Belgio-Russia
Prima giornata del girone I di qualificazione agli Europei 2020

Nel girone I di qualificazione ai prossimi Europei il Belgio è sicuramente la favorita. L’unica squadra che potrebbe contendergli il primato è la Russia, avversaria di giornata.

Il Belgio padrone di casa arriva però da una cocente delusione in campo internazionale. Infatti i ragazzi di Martinez sono arrivati secondi nel loro raggruppamento di Nations League, perdendo sonoramente 5-2 l’ultima partita del girone contro la Svizzera, che ha soffiato loro la qualificazione alla fase finale.

Il Belgio deve dunque tornare a dimostrare sul campo di essere una delle squadre più forti d’Europa, e forse del mondo.

D’altro canto la Russia, proprio alle spalle del Belgio, secondo i bookmakers dovrebbe essere la seconda qualificata ai prossimi Europei del gruppo I. I Russi, che hanno ospitato il Mondiale la scorsa estate, uscendo ai quarti di finale solo ai calci di rigore contro la Croazia poi vice campione dei mondo, sono pronti a dare battaglia. In Nations League la Russia era inserita nella lega B. Come il Belgio è stata superata in vetta al suo girone a causa di una sconfitta all’ultima giornata. A scavalcarla, e a prendersi la promozione nella lega A, è stata la Svezia con un 2-0 casalingo.

La partita di oggi vede però una netta favorita, il Belgio padrone di casa, e promette spettacolo e goal.

FORMAZIONI:

Belgio (3-4-2-1): Courtois; Alderweireld, Boyata, Vertonghen; Castagne, Tielemans, Dedoncker, Hazard T. (84° Chadli); Mertens, Hazard E.; Batshuayi.

Russia (5-4-1): Guilherme; Fernandes, Nababkin, Dzhikiya, Kudryashov, Zhirkov; Akhmetov, Golovin, Kuzyayev (26° Miranchuk), Cheryshev (64° Chalov); Dzyuba (77° Smolov) .

LA PARTITA:

Partono subito forte i padroni di casa. Al 3° è pericoloso in area Batshuayi, ma Guilherme riesce a fermare l’attaccante e a sventare il pericolo rifugiandosi in calcio d’angolo.

Al minuto 14 il Belgio riesce a sfruttare al meglio il predominio territoriale portandosi in vantaggio. Gran palla dell’Atalantino Castagne per Tielemans. Il centrocampista classe 1997, in prestito al Leicester dal Monaco, non si fa pregare e segna un gran goal dal limite dell’area portando i suoi sull’1-0!

La conclusione forte e precisa di Tielemans, che andrà ad insaccarsi in fondo al sacco

La Russia però reagisce immediatamente allo svantaggio subito. Al 16° è già 1-1! Errore clamoroso di Courtois, estremo difensore dei padroni di casa. Il portiere del Belgio e del Real Madrid su un disimpegno, che in apparenza era semplice, inspiegabilmente non calcia via il pallone subito, provando a uscire in dribbling. Pressato da Dzyuba rilancia malissimo il pallone regalandolo a Cheryshev. L’esterno Russo si ritrova con la palla tra i piedi e punisce l’erroraccio del portiere avversario regalando il pareggio ai suoi.

Courtois pressato regala clamorosamente il pari alla Russia

Il Belgio non ci sta e ritorna ad attaccare con prepotenza, senza però riuscire a sfondare la barriera eretta dai Russi. Al 40° bella occasione per Batshuayi, ma un difensore si immola e respinge la conclusione dell’attaccante.

Quando il primo tempo sembra concludersi in parità, nonostante i numerosi tentativi dei padroni di casa, arriva l’episodio che cambia nuovamente la partita. Zhirkov commette fallo in area. Al minuto 44 dunque, l’arbitro Hategan, concede il penalty al Belgio. Eden Hazard spiazza il portiere avversario e riporta avanti i suoi. E’ 2-1 allo Stadio King Baudouin di Bruxelles.

Freddissimo Hazard trasforma il rigore del 2-1

Nella ripresa i diavoli rossi controllano la partita, con la Russia che pensa più a difendere che ad attaccare nonostante lo svantaggio.

Il secondo tempo scivola via col Belgio che mantiene alla grande il possesso palla senza però affondare il colpo per non rischiare di scoprirsi troppo. Il possesso palla nella seconda frazione di gioco sarà del 62% per i padroni di casa, contro il solo 38% dei Russi.

Il Belgio al 79° va vicinissimo al terzo goal! Ancora Batshuayi servito in area spreca tutto non riuscendo a chiudere la partita. La sua conclusione va infatti a stamparsi contro il palo sinistro della porta di Guilherme, che non ci sarebbe potuto arrivare.

La terza marcatura per i padroni di casa però alla fine arriva. E’ ancora il funambolo Eden Hazard a segnare, realizzando così la sua personale doppietta. Il numero 10 Belga piomba sulla sfera vagante in area e la scarica in rete facendo esplodere di gioia lo stadio. Al minuto 88 dunque il Belgio si porta sul 3-1, chiudendo di fatto la contesa.

Hazard con la sua doppietta fissa il risultato sul 3-1

Nel recupero c’è ancora spazio per l’espulsione di Golovin, a lungo corteggiato dalla Juventus in estate, poi finito al Monaco dal CSKA di Mosca. Il giovane Russo dopo una brutta entrata riceve il secondo giallo e finisce anzitempo la partita.

Ottima partenza dunque per il Belgio che ha dominato per lunghi tratti la partita senza andare mai veramente in difficoltà, tanto che il goal degli ospiti è arrivato solamente per una disattenzione clamorosa di Courtois.

La Russia rimane comunque la papabile seconda del girone, ma questo inizio non è certo dei migliori. La squadra di Cherchesov è apparsa fin troppo difensiva e rinunciataria non riuscendo quasi mai ad impensierire la rocciosa difesa avversaria.

TABELLINO:

Risultato: Belgio-Russia 3-1.

Marcatori: 14° Tielemans (B), 16° Cheryshev (R), 45° e 88° Eden Hazard (B).

Ammoniti: Golovin (R), Mertens (B).

Espulsi: Golovin (R).

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.