Livorno-Perugia: quarantotto anni dopo i Biancorossi tornano ad espugnare l’Armando Picchi.

Partita pazza quella andata in scena a Livorno. Gli ospiti trovano il gol del vantaggio con Melchiorri, ma vengono prima raggiunti e poi superati grazie alla doppietta di Diamanti. Nel secondo tempo il Perugia trova il pareggio con Verre e poi il gol vittoria su rigore grazie a Vido. Grifoni che tornano a vincere a Livorno dopo quarantotto anni e che si allontanano dalla zona calda della classifica. Si tratta del primo successo esterno per la truppa di Nesta. Toscani sempre ultimi con cinque punti. 

Il tabellino

Livorno (3-5-1-1): Mazzoni; Di Gennaro, Dainelli (77′ Zima), Gasbarro; Pedrelli, Valiani, Bruno, Agazzi, Porcino (24′ Fazzi); Diamanti; Raicevic (70′ Murilo). All. Lucarelli

Perugia (4-3-1-2): Gabriel; Mazzocchi, Gyomber, Cremonesi, Falasco; Kingsley (87′ Mustacchio), Bianco (70′ Moscati), Dragomir; Verre; Vido, Melchiorri. All. Nesta

Ammoniti: Raicevic (L), Valiani (L), Vido P), Gasbarro (L), Verre (P), Falasco (P)

Espulso: Mazzoni (L)

La partita

Primo tempo: i padroni di casa sembrano partire con il piglio giusto e al 12’ vanno vicini al gol del vantaggio su calcio di punizione battuto da Diamanti, il pallone sorvola di poco il sette della porta avversaria; tuttavia è il Perugia a trovare la rete del dell’ 1-0 grazie ad un bel lavoro di Vido che serve un pallone preciso per Melchiorri. Destro violento del numero 11 ospite e palla in buca. Il Livorno non ci sta e al 14’ va vicinissimo al gol del pareggio con Diamanti. Il velenoso sinistro di controbalzo del numero 23 degli amaranto viene neutralizzato da un miracoloso intervento del portiere Gabriel. Due minuti dopo l’attaccante di casa Raicevic è il primo giocatore della partita a finire sul taccuino dei cattivi, fatto che si ripete al 19’, ma con protagonista il centrocampista toscano Valiani.
Al 24’ Cristiano Lucarelli è costretto alla prima sostituzione a causa dell’infortunio dell’esterno destro amaranto Porcino, al suo posto entra il classe 95 Nicolò Fazzi. Al 29’ scaramuccia tra il numero dieci degli ospiti Vido e il portiere di casa Mazzoni ed entrambi ricevono il cartellino giallo. Un minuto dopo è lo stesso Vido ad andare vicino al gol dello 0-2. L’attaccante arriva in area piccola dopo un bel lavoro del centrocampista Michael, ma spedisce clamorosamente a lato con il piatto destro.
Gol sbagliato, gol subito, anche questa volta si conferma la regola e il Livorno trova il gol del pareggio con Diamanti due minuti dopo. Pedrelli recupera un pallone vagante sulla trequarti ospite, serve Agazzi, che entra furiosamente in area e serve un cioccolatino per Diamanti, che deve solo spingere dentro. Gli amaranto si svegliano e cominciano a produrre il massimo sforzo offensivo per trovare la rete del sorpasso. Al 39’ contatto in area del Perugia tra l’estremo difensore Gabriel e Agazzi, l’arbitro Eugenio Abbattista di Molfetta concede il penalty per il Livorno. Dal dischetto Diamanti non sbaglia e sigla il gol del sorpasso oltre che della sua personale doppietta. Dopo due minuti di recupero si conclude un primo tempo vivace e divertente.

Secondo tempo: la partita riprende senza cambi in entrambe le squadre. Al 53’ il Perugia trova il gol del pareggio con un colpo di testa di Verre, servito ottimamente da Melchiorri. Poco dopo anche Gasbarro finisce sul taccuino dei cattivi per un tackle falloso ai danni di Vido nei pressi dell’area di rigore amaranto. Al 60’ l’autore del pareggio degli ospiti, Verre, viene ammonito per proteste troppo veementi nei confronti dell’arbitro. Diamanti al 62’ si mette in proprio e prova ad impensierire il Perugia con un tiro telefonato che termina abbondantemente a lato. Un minuto dopo Vido prova la conclusione, ma il tiro è centrale e comoda preda di Mazzoni. Al 68’ bell’azione del Livorno, pallone che arriva a Diamanti, sinistro a giro e pronta risposta del portiere biancorosso Gabriel. Al 70’ entrambe le squadre optano per un cambio a testa: nei padroni di casa esce Raicevic per Murillo, negli ospiti Moscati prende il posto di Bianco. Poco dopo il solito Vido si accentra, tiro violento e ottima risposta del portiere Mazzoni.
Al 74’ arriva la svolta della partita. Dainelli intercetta un cross proveniente dalla fascia destra con il braccio sinistro. L’arbitro, il Sig. Eugenio Abbattista di Molfetta, non ha dubbi e decreta il calcio di rigore per gli ospiti. Dal dischetto di presenta Vido che sigla il gol del sorpasso definitivo. Mazzoni, non contento della decisione, rivolge qualche parola di troppo al direttore di gara che non ci pensa due volte ad espellere l’estremo difensore amaranto. Lucarelli è costretto ad usare la terza e ultima sostituzione: fuori il difensore centrale Dainelli, autore del fallo che ha determinato il rigore e il conseguente vantaggio degli ospiti, per fare spazio all’estremo difensore Zima. Negli ultimi dieci minuti di gara saltano completamente gli schemi. All’85’ Fazzi colpisce di testa, dopo un bel suggerimento di Diamanti, non centrando però lo specchio della porta. All’87’ Michael accusa problemi fisici ed è costretto a lasciare il campo. Nesta inserisce Mustacchio al suo posto. Subito dopo Falasco viene ammonito per una vistosa trattenuta ai danni di Diamanti. Sul conseguente calcio di punizione Diamanti va direttamente in porta, Gabriel respinge con i pugni. Dopo cinque minuti di recupero termina la sfida tra Livorno e Perugia, una partita divertente e con continui capovolgimenti di fronte. Con questa vittoria il Perugia si allontana dalla zona rossa della classifica, amaranto invece sempre ultimi in classifica. Da segnalare i fischi dei supporter del Livorno nei confronti della propria squadra.


Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.