mercato piloti sbk 2021 aragon teruel superpole race gara 2

Jonathan Rea non fa prigionieri nella Superpole Race del mondiale SBK ad Aragon. Dopo aver digerito (male) la sconfitta di gara 1, il campione del mondo centra la domenica perfette: parte dalla pole, parte primo, e vince per distacco. Poco da fare per Scott Redding, il quale finisce in seconda posizione ma paga un distacco siderale dal pilota Kawasaki.

Buona prestazione per la Yamaha. Michael Van Den Mark chiude sul podio la gara sprint, ma deve affrontare una concorrenza agguerrita. Una concorrenza che assume l’aspetto della Honda ufficiale di Alvaro Bautista, mai così efficace questa stagione. Lo spagnolo mostra un ritmo incredibile, che è ricompensato con un quarto posto finale. Se fosse partito più avanti…

Chaz Davies è quinto dopo aver dovuto rimontare da una brutta partenza. Anche il gallese, che qui ha vinto ben sette volte, è in lotta per il podio. Seguono Alex Lowes, Toprak Razgatlioglu e Michael Ruben Rinaldi, primo degli italiani.

Undicesima posizione per Federico Caricasulo, diciassettesimo Marco Melandri. Il ravennate continua a faticare troppo sulla Ducati del Barni Racing. Chiude la classifica Lorenzo Gabellini, il quale continua il suo apprendistato sulla Honda Moriwaki Althea.

L’ordine d’arrivo di questa gara costituirà la griglia di partenza di gara 2, che scatta oggi alle 14.

SBK Aragon, la cronaca della Superpole Race

Rea azzecca la partenza, e dopo il primo giro ha già più di un secondo di vantaggio. Redding invece non riesce a sopravanzare Loris Baz, il quale mantiene la seconda piazza. Davies scatta malissimo e si ritrova addirittura 12esimo!

Momenti di paura già al primo giro. Leandro Mercado si tocca con Tom Sykes, e cade in curva 9. L’argentino rimane pericolosamente in mezzo alla pista, situazione simile a quella vista ieri con Lowes. Fortunatamente, tutti riescono ad evitarlo, ma si è arrivati ad un soffio dal dramma. “Tati” viene portato al centro medico per dei controlli, Sykes finisce sotto investigazione.

Davies continua la sua rimonta. Dopo i primi quattro giri, il gallese risale fino alla settima posizione, conquistata con un sorpasso su Haslam. Due tornate più tardi, Baz accusa un forte calo di ritmo. Ne approfitta Redding, che supera il francese in curva 1. Ma è troppo tardi per riagganciare Rea: il campione del mondo ha già più di due secondi e mezzo di vantaggio.

Nei giri finali assistiamo ad una bella battaglia per il gradino più basso del podio. Van Den Mark, Lowes, Bautista e Razgatlioglu sono tutti vicini. Alvaro è il più focoso: dopo aver passato Baz al giro 7, infila anche Lowes alla penultima tornata, con una bella staccata in curva 1. Si lancia all’inseguimento di Van Den Mark, ma l’olandese è troppo lontano. Si conferma comunque una Honda molto efficace con le gomme morbide (tutti hanno usato la SCX, la mescola più soffice messa a disposizione dalla Pirelli) in condizioni di fresco.

Rea taglia il traguardo in solitaria, con Redding e Van Den Mark a completare il podio.

Classifica

Versione scaricabile qui
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20