Pordenone-Monza è terminata 1-1, un pareggio meritato per il match visto a Lignano Sabbiadoro. Entrambi gli allenatori avrebbero voluto vincere, soprattutto Attilio tesser. Sulla panchina del Monza c’era Lazzarini e non Brocchi.

Come mai non è andato in panchina Brocchi?

Cristian Brocchi non è stato presente oggi a Lignano Sabbiadoro. Il tecnico del Monza, ha fatto sapere l’ufficio stampa, è stato operato di calcoli. L’allenatore dovrebbe tornare sui campi di Monzello lunedì per guidare i suoi.

Conferenza Lazzarini, allenatore Monza vice Brocchi

Nel secondo tempo si poteva anche vincere?
“Sì, però il risultato è giusto. Il Pordenone ha creato di più nel primo tempo, noi abbiamo fatto meglio nella ripresa. Siamo partiti male, con l’episodio che chi ha puniti. Avevamo fretta di riprenderla e abbiamo subito un po’, poi abbiamo preso le misure creando di più”.

Come si affrontano tante partite così ravvicinate?
“Tante partite così ravvicinate saranno un’incognita ma abbiamo una rosa ampia e siamo pronti per questo periodo difficile”.

Emozionato per il debutto in panchina?
“Sicuramente, però dopo tanti anni da vice un po’ meno. Brocchi è un leone, nonostante l’operazione è riuscito a interagire con noi da lontano”.

Conferenza Tesser, allenatore Pordenone

Un vero peccato, abbiamo letteralmente dominato nel primo tempo, creando 6-7 palle gol contro una del Monza. La prima frazione avrebbe dovuto concludersi sul 3-0. Ci sono state tante possibilità non sfruttate, peccato per i 45 minuti iniziali dove abbiamo dominato. E’ un demerito nostro all’interno di una prestazione straordinaria. Abbiamo fatto un gol subito, l’arma per metterli in difficoltà era essere aggressivi e allo stesso tempo lucidi. Abbiamo sfruttato gli spazi, ma ci è mancata la finalizzazione. Musiolik ci darà una mano e potrà fare ancora molto. La cosa più importante oggi era fare tre punti, avremmo meritato molto di più. Dobbiamo smaltire bene questa partita, ce la si può giocare con tutti fino in fondo”.

Intervista Ravisa, presidente Pordenone

“Sono arrabbiato perché in casa manca la vittoria. Con la Reggina al novantesimo abbiamo subito gol, oggi abbiamo fatto una grande prestazione, dovevamo chiudere con 2-3 gol di scarto. Davanti siamo devastanti, in mezzo siamo in crescita. Abbiamo rischiato solo una volta contro una squadra che dovrebbe ammazzare il campionato. Venderemo cara la pelle. Voglio rivedere l’episodio in cui l’arbitro ha cambiato la decisione. Il Monza nel primo tempo non ci ha capito nulla, ma poi alla fine rischiavamo pure di perderla e sarebbe stato pazzesco. Serviva una vittoria per creare fiducia ed entusiasmo, oggi siamo in credito di punti. Meritavamo di vincere sia con la Reggina che oggi. Ci sono sempre squadre che non mollano mai, bisogna stare sul pezzo, i punti bisogna farli perchè è un campionato molto difficile. Il Var serve per tutti, in certi episodi tolgono qualsiasi dubbio. C’è in tutta Europa, deve arrivare da noi il più presto possibile anche in B, così ci sarà più trasparenza”

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20