Simon Yates ha dato il via alla sua sfida al Giro d’Italia con un’uscita costante nella cronometro di apertura della gara a Torino. Ma la prima tappa se la aggiudica Filippo Ganna che vince la prima maglia rosa.

Com’è andata la prima tappa del Giro?

Yates è tra i favoriti per la classifica generale e oggi ha chiuso a 37 secondi dal comando per il Team BikeExchange, una dimostrazione degna di nota che lo pone di poco davanti a Egan Bernal e Vincenzo Nibali. “E’ stato un giorno per far saltare le ragnatele, un piccolo inizio difficile ma ora abbiamo iniziato quindi non vedo l’ora che arrivi il resto della gara. Abbiamo due giorni più facili adesso, poi iniziamo a prendere il terreno più duro dove spero di poter fare le mie cose.

Filippo Ganna vince la prima maglia rosa

Ganna è stato il migliore nella tappa di 8,6 km lungo il fiume Po con un tempo di 8 minuti e 48 secondi, ripetendo la sua prestazione nell’edizione dello scorso anno, quando aveva iniziato con una vittoria e ha continuato a prendere altre tre tappe. Il campione del mondo in carica a cronometro ha tenuto a bada la sfida della coppia Jumbo Visma -Edoardo Affini e di Tobias Foss, indietro di 13 secondi. Anche Joao Almeida si è piazzato promettentemente a 17 secondi dal vantaggio. “Ho detto: ‘Filippo, vai a fare il pieno, ascolta la gente per strada e se dicono il tuo nome puoi andare molto veloce‘”. Alex Dowsett, il sei volte campione britannico a cronometro, è arrivato 14 ° mentre il belga Remco Evenepoel, di Deceuninck Quick-Step, che stava tornando nel ciclismo competitivo dopo più di otto mesi dall’incidente al Giro di Lombardia, si è assicurato un incoraggiante arrivo tra i primi 10. Il 21enne, che ha vinto tutte e quattro le gare a tappe da lui disputate la scorsa stagione, fa il suo debutto nel Grand Tour, puntando alla classifica generale.


Giro d’Italia 2021: annunciate le date e le tappe


Il resto della classifica

Il russo Aleksandr Vlasov (Astana – Premier Tech, 11°) ha segnato 9:12, andando meglio del campione del Tour de France 2019 Bernal della Colombia (40 °, 9:26), Yates (Team BikeExchange, 37 °, 9 ° : 25) e del doppio campione del Giro e favorito locale Nibali (Trek – Segafredo, 50 °, 9:28). Il secondo classificato dello scorso anno, Jai Hindley dell’Australia, era al 73 ° posto con un tempo di 9:33. La seconda tappa di domenica è un giro di 176 km da Stupinigi a Novara.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20