fbpx
Settembre18 , 2021

GP Ungheria: Bottas prima dei due litiganti nelle PL2

Related

Superbike Barcellona: Sykes distrugge tutti in Superpole

Tra i due litiganti, il terzo gode. Con uno...

Nizza-Monaco: pronostico e possibili formazioni

L'Allianz Riviera ospita domenica 19 settembre un attesissimo Derby...

Belenenses-Gil Vicente: pronostico e possibili formazioni

Cercando di risalire dal fondo della classifica, il Belenenses...

Real Sociedad-Siviglia: pronostico e probabili formazioni

La Real Sociedad e il Siviglia si affronteranno domenica...

Maiorca vs Villarreal: pronostico e possibili formazioni

Ancora alla ricerca della prima vittoria della stagione della...

Share

Dopo una PL1 a trazione Red Bull, è la Mercedes a dettare legge nelle PL2 del GP d’Ungheria. Ma si tratta di quella dello scudiero Valtteri Bottas, che si toglie la soddisfazione di mettere dietro i due pretendenti al mondiale, Lewis Hamilton e Max Verstappen. I primi tre fanno la differenza sul resto del gruppo, a dispetto di una pista corta come quella dell’Hungaroring. Esteban Ocon, ottimo quarto, è distante quasi sette decimi e mezzo, ma davanti all’altra Red Bull di Sergio Perez. In difficoltà le Ferrari: Charles Leclerc non fa meglio dell’undicesimo tempo, Carlos Sainz è 12esimo. A completare la top ten, dalla sesta posizione in poi, troviamo Pierre Gasly, Fernando Alonso, Sebastian Vettel, Lando Norris e Lance Stroll.


PL1 Gp Ungheria: Verstappen torna al comando


GP Ungheria: cosa succede nelle PL2?

Fa caldo in Ungheria: il termometro segna 33 gradi per l’aria, e 63 per l’asfalto! Nei primi run i piloti usano le gomme medie e soft, ed i tempi si aggirano sul 18 basso. In questa fase, la Mercedes sembra avere una marcia in più, con Bottas subito davanti ad Hamilton. Verstappen, invece, appare in difficoltà con il bilanciamento della sua Red Bull. Con le gomme medie lamenta forte sovrasterzo, mentre con le soft accusa sottosterzo. I meccanici provano diverse incidenze delle ali, senza riuscire a trovare la quadra. I problemi si ripercuotono sulla simulazione di qualifica: Bottas segna un 17″0 con le soft, mentre “Super Max” è distante quasi tre decimi. Hamilton è nel mezzo, ma come sempre, non sfrutta il suo potenziale al 100%. Ottima l’Alpine sul giro secco, specialmente con Ocon.

Negli ultimi 15 minuti, i piloti si concentrano sulla simulazione del passo gara. Con le gomme gialle, le Mercedes girano sul 22 alto, rifilando una vita a tutti gli altri. Verstappen continua a lamentarsi di una monoposto squilibrata, e si prende quasi quattro decimi dalle Frecce Nere. Sembra che le alte temperature diano fastidio alla Red Bull, che nelle Pl1 con dieci gradi in meno castigava le Stelle. Per quanto riguarda le Ferrari, sia Leclerc che Sainz fanno fatica, girando spesso e volentieri sul 23. Ma facciamo dei distinguo: le Rosse iniziano i long run con le soft, che su questa pista degradano in fretta. Nei due minuti finali, Leclerc monta un treno di medie nuove, firmando un 22″8. Tutto sommato, la Ferrari non va così male…

Immagine in evidenza di Mercedes AMG Formula One Team, per gentile concessione

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20