nascar 2020 richmond

Brad Keselowski è il padrone del sabato sera di Richmond, dove la NASCAR approda per la prima (e unica) volta nella stagione 2020. Con 192 giri in testa sui 400 totali, il portacolori del Team Penske è dominatore della gara di 400 miglia, distanziando Martin Truex jr di due secondi e mezzo. Il numero 19, da sempre specialista delle piste corte, non è in grado di contrastare la supremazia di Keselowski.

La 400 miglia di Richmond fa rinascere Joey Logano, terzo dopo un periodo di appannamento. Austin Dillon vive una delle serate migliori del suo anno, assieme alla vittoria del Texas, e finisce quarto. Quinta piazza per Chase Elliott.

Kyle Busch parte dal fondo per aver fallito due volte le verifiche tecniche, ma risale fino alla sesta posizione. Ma per il campione 2019 la vittoria continua a sfuggire in questa anomala stagione. Kevin Harvick, Aric Almirola, Alex Bowman e Clint Bowyer completano la top ten.

La gara è abbastanza combattuta, con 19 cambi di leader, ma senza incidenti e problemi particolari. Infatti, le caution sono solo tre, corrispondenti alle pause tra le Stage e la Competition Caution del giro 31.

NASCAR 2020, la cronaca di Richmond

Oltre al Kyle Busch, anche Christopher Bell deve partire dal fondo per aver fallito le ispezioni pre gara.

Alla bandiera verde, Harvick sfrutta la pole e conduce davanti a Logano. Kevin mantiene la testa fino al giro 21, quando viene passato da Dillon.

La Competition Caution rimescola in parte le carte. Dillon riparte in testa, ma il primo inseguitore ora è Denny Hamlin. Al restart, Austin precede il numero 11, ma solo per due giri, quando Denny infila il nipote di Richard Childress al giro 40. Hamlin vince così la Stage 1.

Durante la Competition Caution, Ryan Blaney deve fermarsi una seconda volta per una ruota allentata.

Dopo la tornata di pit stop, che anticipa la Stage 2, Logano eredita la testa dopo che Hamlin e Dillon sono penalizzati per aver superato il limite di velocità ai box. Entrambi dovranno ripartire dal fondo dello schieramento.

Keselowski prende il comando delle operazioni per la prima volta al giro 122, quando infila il compagno di squadra. Brad sta guidando la stessa vettura con cui ha trionfato in New Hampshire, che forse ha una marcia in più.

Dillon rimonta fino alla 20esima posizione, Hamlin fino alla 24esima. Austin approfitta delle soste successive per scalare la classifica fino al vertice. Al giro 182, ritorna addirittura davanti a tutti!

A 50 tornate dalla fine della frazione, Harvick subisce la penalità per aver attraversato illegalmente la linea di delimitazione dei box. Deve affrontare un pass-through, che gli costa più di un giro. Penalità anche per Jimmie Johnson, ma per aver superato il limite di velocità.

Keselowski vince la Stage 2, dopo aver rubato la testa a Dillon al giro 218. Brad approfitta del traffico dei doppiati per rimontare sul numero 3 e beffarlo.

All’interruzione, tutti rientrano ai box. Keselowski precede il gruppo allo sventolare della bandiera verde, per l’ultima frazione della gara.

La parte finale è caratterizzata dalle tattiche. Quasi tutti optano per la strategia delle due soste, ma Kurt Busch e Matt Kenseth giocano d’azzardo con la sosta singola. Al termine del primo ciclo, al giro 308, Logano sfrutta le gomme fresche per balzare in testa.

Keselowski sorpassa il compagno di team alla tornata 317, con una sosta ancora da fare. Al termine del secondo ciclo, Kurt Busch eredita la testa ma le sue gomme sono molto usurate. E deve fare attenzione al consumo di carburante.

Dillon è uno dei primi a rientrare al giro 336, o perlomeno ci prova. Infatti, manca l’ingresso ai box e deve fare un giro in più a ritmo lento. L’errore gli costa la vittoria.

Keselowski si riprende la posizione a 47 giri dalla fine, superando Kurt Busch che scivola al quinto posto. L’iridato 2004 perde altre posizioni fino ad uscire dalla top ten. L’ultima mossa è di Truex jr, che sorpassa Dillon e si lancia all’inseguimento di Keselowski. Ma paga un distacco oltre due secondi, ormai impossibile da colmare. Logano a sua volta passa Dillon, con una classifica che non cambia più per i restanti 25 giri.

Keselowski vince quindi la 400 miglia di Richmond, seconda prova dei Playoff NASCAR 2020.

Box Score

La situazione dei Playoff dopo Richmond. Clicca qui per la classifica della gara.
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20