Serie A, altra SPALlata per la Roma

Lo stadio Paolo Mazza di Ferrara è stato teatro di una delle sfide della ventottesima giornata di Serie A. La Spal ha ospitato la Roma di Ranieri ed è tornata a vincere sul terreno amico dopo sei mesi.

La squadra di Semplici non ha abbassato nemmeno per un secondo la guardia ed ha portato a casa la vittoria. Spal che aveva proprio bisogno di una boccata d’ossigeno come questa, dato che veniva da numerosi pareggi ed altrettante sconfitte. Torna a vincere in casa dopo parecchio tempo: non guadagnava tre punti al Mazza dal 17/09/18 quando vinse contro l’Atalanta. Ora occupa il quindicesimo posto in classifica con 26 punti e deve cercare di allontanarsi sempre più dalla zona retrocessione.

La Roma torna amareggiata nella capitale dopo questa sconfitta. La squadra ora capitanata da Ranieri ha evidenziato ancora problemi in zona difensiva e talvolta nervosismo ed imprecisione da parte dei giocatori. I giallorossi si sono trovati davanti un avversario da non sottovalutare che già nel girone d’andata aveva dimostrato d’essere valido. La Spal aveva infatti vinto all’Olimpico grazie ai gol di Petagna e Bonifazi. La prossima sfida che impegnerà la Roma sarà quella contro il Napoli di Ancelotti. Nonostante questa sconfitta è quinta in classifica con 47 punti.

L’attaccante della Spal, Petagna e il portiere della Roma, Olsen.

LE SQUADRE

SPAL (4-4-2): I padroni di casa giocano con il 4-4-2 che vede Viviano tra i pali e Cionek, Vicari, Fares e Bonifazi in difesa. A centrocampo Lazzari, Murgia, Missiroli, Kurtic, mentre in attacco Petagna con Antenucci.

ROMA (4-4-2): Anche gli ospiti si sistemano in campo con il 4-4-2. Olsen in porta, J. Jesus, Marcano, Fazio e Karsdop in difesa. El Shaarawy, N’Zonzi, Cristante e Kluivert a centrocampo e Dzeko e Schick in attacco.

LA PARTITA

PRIMO TEMPO: 

Comincia Spal-Roma ed entrambe le squadre cercano fin da subito di verticalizzare, la partita prosegue tranquillamente senza grandi occasioni fino al 22esimo. Fares è il primo marcatore della gara: grazie ad un cross molto preciso di Cionek, il centrocampista gonfia la rete e timbra il gol dell’1-0. I padroni di casa continuo ad esercitare un buon pressing sugli avversari, infatti poco dopo brivido al Mazza provocato da un tiro di Kurtic che però termina sul fondo.

Una delle azioni di gioco di Spal-Roma.

Poco dopo potenziale occasione per la Roma con Schick che cerca la porta di testa, ma palla troppo alta. La Spal vuole difendere a tutti i costi il proprio vantaggio, ma i giallorossi non mollano e si procurano ben due occasioni importanti. La prima con El Shaarawy che in area tira sfiorando il palo e la seconda con Dzeko che di sinistro tira ma trova Viviano. Ci si avvicina alla fine del primo tempo. L’arbitro assegna un minuto di recupero. Il primo tempo finisce 1-0.

SECONDO TEMPO:

Riprende Spal-Roma e i giallorossi cercano qualche varco per invadere la metà campo avversaria però a fatica perché la Spal difende bene. Al 56esimo la Roma accorcia le distanze grazie ad un gol di Perotti che tira dal dischetto e non sbaglia. Calcio di rigore assegnato per un fallo di Cionek su Dzeko in area. Spal 1, Roma 1. La festa dei giallorossi dura poco perché al minuto successivo Juan Jesus atterra in area Petagna e Rocchi assegna un altro calcio di rigore. Dopo la verifica del VAR, Petagna si prepara sul dischetto e supera Olsen segnando il gol del 2-1. Pochi minuti dopo di nuovo l’attaccante della Spal si avvicina al gol del 3-1 grazie ad un tiro di testa che però finisce alto.

L’esultanza della Spal.

La partita prosegue caratterizzata da numerosi cartellini gialli. Al 73esimo parata miracolosa di Viviano su Dzeko, e pochi minuti dopo di nuovo il portiere spallino interviene su Zaniolo salvando la porta. Ultima occasione di giornata della Spal con Cionek che prende la traversa in pieno al 79′. Rocchi assegna 6 minuti di recupero e fischia tre volte al Mazza decretando vincitrice la Spal.

IL TABELLINO

SPAL (4-4-2): Viviano 7; Bonifazi 6, Cionek 6,5, Vicari 6, Fares 6; Lazzari 5,5 (31’st Regini 5), Missiroli 6, Murgia 5,5 (38’st Simic 6), Kurtic 6 (35’st Schiattarella 5); Antenucci 6, Petagna 6,5. A disp.: Poluzzi, Gomis, Costa, Felipe, Simic, Dickmann, Valdifiori, Jankovic, Floccari, Paloschi. All.: L. Semplici.

ROMA (4-4-2): Olsen 6,5; Karsdorp 5 (35’st Santon 5,5), Fazio 6, Marcano 5,5, Jesus 5,5; Kluivert 6 (1’st Zaniolo 6,5), Cristante 5, Nzonzi 5,5, El Shaarawy 6 (1’st Perotti 6); Schick 6, Dzeko 6,5. A disp.: Mirante, Fuzato, Cargnelutti, Coric, Riccardi, Celar. All.: C. Ranieri.

MARCATORI: Fares (22′), Perotti (56′-R), Petagna (57′-R).

AMMONITI: Cionek, Vicari, Missiroli, Fares, Dzeko, N’Zonzi, Cristante, J.Jesus.

ARBITRO: G. Rocchi (Firenze).

 

Please follow and like us:

Sara Orlandini

Ciao! Sono Sara Orlandini e ho 23 anni, sono appassionata di sport amo scrivere, leggere e per questo ho deciso di unire queste passioni scrivendo articoli sportivi. Spero un giorno di diventare giornalista sportiva, nel frattempo mi guardo le partite (ma non solo!) e ve le racconto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.