La Lazio blinda la qualificazione ai sedicesimi di Europa League. L’undici biancoceleste batte 2-1 l’Olympique Marsiglia dopo una partita equilibrata dove entrambe le squadre hanno avuto le loro occasioni per portare a casa l’intera posta in palio.

Inzaghi schiera la squadra con il solito 3-5-2 cambiando però molti interpreti pensando anche alla prossima sfida in campionato al Mapei Stadium. In difesa chance per Wallace accanto allo stakanovista Acerbi e Luiz Felipe, a centrocampo Cataldi confermato playmaker con ai suoi fianchi Parolo e Valon Berisha. Sulle fasce titolare a sinistra Durmisi con Marusic a destra, in avanti spazio alla coppia Correa – Immobile. Rudi Garcia risponde con due scelte che sorprendono tutti: il modulo (3-5-2) e l’esclusione del capitano e stella della squadra Dimitri Payet. In porta gioca Yohann Pele, retroguardia composta da Luiz Gustavo, Caleta-Car e Rami con Sakai e Ocampos esterni a tutta fascia, a centrocampo Strootman è affiancato da Sanson e dal giovane Lopez, in avanti Thauvin supporta l’unica punta Njie.

Partita subito vivace con il Marsiglia che dopo pochi minuti ha un’occasionissima per portarsi in vantaggio: su una rimessa laterale lunga da sinistra la palla viene spizzata e finisce sui piedi di Sakai che da due passi va a colpo sicuro ma sbatte su Strakosha. Dopo questo sussulto iniziale la partita stenta a decollare e non si segnalano occasioni da goal per le due squadre, ci provano Correa da una parte (contatto sospetto con Luiz Gustavo in area al 20esimo) e Njie dall’altra ad accendere la partita ma senza particolare successo. Al ventinovesimo si vede Ciro Immobile che viene liberato ed è libero di involarsi davanti a Pele, ma il guardalinee ferma tutto: fuorigioco (più che dubbio); dopo questo episodio la noia inizia a farla da padrone e sembra di avviarsi verso un finale di primo tempo a reti bianche. Non sarà tuttavia così, poiché ci prova prima il Marsiglia con il doppio tentativo da fuori di Thauvin (parata di Strakosha) e Luiz Gustavo (tiro largo). Passato lo spavento la Lazio trova il vantaggio al primo minuto di recupero dopo un rapido ribaltamento di fronte: Immobile dal limite dell’area sinistro mette un cross a giro sul quale si avventa Parolo che di testa sovrasta un distratto Caleta-Car e infila Pelè per il vantaggio dei capitolini.

Il secondo tempo inizia con il Marsiglia costretto a fare la partita per cercare di rimontare lo svantaggio e riaprire il discorso qualificazione, ma non si registrano particolari pericoli per la porta di Strakosha. Al minuto 55 grande azione della Lazio che raddoppia con l’uno-due micidiale Correa-Immobile con quest’ultimo ancora nei panni di uomo assist per il “Tucu” che solo davanti alla porta infila la palla sul palo lontano con un piattone che non lascia scampo ad un incolpevole Pele; pochi minuti dopo il raddoppio Simone Inzaghi inserisce Bastos per il già ammonito Wallace. L’OM non si perde d’animo e continua ad attaccare alla ricerca del goal che riapra i giochi, è ancora il camerunense Njie (uno dei più positivi dei francesi) a seminare il panico nell’area laziale ma il suo tiro a giro è troppo centrale per essere minaccioso. Il goal però è nell’aria ed al sessantesimo Sanson approfitta di uno svarione della coppia Acerbi-Parolo per servire l’accorrente Thauvin che non si fa pregare e con un diagonale chirurgico riapre la partita. A questo punto il Marsiglia inizia a crederci e cinque minuti dopo l’uno a uno si rende nuovamente pericoloso con il fischiatissimo ex Roma Kevin Strootman che ci prova da fuori ma trova solo la deviazione che vale il calcio d’angolo; sul conseguente tiro dalla bandierina ancora Njie ci prova ma il suo tiro è fuori misura. A questo punto un cambio per parte con Inzaghi che prova a chiuderla inserendo Milinkovic al posto di uno spento Berisha e Garcia che alla ricerca del punto del pari manda in campo Payet per Sanson. Nonostante l’entrata dell’ex West Ham l’OM fatica nel costruire azioni degne di nota e nel giro di tre minuti è la Lazio ad avere due occasioni per mettere il sigillo sulla partita con Immobile che prima colpisce debole di testa su una bella assistenza di Marusic e poi ci prova dal limite con il tiro troppo debole parato senza troppi problemi dal portiere della compagine transalpina.

Al 76’ la Lazio ha l’ennesima occasione per il 3 a 1 ma stavolta è Milinkovic a sparare addosso a Pele dopo una bella combinazione con Correa. Dopo dieci minuti di monologo laziale prova a riaffacciarsi dalle parti di Strakosha il Marsiglia ancora con Strootman, ma il tiro dell’olandese viene ancora una volta deviato in calcio d’angolo. La partita si avvia verso la fine senza particolari sussulti negli ultimi dieci minuti eccetto una potenziale occasione per il neoentrato Mitroglou anticipato provvidenzialmente da Bastos. E’ nel recupero che la partita regala ancora emozioni con due grandi occasioni (una per parte). Al 93’ Luis Alberto, entrato nel finale al posto del man of the match Correa, entra in area dopo un grande assist di Milinkovic ma anziché tirare verso la porta pecca di altruismo cercando Immobile per il tap-in con l’attaccante ex Torino anticipato prima di battere verso la porta. All’ultimo minuto di gioco è però il Marsiglia ad andare vicinissimo al pareggio con il redivivo Njie che raccoglie un cross dalla destra di Lopez e devia verso la porta ma trova un attento Strakosha a negargli la gioia del goal e soprattutto a negare il pareggio all’OM. A questo punto c’è solo tempo per il triplice fischio dell’arbirtro russo Bezborodov. Tre punti fondamentali per la Lazio che ora può concentrarsi esclusivamente nella lotta per un posto in Champions League mentre l’Olympique Marsiglia continua il suo periodo di crisi salutando l’Europa League con due giornate d’anticipo.

TABELLINO

LAZIO – OLYMPIQUE MARSIGLIA 2-1

LAZIO: Strakosha, Luiz Felipe, Acerbi, Wallace (dal 58’ Bastos), Marusic, Parolo, Cataldi, Berisha (dal 69’ Milinkovic), Durmisi, Correa (dal 79’ Luis Alberto), Immobile. 

A disposizione:Proto, Caceres, Murgia, Rossi.

Allenatore:Simone Inzaghi

OLYMPIQUE MARISGLIA: Pele, Rami (dal 79’ Sarr), Luiz Gustavo, Caleta-Car, Sakai, Sanson (dal 69’ Payet), Strootman, Lopez, Ocampos, Thauvin (dall’82’ Mitroglou), Njie. 

A disposizione: Mandanda, Rolando, Hubocan, Radonjic.

Allenatore: Rudi Garcia

Marcatori: 46′ Parolo, 55′ Correa, 60′ Thauvin

Arbitro: Bezborodov

Ammoniti: Ocampos, Wallace, Thauvin, Milinkovic, Njie, Strootman

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.