Guerrero porta in vantaggio i greci, poi nella ripresa Gattuso azzecca i cambi e ribalta una partita che era diventata troppo complicata. Cutrone e Higuain mattatori della serata

Una paura durata 70’, minuti in cui il Milan non è mai riuscito ad imporre il proprio gioco. 

https://youtu.be/uqmNXp7L8-I

L’inizio di partita aveva fatto presagire altro però, pronti e via Suso pennella un cross al centro, Bonaventura tocca di testa indirizzando il pallone verso l’angolino a portiere battuto, ma la palla viene corretta in rete da Castillejo che in quel momento si trovava in posizione irregolare, scatenando la furia di Bonaventura. I rossoneri non riescono a produrre gioco, grazie anche alla buona disposizione in campo dei giocatori della compagine greca.

Al 14’ minuto arriva il vantaggio greco, cross dalla sinistra di Koustris, Zapata perde la marcatura su Guerrero, permettendo al numero 9 dell’Olympiakos, scuola Atletico Madrid e Real Madrid, di girare di testa in porta. La reazione del Milan però non arriva, la squadra è ferma, compassata e l’unico a provarci è Suso, che più di una volta mette cross in mezzo all’area di rigore, senza trovare nessuna maglia rossonera. È l’Olympiakos che va vicino al raddoppio, con un gran tiro del centrocampista Guhillerme dai 30 metri che fa la barba al palo della porta difesa da Reina.  La prima vera occasione del Milan arriva solo al 39’, Higuain evita la trappola del fuorigioco e prova il diagonale, ma Josè Sa respinge il tiro, comunque centrale e debole, del numero 9 rossonero. L’ultimo sussulto del primo tempo arriva al 41’ con Suso che scodella in mezzo per Castillejo che non riesce a girare in porta da un metro. Si chiude così un primo tempo non brillante per il Milan, troppo lento nella manovra per poter impensierire un attento Olympiakos.

La ripresa si apre con gli stessi ventidue del primo tempo ed è di nuovo l’Olympiakos che va vicino al raddoppio con una punizione velenosa di Kourtois sbrogliata con non poche difficoltà da Reina. Suso ci prova ancora al 51’, ma il tiro finisce di poco fuori. 

Gattuso allora decide di cambiare le carte in tavola, fuori un inconcludente Castillejo e Bonaventura, che non digerisce la sostituzione, per far spazio rispettivamente a Cutrone e Calhanoglu. La mossa del mister rossonero porta i suoi frutti. Il Milan comincia a giocare un’altra partita, aiutato anche dalla stanchezza dell’Olympiakos. Al 69’ arriva la svolta della partita: Rodriguez pesca Cutrone tutto solo in area di rigore, colpo di testa del prodotto del vivaio rossonero e pareggio milanista. L’Olympiakos si sfalda, non riesce più a tenere il campo e infatti al 75’ il Milan trova il gol del vantaggio: palla geniale di Calhanoglu per Higuain che salta secco Cissè e deposita in rete. Secondo gol in due partite europee, quarta rete con la maglia del Milan per l’ex attaccante di Real Madrid, Napoli e Juventus. Quattro minuti dopo arriva il 3-1 finale, con il solito Cutrone che corregge in porta un cross rasoterra di Calhanoglu, migliore in campo. Risultato che poteva essere ancora più rotondo, ma il palo nega la gioia del gol a Calhanoglu. 

Con questa vittoria la squadra di Gattuso vola al comando del girone F con sei punti e mette una serie ipoteca sul passaggio del turno.

Top e flop Milan:

-Top: Calhanoglu. Non entra bene in partita, guadagnandosi il cartellino giallo  per un’entrata evitabile. Poi sale in cattedra cambiando la partita con i suoi assist. Solo il palo gli nega la gioia del gol.

-Flop: Bakayoko. Non trova mai la posizione giusta, risultando addirittura ingombrante. Perde diversi palloni e non riesce a garantire la superiorità numerica a centrocampo. Dimostra limiti tecnici e fisici molto gravi. Che occasione sprecata.

TABELLINO

MILAN – OLYMPIAKOS 1-3

MILAN (4-3-3): Reina 6; Calabria 5,5, Zapata 5, Romagnoli 6, Rodriguez 6; Bakayoko 5, Biglia 6, Bonaventura 5 (55′ Calhanoglu 6,5) ; Suso 6 (80′ Borini), Higuaín 6,5, Castillejo 5 (54′ Cutrone 7,5)

A disposizione: Donnarumma, Kessie, Laxalt, Musacchio

Allenatore: Gennaro Gattuso 7

OLYMPIACOS (4-2-3-1): José Sá 6; Torosidis 6 (78′ Meriah 6), Koutris 6, Roderick Miranda 5,5, Cisse 6; Guilherme 6, Natcho 6,5; Fetfatzidis 6, Touré 5,5 (83′ Fortounis 6), Nahuel Leiva 5 (72′ Podence 5); Guerrero 6

A disposizione:  Camara, Tsimikas, Hassan, Gianniotis.

Allenatore: Takis Lemonis 6

Marcatori: 15′ Guerrero, 71′, 80′ Cutrone, 77′ Higuain,

Arbitro: Madden 6

Ammoniti: 56′ Calhanoglu

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.