Mancini, un Grifo per far volare l’Italia

Ci sono alcune novità nella rosa dei convocati della Nazionale scelti dal commissario tecnico Roberto Mancini in vista della decisiva partita di Nations League contro il Portogallo e dell’amichevole contro gli Stati Uniti. Senza dubbio il nome più intrigante tra le new entry è quello di Vincenzo Grifo, 25 enne esterno in forza all’Hoffenheim, squadra che milita nella Bundesliga tedesca e che partecipa alla Champions League. L’esterno 25enne è originario di Naro, un piccolo comune della provincia di Agrigento, ma ha vissuto tutta la sua vita in Germania. I suoi genitori infatti si sono trasferiti in cerca di un futuro migliore e Vincenzo è nato il 7 aprile del 1993 a Pforzheim, città di 124 mila abitanti situata nel sud-ovest del territorio tedesco a 25 km da Karlsruhe. Vincenzo inizia a tirare i primi calci al pallone nella sua città natale venendo notato proprio dagli emissari del Karlsruhe i quali gli danno l’opportunità di iniziare a giocare per un club professionistico. Dopo solo un anno di militanza nel Karlsruhe l’italo-tedesco viene ingaggiato dall‘Hoffenheim che lo inserisce nella rosa della seconda squadra militante in Regionalliga Südwest. Grifo rimane ad Hoffenheim per un anno e mezzo riuscendo anche a collezionare 12 presenze con la prima squadra. A questo punto i dirigenti della squadra biancoazzurra decidono di mandare il giovane calciatore a fare esperienza in Zweite Liga (serie B tedesca) mandandolo prima in prestito alla Dinamo Dresda e poi al FSV Frankfurt. Quando sembrava scontato un suo ritorno all’Hoffenheim Grifo è costretto a trovarsi una nuova sistemazione in quanto non rientrava nei piani dell’allora tecnico Gisdol. Si fa allora avanti il Friburgo, club dela Zweite Liga con ambizioni di promozione, che se lo porta a casa per 1,5 mln di euro.                                      

Esultanza di Grifo dopo un goal con la maglia del Friburgo.

Ed è proprio al Friburgo che Grifo esplode definitvamente mettendo a segno la bellezza di 24 goal in 63 presenze in 2 stagioni di permanenza, di cui la prima culminata con la promozione in Bundesliga. A questo punto l’alto rendimento del ragazzo di origini siciliane suscita l’interesse di alcune big di Germania; alla fine a spuntarla è il Borussia Moenchengladbach che se lo aggiudica per la cifra complessiva di 6 milioni di euro. L’avventura con i biancoverdi però non è di quelle da ricordare per Vincenzo, che a Monchengladbach non riesce a trovare quella continuità che gli aveva permesso di essere protagonista a Friburgo.

Grifo in azione con la maglia dell’Hoffenheim

Ed è proprio qui che a giugno 2018 la squadra che lo aveva fatto esordire in Bundesliga torna a bussare alla porta di Grifo, desideroso di rimettersi in gioco dopo una stagione al di sotto delle aspettative. La proposta è di quelle irrinunciabili in quanto l’Hoffenheim da poche settimane si è qualificato alla fase a gironi della Champions League. Giocare nella competizione che assegna la coppa dalle grandi orecchie è l’ambizione di tutti i calciatori e Grifo non si lascia scappare questa occasione. Il resto è storie recente con l’inizio stagione da protagonista che oltre a regalargli il primo gol in Bundesliga con la maglia biancoazzurra e il debutto in Champions League ora gli regala anche il sogno della Nazionale maggiore dopo aver fatto parte sia dell’under-20 che dell’under-21. Alcuni anni fa egli stesso aveva dichiarato “la Nazionale sarebbe il più grande sogno, spero che prima o poi riesca a realizzarlo”. Ed oggi quel sogno è realtà e ci auguriamo che Grifo possa replicare anche in Nazionale quanto di buono fatto in Bundesliga con Friburgo e Hoffenheim. Viel Glük, Vincenzo!

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.