenti nella storia di questo sport. Dal punto di vista organizzativo, si tratta del primo mondiale ospitato interamente in un solo paese. Il Sudafrica mette a disposizione 9 stadi, per ospitare i 32 incontri della manifestazione. Dal punto di vista del regolamento, è il primo torneo in cui la meta viene premiata con 5 punti e non più con 4.

Il logo della Coppa del Mondo di Rugby del 1995, giocatasi in Sudafrica.
Il logo della Coppa del Mondo di Rugby del 1995, giocatasi in Sudafrica.

Gli Springboks come simbolo di unità e vittoria

Anche per il paese ospitante, ossia il Sudafrica, si prospettano dei cambiamenti rilevanti. La nazione sta uscendo dal regime di apartheid, condizione che aveva favorito la sua esclusione dalle edizioni precedenti della Coppa del Mondo. Il neo presidente Nelson Mandela cerca di puntare sul mondiale per ritrovare l’unità nel proprio paese. Il simbolo di questa unità diventa la nazionale di rugby. Gli Springboks, dal nome di un’antilope, che è anche lo stemma della squadra, non avevano avuto grandi successi sul campo ed erano detestati dalla popolazione di colore dello stato. Mandela cerca di far capire loro l’importanza di una vittoria nel torneo, avvicinandosi, soprattutto, al capitano della squadra François Pienaar.

Un'immagine tratta dal film "Invictus" in cui Nelson Mandela, interpretato da Morgan Freeman, parla con il capitano degli Springboks François Pienaar, impersonato da Matt Damon.
Un’immagine tratta dal film Invictus in cui Nelson Mandela, interpretato da Morgan Freeman, parla con il capitano degli Springboks François Pienaar, impersonato da Matt Damon.
Nelson Mandela, in campo con la divisa degli Springboks, consegna la Coppa del Mondo al capitano della nazionale del Sudafrica François Pienaar, dopo la vittoria nella finale vinta contro la Nuova Zelanda.
Nelson Mandela, in campo con la divisa degli Springboks, consegna la Coppa del Mondo al capitano della nazionale del Sudafrica François Pienaar, dopo la vittoria nella finale vinta contro la Nuova Zelanda.

Così, partita dopo partita, la squadra si trasforma in un gruppo invincibile e unito, che, con le vittorie in campo, fa esaltare il popolo sudafricano, facendogli scordare gli eventi accaduti nei decenni precedenti. Il film ripercorre la cavalcata alla vittoria del Sudafrica, a cominciare dalle partite del girone, in cui gli Springboks affrontano Australia, Canada e Romania. La volata trionfale, della squadra di casa, prosegue ai quarti contro le Samoa Occidentali e nella semifinale contro la Francia. L’ultima partita è la finale, disputata a Johannesburg, in cui il Sudafrica mette in campo tutta la propria forza per contenere la Nuova Zelanda e il suo campione Jonah Lomu e aggiudicarsi la vittoria.

Questo film è, anche, un’occasione per rivedere alcune delle azioni migliori della nazionale neozelandese e del suo giocatore di punta Jonah Lomu. Lomu era, senza dubbio, il giocatore più temuto da tutti nel torneo. La sua forza fisica gli consentiva di rompere facilmente i placcaggi avversari e proseguire la corsa verso la meta. Nelle semifinali della Coppa del Mondo del 1995, il neozelandese mette a segno una delle sue mete più strepitose rompendo, uno dopo l’altro, i placcaggi di tre giocatori dell’Inghilterra e andando a segnare. Un’azione che ha fatto entrare Jonah Lomu nella storia del rugby. I suoi All Blacks, nell’edizione del mondiale 1995, hanno stabilito due primati, ancora oggi ineguagliati. La partita vinta contro il Giappone per 145-17 rimane quella con il punteggio più alto mai realizzato e quella per il maggior numero di punti realizzati, sommando i punti degli All Blacks con quelli dei nipponici.

Jonah Lomu con la divisa degli All Blacks, mentre evita i placcaggi della difesa inglese nella semifinale della Coppa del Mondo del 1995.
Jonah Lomu con la divisa degli All Blacks, mentre evita i placcaggi della difesa inglese nella semifinale della Coppa del Mondo del 1995.
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20