Gran premio Toscana

Emozionante,imprevedibile. Due aggettivi che descrivono alla perfezione il gran premio della Toscana andato in scena nella giornata oggi.

Due safety car e due bandiere rosse hanno rimescolato le carte in tavola. La gara e le previsioni iniziali, sono state parzialmente stravolte dal circuito toscano alla sua prima apparizione nel calendario della Formula Uno.

A trionfare è stato Hamilton dopo una gara faticosa e interminabile. Nulli i tentativi di Bottas, il pilota inglese è di un’altra categoria.

Gran premio Toscana:cronaca

La gara inizia con un ottimo spunto da parte di Charles Leclerc che dalla quinta posizione riesce a beffare Verstappen e Albon ottenendo la terza posizione. Ottimo lo spunto del monegasco che vede interrompere il suo inizio dal primo incidente di gara.

In curva, Gasly tenta di sorpassare Raikkonen e Grosjean. Il vincitore di Monza però non ha lo spazio per passare e si ritrova in mezzo alle due vetture. Contatto con la vettura di Kimi che ne resta illesa ma a farne le spese è la Red Bull di Vertsappen che vede finire qui la sua gara.

Seconda gara consecutiva chiusa a 0 punti per l’olandese che vede terminare definitivamente le residue speranze di lottare per il titolo.

La gara riparte dopo cinque giri ma si interrompe nuovamente a causa di un altro incidente avvenuto sul rettilineo del traguardo.

Giovinazzi tampona la vettura di Magnussen che perde il controllo e travolge le vetture di Latifi e di Sainz che non ha potuto evitare l’impatto. Incidente causato dall’imprudenza di Giovinazzi che non si è reso conto della presenza della vettura di Magnussen che era in procinto di ripartire.

Una foto dopo l’impatto delle quattro vetture coinvolte

La gara si interrompe per bandiera rossa dopo soli 9 giri.

La ripresa vede una nuova partenza con lo scatto di Hamilton che brucia prima Leclerc e poi supera con una super staccata il suo compagno di scuderia. Prima posizione per il pilota inglese che si mette a guidare i 13 piloti rimanenti.

Perde posizioni Leclerc. Il monegasco vede la sua SF1000 arretrare dalla terza fino alla settima posizione. Leclerc prova a resistere agli attacchi di Stroll,Ricciardo, Albon e Perez ma la vettura è troppo inferiore per mantenere la posizione.

Evidente la frustazione per il monegasco che nulla può fare per impedire tutto questo. Non pervenuto Vettel che resta stabilmente tra la dodicesima e l’undicesima posizione. Il tedesco fatica a sorpassare la Williams di Russel.

La gara sembra destinata a concludersi con Bottas che in un singolo giro perde circa 8 secondi da Hamilton a causa di un problema delle gomme.

Gran premio Toscana:seconda bandiera rossa

Tutto cambia con la seconda bandiera rossa causata dall’uscita di pista di Stroll. Il canadese perde la sua vettura in curva e si va ad infrangere contro le barriere. Un impatto avvenuto a circa 280 km/h. Fortunatamente nessun problema o danno per il pilota che viene accompagnato nell’ospitality per accertamenti.

Seconda bandiera rossa e gara che riprende ancora una volta dalla griglia. Terza accensione per i semafori che danno il via alla terza parte del gran premio della Toscana.

In terza posizione questa volta c’è Ricciardo che tenta l’attacco sulle due Mercedes ma nulla può fare per contrastare la potenza della power unit inglese. Ricciardo che verrà sorpassato da un perfetto Albon che ricostruisce una gara che dopo la prima interruzione sembrava ormai persa.

Primo podio in carriera per il pilota della Red Bull che risponde così alla vittoria di Gasly a Monza dando un ottimo segnale a Helmut Marko.

Novantesima vittoria in carriera per il leggendario Lewis Hamilton che si consacra nel circuito del Mugello.Qui dove nacque la leggenda di Schumacher, Hamilton fa un ulteriore passo verso la grandezza. Ineluttabile il pilota inglese che completa un perfetto weekend.

Pessimo risultato per le due Ferrari. Leclerc conclude in ottava posizione grazie ad una penalità di cinque secondi nei confronti di Raikkonen che ha disputato un’ottima gara con la sua Alfa Romeo. Decimo posto per Vettel che è stato assente per quasi tutta la gara.

Ferrari che conclude il suo gran premio celebrativo con l’ennesima prestazione negativa che fa sprofondare la scuderia del cavallino rampante.

Appuntamento al prossimo gran premio che si disputerà in Russia dal 25 al 27 settembre.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20