NBA Night: vincono Warriors e Nuggets, cadono i Lakers

7 partite nella notte NBA: ad ovest riprende la marcia dei Nuggets con un super Jokic, mentre i Warriors espugnano l’American Airlines Arena con un Curry da record. Cadono a sorpresa i Lakers contro i Cavaliers. Vittorie per Raptors, Sixers e Bucks

Washington Wizards-Toronto Raptors 138-140

Vittoria più complicata del previsto per i Toronto Raptors, usciti dalla Capital One Arena di Washington con la vittoria numero 33. I Wizards infatti, guidati da uno straordinario Bradley Beal (43 punti, 15 assist e 10 rimbalzi), trascinano il match fino al secondo overtime, quando però Serge Ibaka mette a referto la tripla che consegna la vittoria ai canadesi, che dopo aver preso il controllo della partita già nel 1° quarto, si fanno rimontare nel 3° e 4° periodo. Tanti i rimpianti per i Wizards, che oltre alla prestazione di Beal, fanno registrare ottime performance anche da Trevor Ariza (23 punti e 10 assist) e Otto Porter (27 punti). MVP della partita Kahwi Leonard (41 punti e 11 rimbalzi), ben supportato da Pascal Siakam (24 punti e 19 rimbalzi)

New York Knicks-Philadelphia 76ers 105-108

Vittoria sofferta anche per i Philadelphia 76ers, che dopo aver dominato contro i Knicks per gran parte della partita, finiscono per farsi raggiungere dopo un terzo quarto in cui New York realizza un parziale di 32-17, riportandosi a contatto dei Sixers. Prova maiuscola quella di Ben Simmons (20 punti e 22 rimbalzi), e dei suoi compagni Embiid (26 punti) e Redick (22 punti). New York si affida invece a Kevin Knox e Luke Kornet (33 e 23 punti)

Atlanta Hawks-Milwaukee Bucks 114-133

Netta affermazione dei Milwaukee Bucks sul campo degli Hawks. Giannis e compagni superano facilmente le resistenze dei Falchi della Georgia, raggiungendo la 30esima vittoria stagionale e consolidando il secondo posto ad est. Ancora protagonista Greak Freak Antetokounmpo, autore di 33 punti. Ottima prova anche per Eric Bledsoe (24 punti e 10 rimbalzi) e per Khris Middleton (17 punti e 11 rimbalzi). Migliore per Atlanta il giovane Trae Young (26 punti e 10 rimbalzi)

Orlando Magic-Houston Rockets 116-109

Sconfitta per Houston, nonostante James Harden non faccia mancare ancora una volta il suo contributo (38 punti e 12 assist per il Barba) . E a nulla servono i 25 punti di Austin Rivers, e i 17 punti e 11 rimbalzi di Clint Capela. I Magic non mollano, dopo essere finiti sotto anche di 10 punti, e già nel 3° quarto cominciano a riavvicinarsi ai Rockets, per poi superarli e sconfiggerli grazie ad un 4° periodo che si conclude 30-21, e che permette ad Orlando di accaparrarsi la vittoria numero 19. Migliori in campo Aaron Gordon e Nikola Vucevic (22 punti per entrambi)

Dallas Mavericks-Golden State Warriors 114-119

Prestazione sontuosa di Stephen Curry, che con 48 punti e ben 11 triple, abbatte i Dallas Mavericks alla American Airlines Arena. Servono tutto l’estro e il talento di Steph per avere la meglio di un avversario in grado di tener testa ai campioni in carica, nonostante la differenza di qualità tra i due roster. Non bastano ai Mavs i 26 punti del talento Luka Doncic, e i 22 di Harrison Barnes né i 13 punti e 14 rimbalzi di DeAndre Jordan. Oltre a Curry, i californiani possono contare sui 28 punti di Kevin Durant, mentre in tono minore la serata di Klay Thompson (solo 16 punti per il talento di Los Angeles). Quarta vittoria consecutiva per i Warriors, che ora insidiano la prima posizione ad ovest dei Nuggets

Denver Nuggets-Portland Trailblazers 116-113

Vittoria numero 29 per i Denver Nuggets, che guidati alla vittoria da un super Nikola Jokic (40 punti e 10 rimbalzi), conservano il primato ad ovest, nonostante la vittoria Warriors contro Dallas. Le due squadre si equivalgono, e a risultare decisivo è solo il 3° periodo, quando i Nuggets allungano sul +9 dopo un parziale di 35-28. Bene per Denver anche Jamal Murray (24 punti), mentre i Blazers vedono interrompersi la propria serie positiva di quattro vittorie consecutive, che li ha portati fino al quarto posto ad ovest. Per Portland il migliore in campo è Damian Lillard

Los Angeles Lakers-Cleveland Cavaliers 95-101


Continua a farsi sentire l’assenza di Lebron James (oltre a quella di Rondo) per i Los Angeles Lakers, che perdono a sorpresa in casa contro gli ultimissimi Cleveland Cavaliers, che non solo tengono testa per tutta la partita ai padroni di casa, ma ne ottengono pure lo scalpo. I gialloviola si affidano principalmente a Kyle Kuzma e Brandon Ingram (29 e 22 punti), mentre il terzo talento di Los Angeles, Lonzo Ball, segna solo 13 punti. Grande prestazione di squadra dei Cavs, con ben 5 giocatori che vanno in doppia cifra, e due di questi mettono pure a referto una doppia doppia (Tristan Thompson 15 punti e 14 rimbalzi, e Alec Burks 17 punti e 13 rimbalzi). Con la 9° sconfitta interna, i Lakers sono ora invischiati nella lotta playoff, raggiunti dagli straripanti Utah Jazz, che dopo quattro vittorie consecutive fanno ora sentire il loro fiato sul collo dei losangelini

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.