post shahktar donetsk-inter

Oggi 27 Ottobre 2020 nello Stadio NSC Olimpiyskiy si è disputata la partita Shakhtar Donetsk-Inter di Champions League. I nerazzurri non sono riusciti a essere incisivi e a sfruttare gli episodi a favore per chiudere i discorsi e arrivare a conquistare i primi tre punti. L’episodio del rigore a favore dell’Inter sicuramente farà parlare e discutere, ma si dice che i campo ha sempre ragione. Lukaku oggi ha combattuto, ma non c’è stato nulla da fare. L’avventura dei nerazzurri in Champions League si complica, vedremo nelle prossime partite se riusciranno a ritrovare grinta e convinzioni.

Leggi anche: Shakhtar Donetsk-Inter 0-0: pareggio incolore per i nerazzurri

Post Shakhtar Donetsk-Inter: le dichiarazioni di Luis Castro

L’allenatore dello Shakhtar Donetsk Luis Castro ha rilasciato delle dichiarazioni al termine della partita contro l’Inter in Champions League. Castro sulla decisione di far giocare gli stessi titolari della partita precedente con L’Inter ha dichiarato: “L’ho deciso subito dopo la partita di Madrid. Nel calcio dobbiamo essere sempre corretti, valutare determinate azioni dei giocatori e, ovviamente, premiarli per questo. Una cosa è giocare la stessa formazione, un’altra è mostrare esattamente lo stesso gioco. Non era affatto reale per questa partita, perché Real e Inter sono squadre completamente diverse con un calcio diverso. Dovevamo coprire i lati più forti dell’Inter, cosa che in linea di principio ci siamo riusciti. Rispondendo alla tua domanda, sapevo: se non accade nulla di terribile prima della partita, rilasceremo la stessa rosa, possibilmente con una o due modifiche. Era molto importante dimostrare di nuovo un gioco di squadra coeso, come abbiamo fatto a Madrid. Fortunatamente, nulla doveva essere cambiato con urgenza, tutti erano disponibili e pronti per il combattimento, quindi ho rilasciato gli stessi giocatori”.

Castro: le sue dichiarazioni sugli errori e sulle cose da migliorare

Alla domanda sui dati che dicevano che lo Shahktar avesse migliorato lievemente le prestazioni dice: “Sì, i risultati sono completamente diversi. Ciò derivava dal modo in cui operavamo in nostra difesa. Forse, nella precedente partita con l’Inter, non hanno difeso così bene. Adesso era molto importante chiudere i rapporti con Lukaku e Martinez. L’Inter più spesso passa sulla fascia, e da lì passa al centro a uno degli attaccanti, che passa il passaggio ai centrocampisti, che corrono in area e creano momenti pericolosi. Abbiamo cercato di tagliare tutte le linee dai fianchi su entrambi gli attaccanti. Inoltre non abbiamo premuto molto in alto. Il nostro blocco difensivo si trovava un po ‘più in basso, e questo ci ha permesso di aspettare il momento giusto in cui la squadra è stata messa in pressione.

Alla conferenza stampa pre-partita, ho detto che devi sempre guardare a quello che è successo prima e correggere i tuoi errori. Anche se abbiamo affrontato tali difficoltà in quella lotta, tuttavia bisognava alzarsi, alzare la testa, capire i propri errori e correggerli. Certo, nelle semifinali di Europa League abbiamo vissuto un momento di grande delusione. Ma sapevamo molto bene che se avessimo colpito ancora l’Inter, avremmo dovuto giocare meglio con loro. Certo, oggi non siamo riusciti a sferrare attacchi troppo buoni, abbiamo raggiunto più volte la porta avversaria, ma è stato molto difficile. Forse il risultato è dovuto alle nostre corrette azioni difensive. Era molto importante trovare questa gerarchia, per dare priorità all’attacco o alla difesa. Come puoi immaginare, abbiamo dato priorità alla difesa. Non dimenticare che l’Inter è una delle migliori squadre al mondo, ha un attacco fantastico e sarà molto difficile per qualsiasi avversario con i nerazzurri. Le dinamiche oggi erano molto complesse, ma almeno abbiamo provato a costruirle e ha funzionato.

Castro: le sue dichiarazioni sulle difficoltà della squadra

Sul periodo della squadra Castro ha detto: “In effetti, lo Shakhtar sta attraversando un momento molto difficile in questo momento. In primo luogo, ci sono molte partite di fila con pause minime nel mezzo, è difficile per i giocatori recuperare e prepararsi per il prossimo incontro. Basta vedere che abbiamo finito l’ultima stagione e ne abbiamo iniziata una nuova letteralmente tre giorni dopo. Queste sono condizioni molto difficili. Sono state necessarie almeno una o due settimane perché i ragazzi si riprendessero fisicamente meglio. 

