format all star race bristol motor speedway

La NASCAR annuncia il format della All Star Race. La gara spettacolo, che quest’anno si svolgerà il 15 luglio al Bristol Motor Speedway, prevede una gara a quattro frazioni, con la possibilità di cambiare corsia ad ogni restart. Il montepremi per il vincitore è da capogiro: un milione di dollari! La gara sarà aperta ad un numero limitato di spettatori (30 mila), ma non mancheranno le norme di sicurezza.

La All Star Race sarà preceduta dalla consueta gara di contorno, la Open. Un evento in prima serata, che non mancherà di dare grande spettacolo.

Come funziona il format della All Star Race

Come da tradizione, la All Star Race cambia il suo format ogni anno. Essendo una gara spettacolo, che non assegna punti per il campionato, la All Star può permettersi di fare da “cavia” per sperimentare nuove regole sportive. Non è raro che queste sperimentazioni vengano poi applicate nelle gare titolate.

Per il 2020 la All Star Race si divide in quattro Stage. La prima è di 55 giri, la seconda e la terza di 35, l’ultima di 15 giri. Nella Stage finale sono validi solo i giri in bandiera verde, quindi in caso di caution il conteggio si “congela”. In caso di bandiera gialla oltre l’ultimo giro, rimane la regola standard della “Green-White-Checkered”, ossia si aggiungono due tornate extra per far finire la gara in maniera spettacolare.

Per poter partecipare alla All Star Race bisogna avere determinati requisiti. Per quest’anno la gara è aperta ai vincitori di almeno una gara in questa stagione, o nel 2019. I piloti che hanno vinto almeno un campionato sono anch’essi ammessi, così come i vincitori delle passate edizioni della corsa.

I piloti eleggibili per la All Star di quest’anno sono: Ryan Blaney, Alex Bowman, Kurt Busch, Kyle Busch, Chase Elliott, Justin Haley, Denny Hamlin, Kevin Harvick, Jimmie Johnson, Erik Jones, Matt Kenseth, Brad Keselowski, Joey Logano, Ryan Newman, Martin Truex Jr.

La Open, gara di contorno a cui partecipano i piloti esclusi dalla All Star, si compone di 3 stage. Le prime due consistono di 35 giri, l’ultima di 15. I vincitori della gara e delle singole frazioni guadagnano l’accesso tra i “big”.

Un altro pilota della Open può guadagnare l’ingresso nella All Star Race. In questa occasione, la NASCAR apre una votazione on line (Fan Vote), in cui gli appassionati possono eleggere il loro beniamino. Chi prende più voti via web entra direttamente all’evento clou.

La votazione non avviene proprio così, ma rende bene l’idea!

Le altre novità

Il nuovo format della All Star Race introduce un ulteriore elemento. Ad ogni restart, dopo le soste ai box, i piloti potranno scegliere liberamente la corsia che vogliono occupare.

Generalmente, nelle gare NASCAR le file si compongono in base all’ordine in cui le vetture lasciano la pit lane. Il leader di gara decide se partire all’interno oppure all’esterno, e gli altri si accodano di conseguenza. In molti casi, i piloti rallentano prima di uscire per perdere una o due posizioni al pit, e scegliere così la linea a loro più conveniente.

Per questa occasione, invece, ognuno potrà partire dalla fila che vuole. E’ un vecchio trucchetto degli short track, che aggiunge un pizzico di strategia e, si spera, anche un po’ di spettacolo.

Oltre al format di gara, la All Star Race ci regala vetture dalle livree più accattivanti e spesso “patriottiche”. Per il 2020 si aggiunge una nuova veste grafica, con il numero di gara spostato più verso la ruota posteriore. Lo scopo di questo nuovo template è di ottenere più spazio per i loghi dello sponsor.

Uno show per tutti

La All Star Race sarà aperta al pubblico, che si comporrà di non più di 30 mila spettatori. I posti a sedere verranno assegnati per garantire il distanziamento sociale. La mascherina è obbligatoria negli spazi aperti destinati al pubblico, come il paddock, l’area dei souvenir, eccetera, ma non sulle tribune. Il costo dell’ingresso è economico: 35$ per il biglietto intero, 10$ per quello ridotto (riservato ai bambini fino a 12 anni). Il parcheggio davanti al circuito è gratuito.

La All Star Race è disponibile in diretta su DAZN, o in replica sul canale ufficiale Youtube della NASCAR. Intanto, per prepararci, vi riproponiamo gli highlights dell’edizione 2019.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20