gp austria aragon misano fp1 fp2 fp3 motogp qualifiche

La MotoGP regala spettacolo nelle qualifiche del GP di Misano. in una seconda sessione tirata allo stremo, la Yamaha domina piazzando le sue quattro moto nelle prime quattro posizioni. Il mago della giornata è Maverick Vinales, che nell’ultimo giro lanciato firma uno strepitoso 1’31″411. Che oltre ad essere il tempo della pole, è anche il nuovo record della pista.

Il catalano lo ottiene grazie ad una tattica insolita. Infatti, “Top Gun” decide di eseguire tre run, contro i due del resto del gruppo. Così si ritrova con gomma nuovissima all’ultimo tentativo, battendo la concorrenza.

La concorrenza che è composta dal Team Petronas. Fabio Quartararo firma la pole provvisoria a metà turno, grazie ad 1’31″7. Ma viene battuto non solo da Maverick, ma anche da un Franco Morbidelli in palla. Il romano, che in questa occasione indossa un casco contro il razzismo ispirato a Spike Lee, ha fatto il secondo tempo nel secondo ed ultimo run. Era addirittura da pole provvisoria, prima del tempo monstre di Vinales.

Chiude il filotto delle Yamaha Valentino Rossi, che apre la seconda fila. Il “Dottore”, anche lui con un casco speciale (ispirato al…Viagra!) è in lotta per la pole fino all’ultimo, ma nel run finale commette un paio di sbavature che non gli consentono di lottare per la vetta. Ma è comunque davanti.

La Ducati termina la giornata del sabato in chiaroscuro. Francesco Bagnaia è quarto, a dispetto del fatto che abbia ancora bisogno delle stampelle. Più indietro Andrea Dovizioso, soltanto nono. Un piazzamento non adeguato per le potenzialità di “The Undanuted”, soprattutto in ottica gara. Quinto Jack Miller, addirittura quindicesimo Danilo Petrucci, che non passa il taglio della Q1.


GP Misano FP3 MotoGP: Rossi primo allo scadere

GP Misano, le qualifiche delle altre MotoGP

Il “poleman” della Q1 è Pol Espargaro, che guadagna l’accesso assieme a Miguel Oliveira. Il catalano ha molta velocità da sfruttare per la Q2, ma la spreca con una scivolata in curva 15, a dieci minuti dal termine. Il futuro pilota HRC riprende in fretta la via del box, ma con la seconda moto non fa meglio dell’undicesimo tempo. Oliveira è subito dietro di lui.

Le Suzuki non sono mai sembrate della partita. Alex Rins e Joan Mir sono settimo e ottavo rispettivamente. Alex prova più volte a prendere il gancio delle Yamaha, ma la cosa non lo aiuta più di tanto. Decimo tempo per Johann Zarco, con la Ducati del team Avintia Racing.

Continua il disastro per le Honda, nessuna delle quali passano la tagliola del Q1. Takaaki Nakagami è il migliore della casa di Tokyo, grazie al 14esimo posto. Le due RCV Respol sono addirittura in ultima fila, con Stefan Bradl addirittura davanti ad Alex Marquez.

Tredicesima posizione per Aleix Espargaro. Il pilota di Barcellona sfiora il passaggio del turno con la sua Aprilia, ma viene beffato dalle KTM negli ultimi secondi della Q1.

La griglia di partenza

Versione scaricabile
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20