È chiaro che ci sono stati dei compromessi: le squadre, la Supercoppa e il calendario UPL, purtroppo, non ci ha permesso di prenderci giorni di vacanza o semplicemente di riposo. Sì, abbiamo iniziato questa stagione senza le partite di maggior successo nel campionato nazionale, ma ora lo Shakhtar si sta mostrando molto meglio. La squadra può fare di più insieme, diciamo, il calcio è di qualità migliore e speriamo che seguiremo la stessa strada giusta. Come ho detto più di una volta, nel calcio, tutto accade all’improvviso. Il virus ha attaccato un numero enorme di giocatori: tutto questo è molto difficile. Era abbastanza difficile seguire la nostra pianificazione, che avevo in testa all’inizio di quest’anno, quindi ho dovuto reagire di più piuttosto che agire secondo il piano. In ogni caso, sembra che stia andando meglio ora e speriamo di continuare con lo stesso spirito.

Castro: le sue dichiarazioni su David Khocholava e Valery Bondar

Alla domanda sulle prestazioni dei difensori David Khocholava e Valery Bondar Castro ha dichiarato: Sia a Madrid che oggi hanno giocato alla grande. Non ho parolacce per loro. Hanno seguito la mentalità del gioco: hanno mantenuto alta la nostra linea di difesa, non sono atterrati in anticipo, che era un ambiente molto importante nella strategia di partita. Questo è ciò che riguarda la lotta con l’Inter. Il Real Madrid ha aperto più zone per noi, c’erano molte più opzioni per iniziare il nostro attacco e anche i ragazzi lì hanno agito in modo molto, molto corretto. Sì, oggi abbiamo fatto più errori, ma è perché l’Inter ci ha sbagliato. Se guardi attaccanti come Lukaku e Martinez, non posso che essere soddisfatto di come Khocholava e Bondar siano stati in grado di resistere oggi, non ci hanno permesso di segnare un solo gol nel nostro obiettivo. Quindi mi congratulo con loro e assolutamente con tutta la nostra squadra per una grande partita. Infine ha fatto le congratulazioni al suo portiere Trubin che da Castro è stato definito il numero uno.

Post Shakhtar Donetsk-Inter: le dichiarazioni di Antonio Conte

L’allenatore dell’Inter dopo la partita contro lo Shakhtar Donetsk ha rilasciato delle dichiarazioni molto lucide e obiettive su quello che si sarebbe potuto migliorare in gara. Conte ha detto: “Le sensazioni sono positive perché la squadra ha giocato con la giusta intensità e con il giusto piglio. Abbiamo fatto la partita, da grande squadra, non siamo stati fortunatissimi. Abbiamo offerto una buonissima prova in entrambe le fasi, creando grandi problemi allo Shakhtar. Questa è una squadra molto tecnica e veloce, quindi i ragazzi sono stati molto bravi. Dispiace perché avremmo meritato di vincere, però queste prestazioni ci lasciano la consapevolezza di essere sulla strada giusta. Vogliamo giocarci la partita su ogni campo, senza pensare al valore dell’avversario”. 

Alla domanda se la sua squadra sia cresciuta dopo un anno Conte dichiara: “Abbiamo un anno di lavoro alle spalle e la squadra ha acquisito delle conoscenze, prendendo coraggio. Ora difendiamo in avanti, portiamo pressione in ogni zona di campo senza lasciare palla libera agli avversari. Non ci siamo difesi aspettando di colpire lo Shakhtar in contropiede, quindi non posso che essere soddisfatto. Abbiamo concesso zero, facendo noi la partita. Dispiace perché abbiamo creato tanto ma posso rimproverare poco ai ragazzi, anche perché è la quarta partita in dieci giorni e abbiamo iniziato questo ciclo senza otto giocatori. Stiamo tenendo botta sotto ogni punto di vista, anche grazie al prezioso lavoro dello staff. Ora testa al campionato, pensiamo al Parma poi prepareremo la partita di Champions League contro il Real Madrid”. 

Quando gli viene chiesto se il 5 a 0 in Europa League possa aver appagato L’Inter risponde: “Contro il Real Madrid hanno fatto la stessa gara, cercando di fare male in ripartenza. In quell’occasione sono stati bravi a fare tre gol in contropiede, mentre noi stasera siamo stati compatti e la differenza con la partita di Europa League l’ha fatta solo il non esser riusciti a sfruttare le occasioni create. Per le loro caratteristiche comunque sono soddisfatto di come hanno lavorato i ragazzi. Questa è la mentalità giusta. Vogliamo imporci su ogni campo e lavoriamo per questo”. 

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20